Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Parlamento europeo: un deputato mostra il saluto di Hitler in plenaria – Politica all’estero

Scandalo nel cuore dell’Europa!

Il deputato bulgaro Angel Dzhambasky (42) ha fatto scandalo al Parlamento europeo a Strasburgo: ha salutato Hitler in plenaria!

Altri parlamentari sono sconvolti. Il presidente del gruppo PPE, Manfred Weber (49, CSU): “Condanniamo questo nei termini più forti possibile. È l’opposto di ciò che sostiene il Parlamento europeo – e chiediamo sanzioni immediate”.

La deputata socialdemocratica italiana Pina Bisserno (40 anni) ha presieduto la sessione parlamentare e l’ha presentata in un secondo momento Twitter Ovvio: “Ho subito condannato l’accaduto e chiesto sanzioni per questo gesto spregevole e inaccettabile. Il Parlamento europeo è un monumento vivente alla democrazia contro la barbarie del nazifascismo”.

Prima dell’ovvio saluto a Hitler, il critico europeo Dzhambaski ha aspramente attaccato il deputato italiano Sandro Goes (53) nel dibattito sulle possibili sanzioni contro Polonia e Ungheria, dicendo: “Non saremo mai d’accordo con la tua agenda, l’agenda delle ONG che stanno cercando di ottenere in Europa per distruggere e trasformarsi in qualcos’altro”.

Poi lasciò l’ingresso, si voltò per le scale e tese il braccio destro in alto. Il presunto messaggio: siete nazisti!

Ma il governatore nazionale Dzhambasky insiste che il suo gesto non è stato un saluto a Hitler. “Mi scuso se la mia ondata innocente (che significa scuse) ha offeso qualcuno”, ha scritto. Twitter.

Questo è ciò di cui parla la discussione

L’Ungheria e la Polonia rischiano di perdere miliardi dal bilancio dell’UE. La Corte di giustizia europea ha respinto mercoledì le denunce di Varsavia e Budapest contro il cosiddetto meccanismo dello stato di diritto dell’Unione europea.

READ  Giornalista e portavoce del Lago di Como: Attaccare le ville dell'amico di Putin

Il risultato: la più alta corte ha confermato che la Commissione Ue può tagliare i fondi agli Stati membri se violano i principi dello stato di diritto.

Dal punto di vista dell’UE, la Polonia lo ha fatto attraverso una controversa ristrutturazione della sua magistratura. In Ungheria, il governo di Viktor Orban, 58 anni, è stato accusato di corruzione diffusa.

L’Ungheria ha criticato la sentenza, descrivendola come “argomento politicamente motivato”. “La decisione è la prova vivente di come Bruxelles abbia abusato del suo potere”, ha affermato il ministro della Giustizia Judith Varga, 41 anni.

Tuttavia, è probabile che i risultati effettivi della decisione del tribunale arrivino più tardi. In una prima reazione, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (63) ha affermato che la sua autorità voleva prima analizzare a fondo la sentenza.