Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Viagra previene la demenza da morbo di Alzheimer? Il principio attivo sildenafil ha ridotto il rischio di malattia di Alzheimer del 69 percento in un ampio studio

I potenziatori di potenza funzionano anche nel cervello: il principio attivo Viagra, Sildenafil, può ridurre il rischio di sviluppare la demenza di Alzheimer – di circa il 69 percento, secondo una valutazione dei dati sulla salute di sette milioni di persone. Il rischio dei partecipanti di sviluppare l’Alzheimer è stato ridotto indipendentemente dalle malattie precedenti e da altri fattori di rischio, hanno riportato i ricercatori sulla rivista Nature Aging. Ulteriori prove di laboratorio hanno inoltre fornito le prime indicazioni di un possibile meccanismo d’azione.

In effetti, il sildenafil, il principio attivo del Viagra, dovrebbe aiutare a curare la disfunzione erettile e l’ipertensione polmonare. Funziona perché l’agente inibisce un certo enzima chiamato fosfodiesterasi-5 (PDE-5), che provoca la dilatazione dei vasi sanguigni. Allo stesso tempo, l’inibizione enzimatica ha altri effetti, tra cui cellule adiposeE anche il muscolo cardiaco cellule cancerose della pelle può influenzare.

Il sildenafil, un componente del Viagra, rilassa e allarga i vasi sanguigni inibendo l’enzima fosfodiesterasi-5 (PDE-5). © JoyImage / Getty Images

Monitorare le interazioni proteiche

Ora un team guidato da Jiangsong Fang del Lerner Research Institute presso la Cleveland Clinic può scoprire un altro effetto del sildenafil. Per il loro studio, hanno esaminato 1.600 farmaci che erano già stati approvati per determinare se fossero efficaci contro il morbo di Alzheimer. Per fare ciò, hanno prima creato un modello genetico molecolare che rappresentava diverse interazioni proteiche nella malattia di Alzheimer.

“Studi recenti mostrano che l’interazione tra proteine ​​amiloidi e proteine ​​tau ha maggiori probabilità di contribuire all’Alzheimer rispetto a entrambe le proteine ​​prese da sole”, spiega il collega di Fang, Feixiong Cheng. “Questo è il motivo per cui abbiamo ipotizzato che le sostanze attive che si legano alla rete molecolare tra queste due proteine ​​dovrebbero avere il maggior potenziale di successo”. Deluso.

READ  In caso di sovraccarico sulle unità di terapia intensiva - L'aeronautica deve trasportare i pazienti Corona - politica interna

Con l’aiuto del modello genetico molecolare, gli scienziati hanno quindi ripulito 1.600 sostanze attive per vedere se potrebbero avere un effetto.

Ridurre i casi di Alzheimer durante l’assunzione di sildenafil

Tra i 66 candidati promettenti, uno spiccava: “Il Sildenafil si è presentato come il miglior candidato per un potenziale effetto anti-Alzheimer”, secondo il rapporto di Cheng. Per indagare, il team ha analizzato i dati sanitari di sette milioni di pazienti con assicurazione sanitaria negli Stati Uniti. Hanno confrontato il numero di persone che hanno sviluppato la malattia di Alzheimer dopo sei anni e se e come questa percentuale differiva nei pazienti che avevano ricevuto la prescrizione di sildenafil.

Il risultato è stato sorprendentemente chiaro: “Rispetto ai partecipanti senza sildenafil, l’assunzione di sildenafil era significativamente associata a un rischio inferiore del 69 percento di malattia di Alzheimer”, riferiscono Fang e colleghi. Rispetto ai pazienti che hanno assunto altri quattro principi attivi con effetti potenzialmente protettivi per la demenza durante questo periodo, anche il rischio è stato ridotto dal 55 al 65 percento.

La relazione è rimasta significativa anche quando sono stati inclusi altri fattori di rischio come l’ipertensione, il diabete o l’aterosclerosi.

Efficace anche in colture cellulari

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che il sildenafil può essere un componente candidato efficace per prevenire o curare il morbo di Alzheimer. Lo attribuiscono al fatto che nel cervello è presente anche l’enzima PDE-5, che è inibito dal sildenafil. Esperimenti preliminari sui topi hanno anche mostrato che il principio attivo può inibire l’attività di altre due proteine, che a loro volta favoriscono la formazione di proteine ​​tau denaturate.

READ  Ti preoccupi troppo? Il terapeuta spiega come fermarsi

Per verificarlo, Fang e il suo team hanno coltivato cellule cerebrali di malati di Alzheimer in un laboratorio e le hanno trattate con sildenafil. Risultato: sotto l’influenza di un potenziatore sessuale, la crescita dei processi neuronali è aumentata e nelle colture cellulari si sono accumulate meno fibre proteiche tau. “Questo supporta il potenziale del sildenafil contro l’Alzheimer e per quanto riguarda il meccanismo”, hanno detto i ricercatori.

È già in programma uno studio clinico

Tuttavia, Fang e colleghi hanno anche sottolineato che questi sono solo punti di partenza primari iniziali. Al fine di stabilire una chiara relazione causale nonché l’entità dell’effetto, devono ora seguire studi clinici sistematici. “Stiamo già pianificando uno studio di fase 2 con i malati di Alzheimer per confermare la causa e l’effetto clinico del sildenafil”, afferma Cheng. (La natura dell’invecchiamento, 20231; doi: 10.1038/s43587-021-00138-z)

Coyle: Cleveland Clinic