Per diversi mesi in una prigione afghana: i talebani rilasciano l'estremista austriaco di destra

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

In una prigione afghana per diversi mesi
I talebani liberano un estremista di destra austriaco

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Un estremista di destra austriaco si reca in Afghanistan nell’ottobre 2022 e in un diario di viaggio parla della sua “vacanza educativa sicura”. Quando ritornò nel Paese qualche mese dopo, i talebani lo rapirono. Nove mesi dopo, il Ministero degli Esteri austriaco ha rilasciato l’84enne.

Un estremista di destra austriaco è stato rilasciato dopo nove mesi di detenzione talebana in Afghanistan. Come annunciato dalla Cancelleria federale e dal Ministero degli Esteri di Vienna, Herbert F. L'84enne si è diretto nella capitale del Qatar, Doha. Dal maggio 2023 era nelle mani dei talebani islamici, che lo avevano rapito poco dopo il suo ingresso nel Paese con l'accusa di spionaggio.

Il 10 il cancelliere Karl Nehammer del partito ÖVP ha ringraziato il governo del Qatar per la sua mediazione in questa questione. Il Ministero degli Esteri ha confermato che l'84enne aveva ricevuto negli ultimi mesi “il miglior sostegno consolare possibile” tramite il Ministero degli Esteri, l'ambasciata responsabile in Pakistan e la Rappresentanza dell'Unione Europea a Kabul. Ciò significava che gli erano stati forniti i farmaci e gli apparecchi acustici di cui aveva così disperatamente bisogno. La famiglia dell'uomo aveva precedentemente pubblicato una petizione online chiedendo di intensificare gli sforzi diplomatici. Il Ministero degli Affari Esteri ha dichiarato che si stanno compiendo sforzi su richiesta dello “Standard” austriaco dello scorso giugno. Tuttavia, l’assistenza consolare in Afghanistan è “naturalmente possibile solo su scala molto limitata”.

Herbert F. Saldamente radicato nella scena di estrema destra austriaca. Nel 1967 fu uno dei membri fondatori del Partito Nazionale Democratico, bandito nel 1988. L'ex insegnante aveva già visitato l'Afghanistan negli anni '80, quando lì i gruppi islamici combattevano contro le forze sovietiche. Nonostante il più alto livello di avvertimento di viaggio per l’Afghanistan degli ultimi decenni, l’autoproclamato “Amico del popolo” si è recato a Kabul attraverso il Pakistan nell’ottobre 2022 e poi di nuovo nel 2023.

Come l'austriaco “Grasso solido vegetale o animale per cucinare” Ha dichiarato di aver pubblicato, poco prima del suo arresto, un articolo su un giornale di estrema destra dal titolo “Vacanze con i talebani” in cui esprimeva, tra l'altro, la sua ammirazione per la vita vivace nei mercati. Ha descritto l’Afghanistan come “di nuovo sicuro” e in un’intervista supplementare ha parlato di un “viaggio educativo sicuro”. Una storia che piace sentire negli ambienti di estrema destra, perché secondo essa l'Afghanistan sarà un “paese sicuro” in cui una persona potrà essere deportata senza problemi. Ad esempio, a settembre una delegazione del partito di estrema destra austriaco FPÖ si è recata a Kabul per farsi un’idea della situazione della sicurezza nel paese.

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 20 luglio 2024, 6:20Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

La figlia di Valya è dovuta andare in ospedale!

Samira Yavuz è preoccupata: sua figlia Valya è dovuta andare in ospedale!bromflashSamira W Serkan Sono diventati genitori per...

Il campione olimpico Harting si lamenta di “un’ideologia orientata alle minoranze”

L’atletica tedesca è in crisi. Il campione olimpico Robert Harting ha una visione chiara delle ragioni e...