Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Olimpiadi: decisione controversa del Comitato Olimpico Internazionale: consentire ai russi di partecipare alle Olimpiadi | Gli sport

Olimpiadi: decisione controversa del Comitato Olimpico Internazionale: consentire ai russi di partecipare alle Olimpiadi |  Gli sport

La decisione è stata presa!

Come è avvenuto ai Giochi invernali di Pechino del 2022, gli atleti russi e bielorussi potranno partecipare alle Olimpiadi estive del prossimo anno a Parigi (dal 26 luglio all’11 agosto) sotto una bandiera neutrale. Il Comitato Olimpico Internazionale ha annunciato venerdì la decisione.

Il CIO concede ai singoli atleti di entrambi i paesi il permesso di competere ai Giochi estivi del 2024 a determinate condizioni, a condizione che soddisfino i requisiti di qualificazione.

Secondo il Comitato Olimpico Internazionale, otto russi e tre bielorussi si sono finora qualificati per i Giochi Olimpici di Parigi. Ci sono più di 60 ucraini su circa 4.600 atleti già idonei a partecipare.

In tal modo, il CIO ha seguito la richiesta delle federazioni internazionali degli sport estivi e dei Comitati Olimpici Nazionali di prendere una decisione dopo lunghe discussioni sulla questione, che è stata controversa dall’inizio della guerra di aggressione della Russia in Ucraina.

Condizione per il ritorno alle competizioni internazionali: russi e bielorussi possono iniziare a Parigi solo sotto bandiera neutrale. Non sono ammesse squadre. Non verrà suonato l’inno nazionale ed è vietato l’uso di simboli e bandiere nazionali.

Nagelsmann con la sua ragazza sugli spalti Haman: “L’ignoranza è difficile da superare!”

Fonte: foto

Inoltre gli atleti non devono avere alcun legame con i servizi militari e di sicurezza e non devono aver mostrato un sostegno attivo alla guerra in Ucraina.

Inoltre, dovranno essere rispettate le linee guida antidoping e tutti gli atleti dovranno impegnarsi per iscritto alla Carta Olimpica e quindi anche alla “Missione di Pace del Movimento Olimpico”.

Dopo l’attacco russo all’Ucraina, russi e bielorussi (sostenitori della Russia nel conflitto) sono stati esclusi dalle competizioni internazionali. In primavera, il Comitato Olimpico Internazionale, guidato dal presidente Thomas Bach (69 anni), ha aperto le porte al ritorno dei due Paesi e ha stabilito le condizioni per la partecipazione alle competizioni.

Di conseguenza, agli atleti dovrebbe essere consentito di soddisfare i criteri di qualificazione per i Giochi estivi. Negli ultimi mesi alcune federazioni mondiali hanno seguito le linee guida del Comitato Olimpico Internazionale e hanno consentito il rientro di russi e bielorussi.

Fino a poco tempo fa l’organizzazione mantello aveva lasciato aperta la decisione di partecipare ai Giochi Olimpici. A settembre, anche il Comitato Paralimpico Internazionale ha revocato il divieto nei confronti della Russia e ha consentito agli atleti russi con disabilità di competere sotto una bandiera neutrale ai Giochi Paralimpici di Parigi. Questo è stato considerato un presagio della decisione del CIO.

Anche la Federazione sportiva olimpica tedesca ha recentemente cambiato rotta e ha invitato russi e bielorussi a iniziare. Il presidente del DOSB Thomas Weikert (62): “Se la Germania fosse l’unico Paese a impedire a russi e bielorussi di competere sotto una bandiera neutrale, nel nostro Paese non ci sarebbero eventi sportivi internazionali”.