Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ordini mancanti dalla Russia: la divisione Linde prevede massicci tagli di posti di lavoro

Gli ordini persi della Russia
La divisione Linde prevede massicci tagli di posti di lavoro

A causa delle sanzioni contro la Russia, il dipartimento di impiantistica di Linde sta perdendo miliardi di ordini. Risultato: il sito a Pullach non è più completamente utilizzato. La forza lavoro deve tremare. Secondo gli addetti ai lavori, un lavoro su quattro è a rischio.

C’è il rischio di tagli di posti di lavoro nella divisione costruzione di impianti Linde dopo il ritiro dalla Russia. A seguito delle sanzioni contro il governo di Vladimir Putin, il gruppo americano-tedesco ha perso ordini redditizi su larga scala per impianti di liquefazione e trattamento del gas, principalmente dalla Gazprom di proprietà statale.

Linde plc 274.15

Il membro del Consiglio di amministrazione incaricato degli affari, Jürgen Nowicki, ha parlato in una riunione d’affari in videoconferenza sulle “misure strutturali necessarie al sito di Pollach” e sulle significative riduzioni del personale, come dimostra una lettera del Business Council al forza lavoro, che Reuters ha a disposizione. Su ordini dalla Russia, il sito fuori Monaco è stato occupato per anni.

Diversi addetti ai lavori dell’azienda hanno affermato che il piano è di tagliare da 400 a 500 posti di lavoro. Un portavoce ha rifiutato di commentare. Linde impiega 2.000 brave persone nella costruzione dello stabilimento di Bolash. Le domande provenienti dalla Russia rappresentavano i due terzi dell’arretrato del dipartimento.

Il Consiglio del lavoro è alla ricerca di alternative

Secondo Nowicki, il consiglio presume che un terzo sia andato irrimediabilmente perso. E IG Metall ci mette un punto interrogativo dietro: “Siamo convinti che questa sia solo una valle di lacrime che deve finire dopo due o tre anni”, ha detto a Reuters venerdì il rappresentante Linde per IG Metall, Danielle Fregia. “Il sito di Pollach deve essere preservato in termini di ampiezza e profondità”.

Il presidente del consiglio aziendale Hans-Peter Kaballu ha affermato che Linde sta spingendo per ridimensionare il più rapidamente possibile. Ma questo è completamente il modo sbagliato, un tentativo impotente”. Linde è minacciata di perdita di conoscenza, mentre i costi del personale sono solo una frazione dei costi totali. Linde è in una posizione migliore rispetto a qualsiasi altro produttore per passare dal gas all’idrogeno come fonte di energia. L’attività è redditizia, ma senza la Russia non otterrà il ritorno sulle vendite desiderato”. Rende nervosa la dirigenza.” Il Consiglio del Lavoro vuole mostrare alternative ai tagli ai posti di lavoro.

Il titolo Linde è salito temporaneamente del 2,33 percento a € 274,55 dopo ore sulla piattaforma di trading Tradegate.

READ  La Fed potrebbe stringere la rotta: le azioni sono di nuovo nella "trappola dei tassi di interesse"