Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo vaccino Corona: Approvazione del vaccino “convenzionale” a base di proteine ​​che è stato richiesto

  • a partire dalPamela Doerhofer

    Chiudere

La società biotecnologica statunitense Novavax ha annunciato lunedì di aver presentato tutti i dati necessari all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e la richiesta di approvazione seguirà presto.

Gaithersburg – Non tutte le persone che non sono ancora state vaccinate contro il Covid-19 nonostante la possibilità di vaccinarsi, generalmente rifiutano le vaccinazioni. Al contrario, è probabile che alcuni attendano l’approvazione di un vaccino convenzionale su un principio familiare; Non solo in Germania. A differenza di molti Paesi dell’Asia e dell’America Latina, in Europa, Stati Uniti e Canada, ma anche in Australia e Nuova Zelanda, i vaccini Covid “convenzionali” non sono ancora stati approvati; Questo vale per i vaccini a base di proteine ​​con particelle proteiche virali prodotte industrialmente, nonché per i vaccini con un agente patogeno inattivato.

Ma ora le cose si stanno muovendo: l’azienda biotecnologica statunitense Novavax ha annunciato lunedì di aver presentato tutti i dati necessari all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e quindi la richiesta di approvazione dovrebbe dare seguito a breve.

Ema ha esaminato il vaccino a base di proteine ​​NVX-CoV2373 dal febbraio 2021 in un processo di revisione in corso. Il produttore ha già richiesto l’omologazione in Gran Bretagna, Australia e Canada nei giorni scorsi. In tutti questi Paesi arriverà sul mercato il primo vaccino Covid non genetico. NVX-CoV2373 di Novavax è già stato approvato in Indonesia da lunedì. Anche negli USA è prevista a breve una domanda di omologazione.

Novavax sta cercando un vaccino a base di proteine ​​contro il corona. (immagine dell’icona)

© Karen Ducey / afp

Vaccino contro il coronavirus a base di proteine ​​Novavax: approvazione in Europa probabile nel 2022

Quando un vaccino sarà ampiamente disponibile in Europa, potrebbe essere nel 2022. La società statunitense ha dovuto deludere coloro che erano disposti a vaccinare mettendo in discussione più volte i nuovi vaccini Covid esistenti e lasciando tremare i suoi investitori; La quota ha visto un piccolo andamento al rialzo e al ribasso negli ultimi mesi. Perché la richiesta di omologazione in Unione Europea e Stati Uniti, inizialmente prevista per la primavera del 2021, è stata sempre più rimandata. Si presume che ci siano problemi con l’approvvigionamento di materie prime come filtri e sacchetti di plastica sterili per la coltivazione di cellule vaccinali. Inoltre, Novavax è un’azienda relativamente giovane che si affida all’outsourcing e alle partnership per la produzione di massa. Ad esempio, il produttore americano collabora con il Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo, ma ha anche acquisito un proprio sito di produzione nella Repubblica ceca.

Novavax ha riportato promettenti primi risultati per il vaccino in primavera e ha confermato risultati positivi in ​​diversi altri studi. L’azienda parla di una protezione al cento per cento contro le malattie da moderate a gravi, che è stata dimostrata in uno studio di Fase III con 30.000 partecipanti negli Stati Uniti e in Messico. In generale, si dice che il vaccino abbia raggiunto un’efficacia media di circa il 90% in vari studi, con protezione contro la variante beta, che è apparsa per la prima volta in Sud Africa ed è particolarmente problematica in termini di fuga immunitaria, anche con questo vaccino. In generale, si dice che il vaccino sia ben tollerato e si dice che le reazioni alla vaccinazione come dolore al sito di iniezione, mal di testa, dolore alle estremità e affaticamento siano state da lievi a moderate e siano durate solo per un breve periodo. Non sono stati segnalati effetti collaterali gravi.

Vaccino NVX-CoV2373 di Novavax: vaccinazione con il metodo “convenzionale”

NVX-CoV2373 è un vaccino che contiene proteine ​​spike del virus SARS-CoV-2, che viene prodotto in colture di cellule di falena e formato in una particella simile a un virus. Il prodotto finale sono nanoparticelle sferiche. Il corpo riceve direttamente questo antigene, a differenza dei vaccini a mRNA e virus vettore, in cui viene iniettato solo il progetto genetico, quindi le cellule umane devono produrre la proteina da sole. La novità è l’adiuvante appositamente sviluppato (un adiuvante di cui i vaccini a base di proteine ​​di solito hanno bisogno come adiuvante per ottenere la risposta immunitaria desiderata). Novavax è a base di saponine degli estratti dell’albero della corteccia del sapone.

READ  Arrivata in Europa la variante Corona B.1.1.529 dal Sud Africa: primo caso noto in un vicino Paese tedesco

Questo potenziatore attivo, chiamato Matrix-M, è un’alternativa ai sali di alluminio precedentemente utilizzati come coadiuvanti. Corona Era l’epicentro dei sospetti di vaccinazione. Gli alberi di corteccia di sapone, chiamati anche alberi di koel, hanno origine in Cile e sono stati a lungo utilizzati dagli indigeni Mapuche per produrre sapone e medicinali. Novavax utilizza per il suo catalizzatore la corteccia dei rami dei vecchi alberi, una risorsa limitata vista la domanda di altre industrie, motivo per cui si stanno già prendendo in considerazione piantagioni o coltivazioni in laboratorio.

NVX-CoV2373 viene iniettato nel muscolo in due dosi a distanza di tre settimane e può anche essere usato come richiamo se qualcuno ha precedentemente ricevuto un vaccino mRNA o vettore. Poiché il vaccino può essere conservato a temperature di frigorifero normali comprese tra due e otto gradi, è adatto anche per l’uso in paesi caldi con lunghe vie di trasporto e infrastrutture scarse. L’Unione Europea si è assicurata la consegna di 200 milioni di dosi del vaccino Novavax ad agosto. (Pamela Doerhofer)

Immagine della lista dei titoli: © Karen Ducey / afp