Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Onde di Natale: le collisioni di meteoriti fanno tremare Marte

Onde di Natale
Gli impatti di meteoriti scuotono Marte

Sebbene i team di ricerca siano già stati in grado di imparare molto sull’interno di Marte, non ci sono quasi dati sulla struttura della crosta. Ciò ha cambiato due impatti di meteoriti, uno dei quali è arrivato come regalo di Natale nel 2021. Grazie alla loro forza, sono stati una manna dal cielo per i ricercatori.

La vigilia di Natale del 2021 si è verificato un enorme schianto sul Pianeta Rosso: un meteorite si è schiantato contro un cratere alto 150 metri nella pianura amazzonica su Marte. La collisione ha provocato un terremoto, che è stato registrato dal sismometro del lander americano “Insight” a una distanza di 3.532 chilometri. L’impatto e un altro leggermente più piccolo il 18 settembre 2021 hanno fornito preziose informazioni sulla crosta del pianeta, Come riporta un team di ricerca internazionale sulla rivista “Science”..

Simulazione del campo delle onde: la prima osservazione delle onde superficiali su Marte rivela i dettagli della crosta del pianeta.

(Foto: ETH Zurigo, Doyeon Kim, Martin van Driel, Christian Boehm / dpa)

“È la prima volta che siamo stati in grado di rilevare le onde sismiche di superficie su un altro corpo celeste”, afferma Doyeon Kim dell’ETH di Zurigo, uno degli scienziati coinvolti. “Anche sulla Luna tali prove non possono essere ottenute con i rivelatori delle missioni Apollo”. L’attività tettonica o influenza tettonica provoca due tipi di tremori che si propagano sotto forma di onde: le onde del cielo, che viaggiano attraverso l’interno del pianeta, e le onde di superficie, che – come suggerisce il nome – si propagano vicino alla superficie, cioè nell’area terrestre. Crosta.

La sonda InSight, che è atterrata a novembre 2018, ha registrato più di 1.300 terremoti di questo tipo, ma finora si trattava solo di onde spaziali. I ricercatori hanno imparato molto sulla struttura interna del pianeta rosso, e questo è anche il compito principale della missione. La diffusione delle onde sismiche ha mostrato che il nostro pianeta vicino è molto simile alla Terra dall’interno. Finora, ci sono state solo misurazioni della crosta direttamente nel sito del lander InSight.

Gli effetti sono stati un colpo di fortuna per i ricercatori

Utilizzare solo in connessione con lo studio.  jpeg

Illustrazione dell’interno di Marte e dei suoi effetti.

(Foto: Dr. Sheng Wang e Prof. Hervoy Takalcik / ANU / dpa)

La forza delle due collisioni si è rivelata un colpo di fortuna per i ricercatori. Dalla forma delle onde registrate, i ricercatori hanno immediatamente concluso che non si trattava di normali terremoti, ma di impatti di meteoriti. Combinando le onde spaziali e le onde di superficie, il team di Insight è stato in grado di stimare in modo abbastanza accurato dove su Marte si sarebbero dovuti verificare gli impatti. Quindi è iniziata la ricerca di nuovi crateri sulle immagini ad alta risoluzione del “Mars Reconnaissance Orbiter”: la sonda è in orbita attorno al Pianeta Rosso dal 2006.

I ricercatori hanno effettivamente trovato quello che stavano cercando e hanno scoperto due crateri con nuove tracce di eiaculazione nelle aree sospette. Individuando gli impatti, il team è stato quindi in grado di trarre conclusioni sulla crosta attraverso la quale stava passando dalle onde superficiali ricevute. Il risultato è stato una sorpresa per gli scienziati: in generale, la crosta appare molto omogenea per tutto il percorso dai siti dell’impatto al lander InSight. I ricercatori in realtà si aspettavano differenze significative tra gli altipiani pieni di crateri dell’emisfero meridionale e le pianure dell’emisfero settentrionale.

Sperando in altri successi

Finora, non c’è alcuna spiegazione sul perché gli emisferi settentrionale e meridionale del pianeta rosso siano così diversi. Ma le misurazioni delle onde superficiali contraddicono i modelli precedenti, secondo cui la crosta a nord ea sud è composta da materiali diversi. I dati mostrano anche che la crosta di Marte è, in media, molto più densa di quanto non fosse nel sito di atterraggio di InSight. “Ciò significa che la crosta sotto la sonda probabilmente non rappresenta la struttura generale della crosta marziana”, osserva Kim.

I ricercatori ora sperano in più impatti per saperne di più sulla crosta del nostro pianeta vicino. Tuttavia, la missione InSight terminerà a dicembre perché così tanta polvere si sarà depositata sulle celle solari della sonda che non ci sarà abbastanza energia per alimentare gli indicatori. Tuttavia, i dati raccolti terranno impegnati gli scienziati per gli anni a venire e potrebbero fornire spunti più sorprendenti.

READ  Aumentare il colesterolo buono: 4 consigli