Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova strategia di sicurezza: USA: la Cina vuole e può cambiare il regime

Nuova strategia di sicurezza
USA: la Cina vuole e può cambiare il regime

Per Washington, la Cina è la più grande sfida e minaccia alla sicurezza. L’obiettivo degli Stati Uniti dovrebbe essere quello di competere efficacemente con Pechino, secondo la nuova strategia di sicurezza. Nel frattempo, la Russia è considerata pericolosa e una costante minaccia alla pace e alla stabilità.

Nonostante la guerra aggressiva della Russia in Ucraina e le minacce nucleari di Mosca, gli Stati Uniti vedono la Cina come la più grande sfida geopolitica. La nuova pubblicazione affermava che “Pechino vuole espandere la sua sfera di influenza nella regione indo-pacifica e diventare la prima potenza mondiale”. Strategia di sicurezza nazionale. “La Repubblica popolare cinese è l’unico concorrente che non solo ha l’intento di cambiare il sistema internazionale, ma ha anche il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per farlo”. Nella competizione con la Cina, i prossimi dieci anni sono chiaramente il “decennio decisivo”.

Dal suo insediamento, il governo del presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è concentrato sulla Cina in termini di politica estera e ha preso una posizione dura su Pechino. L’attacco della Russia all’Ucraina ha messo un po’ in secondo piano la questione. L’obiettivo è competere efficacemente con la Cina tenendo sotto controllo la “Russia pericolosa”, afferma il quotidiano. Riferendosi a Mosca, il governo degli Stati Uniti ha scritto nella nuova strategia: “Negli ultimi dieci anni, il governo russo ha scelto una politica estera imperiale volta a rovesciare elementi importanti del sistema internazionale”. Ciò culminò con l’invasione dell’Ucraina.

“Gli Stati Uniti hanno compiuto molteplici sforzi sotto diverse amministrazioni per stringere la mano alla Russia per ridurre la nostra concorrenza e trovare aree pratiche di cooperazione. Il presidente Putin ha respinto questi sforzi e ora è chiaro che non cambierà”, ha aggiunto. La Russia ora rappresenta una minaccia diretta e continua alla pace e alla stabilità internazionali”.

Ovviamente ci sono tensioni.

Cina e Russia sono gli unici paesi che hanno i propri capitoli nel documento di 48 pagine. Oltre a questo, c’è una bozza di come gli Stati Uniti vogliono posizionarsi a livello internazionale. Tra le altre cose, il governo degli Stati Uniti sottolinea l’approccio generale di rafforzare le alleanze internazionali, ma anche di cooperare ove possibile con oppositori come Russia e Cina per affrontare sfide globali che non possono essere risolte altrimenti, come la crisi climatica, la sicurezza alimentare o pandemie.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha ammesso che ciò non è sempre facile: “Ovviamente ci sono tensioni tra il tentativo di rafforzare la cooperazione per risolvere queste sfide comuni e il tentativo di posizionarci efficacemente per competere strategicamente”.

Il governo degli Stati Uniti si concentra anche sull’eliminazione del confine tra politica interna e politica estera, perché il proprio potere in patria e all’estero è “indissolubilmente legato”. Per affrontare le sfide globali, gli Stati Uniti dovranno migliorare la propria competitività investendo in patria. È anche importante modernizzare l’esercito americano in modo che sia pronto per “l’era della competizione strategica”.

READ  Repubblica di Moldova e Gazprom raggiungono un accordo