Olympia: Biden boicotta i Giochi invernali di Pechino

Date:

Share post:

Benigna Baresi
Benigna Baresi
"Totale drogato di caffè. Ninja della TV. Risolutore di problemi impenitente. Esperto di birra."

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e la sua amministrazione lasceranno le Olimpiadi invernali di Pechino, che si terranno dal 4 al 20 febbraio. La Casa Bianca lunedì ha annunciato il boicottaggio diplomatico. Gli atleti americani possono partecipare alle competizioni.

“Il governo Biden non invierà diplomatici o rappresentanti ufficiali alle Olimpiadi invernali e alle Paralimpiadi di Pechino nel 2022. Il motivo è il genocidio in corso e le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, nonché altre violazioni dei diritti umani”, ha affermato la portavoce Jen Psaki. Gli atleti del Team USA hanno il nostro pieno supporto. Li supportiamo al 100% e li incoraggeremo da casa”.

Biden ha annunciato la misura due settimane fa per protestare contro le violazioni dei diritti umani in Cina, la repressione dei musulmani uiguri nello Xinjiang e la repressione del movimento democratico a Hong Kong. Diversi senatori repubblicani hanno chiesto un boicottaggio completo. Diversi membri del Parlamento di entrambi i partiti, tra cui la presidente della Camera democratica Nancy Pelosi e il senatore repubblicano Mitt Romney, hanno chiesto il boicottaggio diplomatico.

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto lunedì, prima della decisione a Washington, che i politici statunitensi avrebbero “esagerato” il boicottaggio, anche se non hanno ancora ricevuto alcun invito a partecipare ai giochi. “È una presa in giro dello spirito olimpico, una provocazione politica e un assalto a 1,4 miliardi di cinesi”. Ha minacciato di “prendere contromisure decise”.

Né la Nuova Zelanda vuole inviare rappresentanti diplomatici a Pechino a febbraio. Come ha affermato martedì il vice primo ministro Grant Robertson, la pandemia in corso è stata una delle ragioni principali della decisione: “Abbiamo espresso le nostre preoccupazioni alla Cina sulle questioni dei diritti umani in numerose occasioni – il primo ministro ha recentemente parlato al presidente Xi su questa questione. “La Cina conosce molto bene la nostra posizione sui diritti umani, ma abbiamo già deciso di non partecipare”, ha detto Robertson, secondo l’emittente televisiva statale TVNZ, aggiungendo che la Cina è stata informata della decisione a ottobre. .

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...