Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovo metodo di trattamento: il sangue del cordone ombelicale può curare i pazienti affetti da HIV?

Ci sono ancora molte malattie che possono essere curate ma non possono essere curate. Ciò include anche l’infezione da HIV, che può portare a una grave immunodeficienza da AIDS. Sebbene al momento, grazie a molti farmaci, sia possibile vivere una vita seminormale con il virus, non scompare del tutto dal corpo. Tuttavia, i medici negli Stati Uniti sono stati in grado di curare una donna dal virus dell’epatite C.

Il “paziente di Berlino” ha vissuto senza virus per 12 anni

Quattro anni dopo aver contratto l’HIV, il newyorkese ha sviluppato la leucemia nel 2017. Per curarla, la dott.ssa Jingmi Hsu del Weill Cornell Medical Center le ha somministrato cellule staminali del sangue del cordone ombelicale di un donatore. Questi devono poi raggiungere il midollo osseo per costruire un nuovo sistema di formazione del sangue – un nuovo sistema immunitario, per così dire – e per curare un malato di cancro.

Particolarità: le cellule staminali del donatore sono resistenti all’infezione da HIV in modo che il virus non possa penetrare nelle nuove cellule. La donna statunitense non è la prima persona ad essere guarita dal virus dell’epatite C. Prima di lei, i medici avevano già trattato con successo due pazienti con cellule staminali del midollo osseo resistenti. Il cosiddetto “paziente di Berlino” è stato in grado di vivere senza virus e senza farmaci per 12 anni fino a quando ha sviluppato di nuovo il cancro ed è morto nel 2020.

I trattamenti con cellule staminali sono molto complessi e comportano rischi elevati

Il team di Jingmei Hsu non è stato inoltre in grado di rilevare alcun virus HI nel “paziente di New York” di 14 mesi. Tuttavia, questo metodo non offre un metodo di trattamento per tutti i pazienti affetti da HIV, poiché può essere utilizzato solo per coloro che soffrono anche di leucemia. Inoltre, la terapia con cellule staminali è molto complessa e comporta rischi elevati. Sfortunatamente, non c’è il 100% di possibilità di sopravvivenza.

READ  Numeri Corona nella direzione di Heidenheim: il tasso di infezione e il numero di feriti per giovedì 28 ottobre 2021

Tuttavia, potrebbe essere possibile sviluppare un metodo che alteri gradualmente le cellule staminali degli stessi pazienti affetti da HIV in modo che sviluppino una resistenza al virus stesso. Questa procedura è attualmente in fase di ricerca ma non ancora utilizzata nei pazienti.