Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuove scoperte: è necessario riscrivere la storia dell’età della pietra?

Nuove scoperte: è necessario riscrivere la storia dell’età della pietra?

Al: 21 dicembre 2023 alle 16:08

In Siberia sono state trovate le rovine di un castello di 8.000 anni. Una scoperta entusiasmante, perché potrebbe significare che la vita nelle società dell’età della pietra appariva molto diversa da quanto precedentemente ipotizzato.

Secondo la saggezza convenzionale, i gruppi di cacciatori-raccoglitori vivevano come nomadi nell’età della pietra finché l’agricoltura non li rese sedentari. L’insediamento fortificato più antico del mondo in Siberia, costruito da cacciatori-raccoglitori circa 8.000 anni fa, potrebbe essere adatto a qualcuno. Rivalutare le società dell’età della pietra.

La società dell’età della pietra sotto una nuova luce

I cacciatori-raccoglitori si barricano dietro le mura del castello – fino a poco tempo fa questo era un ossimoro nel mondo dell’archeologia. La posizione del sito è altrettanto sorprendente: non sul fiume Tigri in Mesopotamia, dove effettivamente ebbero origine le società complesse. Ma sul fiume Omnia, nella taiga siberiana: la foresta di conifere più grande del mondo resta oggi disabitata, anche perché il terreno povero di nutrienti non è adatto all’agricoltura.

sito con Personalità emozionante

Le scoperte nella taiga della Siberia occidentale sono entusiasmanti per diversi motivi. I risultati delle ricerche condotte dal team archeologico tedesco-russo mostrano che gli abitanti costruirono complesse strutture difensive attorno ai loro insediamenti 8.000 anni fa. In tal modo, confutano l’ipotesi secondo cui gli insediamenti fortificati con architettura monumentale sono associati alla nascita di comunità rurali.

L’archeologo leader Hennie Bizonka della Libera Università di Berlino vede come un problema questa narrazione consolidata sulle fasi di sviluppo delle società umane nella comunità di ricerca. “I nostri risultati smentiscono questa narrazione. Abbiamo dimostrato che le società di cacciatori-raccoglitori avrebbero potuto essere molto complesse socialmente ed economicamente. Erano così complesse da costruire grandi fortezze.”

L’area circostante il fiume Omnia è scarsamente popolata.

Pesca, caccia e ceramica artistica

I siberiani occidentali pescavano sul fiume Omnia, pescavano con lance di ossa e pietra e usavano ceramiche decorate per conservare l’olio di pesce e la carne ad alto contenuto calorico. Le popolazioni preistoriche vivevano uno stile di vita altamente sviluppato dipendente dalle ricche risorse della taiga.

Grazie alla fitta rete di corsi d’acqua, il pesce era stagionalmente abbondante. Nella foresta è possibile catturare alci, renne e galli cedroni. Queste risorse fornivano ai gruppi di cacciatori-raccoglitori una base sicura e prevedibile per la sopravvivenza. Accumulando, riuscivano a sfruttare le eccedenze stagionali anche in tempi di scarsità.

Perché Fortificazioni Nella taiga siberiana?

L’insediamento fortificato sul fiume Omnia nella taiga della Siberia occidentale è la testimonianza più antica del mondo. Non è chiaro il motivo per cui le società dell’età della pietra svilupparono sistemi di difesa così avanzati 8.000 anni fa. Lo stato attuale della ricerca offre quattro possibili scenari per la creazione di forti:

Innovazioni ed eccedenze: Lo spirito innovativo della società della taiga potrebbe aver portato all’accumulo di surplus. Nuove tecniche di caccia, lavorazione e conservazione, come la lavorazione della ceramica, assicurarono la prosperità. La struttura economica e la disuguaglianza sociale hanno alimentato i conflitti e hanno reso necessario fortificare l’insediamento.

Immigrazione: I migranti provenienti dalle regioni steppiche meridionali probabilmente portarono con sé la conoscenza della produzione della ceramica e delle tecniche di fortificazione. Stabilendo siti fortificati come siti chiave, questi gruppi potrebbero aver conquistato terre scarsamente popolate nel nord.

Gli scienziati classificano le scoperte in Siberia come entusiasmanti.

Reti di comunicazione: I forti potrebbero essere serviti come centri per le reti di comunicazione regionali. Questi insediamenti potrebbero essere stati luoghi di commercio e di raduni rituali, rendendoli obiettivi popolari per saccheggi e incursioni violente.

cambiamenti climatici: La comparsa di fortezze nella Siberia occidentale potrebbe essere collegata a un evento climatico globale. “Si è verificato un cambiamento climatico più o meno nello stesso periodo, circa 50-100 anni prima dell’insediamento di Amenga. Il cosiddetto Evento 8.2 è una breve fase fredda di 150 anni iniziata 8.200 anni fa. Ciò potrebbe aver portato al fatto che le persone stanno diventando “All’improvviso sono territoriali e devono difendere i loro insediamenti”.

Un breve periodo freddo iniziò 8.200 anni fa.

Molte domande rimangono senza risposta

L’evento climatico globale di oggi sarebbe il miglior indizio sul perché i castelli iniziarono a essere costruiti in Siberia 8.000 anni fa. Henie Bizonka sottolinea la necessità di chiarire i collegamenti con il cambiamento climatico. “Il problema fondamentale è che non esiste quasi nessun archivio climatico valutato per la regione. Insieme ai nostri colleghi russi, nei prossimi anni faremmo ricerche esattamente su questo se non ci fosse stata la guerra di aggressione russa contro l’Ucraina.”

“8000 anni “scena di conflitto”

Gli insediamenti fortificati intorno al 6000 aC costituiscono un fenomeno unico. Successivamente ci furono sempre fortezze in questa regione della taiga. L’insediamento di Amnja segna l’inizio dell’era delle fortezze. È interessante notare che le cose sono diverse sul lato europeo della taiga. Per Bizonka, questo è uno dei grandi misteri che circondano il sito.

“Quello che trovo molto sorprendente e che non riesco a spiegarmi è perché queste fortezze apparvero nella Siberia occidentale intorno al 6.000 aC, e poi gli insediamenti continuarono ad essere fortificati per tutto il periodo fino all’era moderna”, dice Bezonka. “Mentre dall’altra parte degli Urali, nella parte europea della Russia – dove il paesaggio e le risorse sono quasi identiche – niente è più lo stesso”. Le fortezze più antiche a ovest degli Urali apparvero solo nell’età del ferro, circa 2000 anni fa.

I ricercatori sperano di svelare il mistero che esiste nella taiga siberiana.

La ricerca sul campo per risultati confermati è in sospeso

Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire molte domande aperte. La situazione politica con la Russia attualmente non lo consente. Ricercatori tedeschi e russi sperano di poter condurre ulteriori ricerche insieme in futuro per scoprire i segreti della cittadella dell’età della pietra nella taiga siberiana.