Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuova costituzione presidenziale: la Tunisia è sulla via della dittatura | Notizia

Qui è dove troverai i contenuti di Podigee

Per interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri contenuti esterni, abbiamo bisogno del tuo consenso.

In un referendum in Tunisia, un’ampia maggioranza ha votato a favore del controverso progetto di costituzione che darebbe più potere al presidente Said. Tuttavia, l’affluenza alle urne è bassa, come sperano in gran numero molti tunisini che attualmente stanno fuggendo in Europa.

In Tunisia, un’ampia maggioranza dell’elettorato ha votato in un referendum per una nuova costituzione, quindi per un aumento significativo del potere del presidente. Il tasso di approvazione è stato del 94,6 per cento, come annunciato dall’autorità elettorale mercoledì sera.

Nonostante meno di un terzo degli aventi diritto al voto abbia partecipato al referendum di lunedì, la costituzione potrebbe entrare in vigore. Non prevede più un’autorità che possa controllare il presidente o addirittura rimuoverlo dall’incarico.

Il presidente tunisino Kais Saied

Foto: Mohamed Hamed/Reuters

Questo è il caso ora in Tunisia

Il capo dello Stato, Kais Saied, espande il suo potere a spese del parlamento e della magistratura. In futuro, ad esempio, potrà nominare e destituire governo e giudici senza che il Parlamento debba acconsentire. Deve anche essere in grado di sciogliere il Parlamento. La costituzione dovrebbe entrare automaticamente in vigore quando vengono annunciati i risultati ufficiali. Saeed ha anche annunciato che intende cambiare i diritti di voto.

Finora Said ha attuato con decreto molte decisioni di vasta portata, aggirando la precedente costituzione. È stato introdotto nel 2014 e ha ridotto i poteri del presidente a favore del parlamento e del capo del governo. L’introduzione della nuova costituzione fa parte della ristrutturazione politica del Paese che sta guidando, che prevede anche le elezioni parlamentari di fine anno. Un anno prima del referendum, Said destituì l’allora primo ministro e costrinse il Parlamento a sospendere i suoi lavori. Successivamente sciolse completamente il Parlamento.

Saied era stato precedentemente coinvolto in una lotta di potere durata un mese con il partito islamista conservatore Ennahda, cosa che lo ha indebolito in modo significativo con la mossa. Gli islamisti, considerati relativamente moderati, erano la forza più potente in parlamento e condannarono le controverse azioni di Said come un “colpo di stato”. Tuttavia, è chiaro che hanno perso la loro popolarità tra il grande pubblico. Il partito è ampiamente considerato corrotto e il suo lavoro parlamentare è stato deludente.

Le rivolte arabe sono iniziate in Tunisia nel 2010. A quel tempo, molti paesi del mondo arabo erano inginocchiati con i loro governanti autocratici a lungo termine. Ma la Tunisia è stato l’unico paese della regione che è stato in grado di passare alla democrazia. I critici accusano Said di voler riportare la Tunisia alla dittatura.

La Tunisia è divisa tra sostenitori e oppositori del presidente. Da mesi si registrano frequenti proteste da entrambe le parti. L’opposizione ha chiesto il boicottaggio del referendum e ha criticato l’intero processo come illegale.

Finora il referendum è stato anche considerato un voto sulla leadership di Saeed. I sondaggi d’opinione in precedenza avevano indicato una bassa affluenza alle urne di oltre nove milioni di tunisini invitati a votare.

Molti tunisini nutrono preoccupazioni più pressanti per il referendum sulla leadership politica del Paese. Molti di loro sono oggi più poveri di quanto non lo fossero ai tempi del sovrano di lunga data Zine El Abidine Ben Ali, che è stato estromesso dall’incarico durante le proteste di massa nel 2011. Vi sono grandi dubbi sul fatto che la democrazia come forma di governo sia appropriata per superare la crisi economica . Con i membri del Parlamento storicamente interessati più ai litigi che alle riforme tanto necessarie, molti sperano che un presidente forte affronterà questi problemi. Tuttavia, le politiche di Said hanno fatto poco per migliorare la situazione. Resta in discussione se il suo sostegno continuerà.

Molti tunisini celebrano la nuova costituzione lunedì in ritardo a Tunisi

Molti tunisini celebrano la nuova costituzione lunedì in ritardo a Tunisi

Foto: Riad Dridi/The Associated Press

Si stima che circa 20.000 persone abbiano lasciato il Paese per l’Europa dall’inizio della transizione politica di Said, la maggior parte delle quali ha attraversato il Mediterraneo in barca. Secondo il Forum tunisino per i diritti economici e sociali, i tunisini costituiscono oggi il gruppo più numeroso di immigrati in arrivo in Italia.

La nuova costituzione afferma che la Tunisia fa parte della “società islamica” e che lo Stato si adopera per realizzare obiettivi nel quadro del sistema democratico, compresa la protezione della vita. Alcuni osservatori vedono questa come una mossa strategica del capo dello stato, Said, che è considerato un laico, per attirare anche i sostenitori di Ennahda. Tuttavia, non è chiaro esattamente cosa significhi in pratica la clausola ambigua.

L’allontanamento dalla transizione democratica della Tunisia annullerebbe i sudati guadagni, soprattutto rispetto ad altri paesi della regione in cui la cosiddetta Primavera araba ha avuto un impatto poco duraturo. Nella vicina Libia, ad esempio, il sovrano Muammar Gheddafi è stato arrestato e ucciso durante un’operazione militare nel 2011. Il Paese è poi precipitato nella guerra civile e, dopo un cessate il fuoco di due anni, sono divampate nuove violenze.

In Egitto, il tumulto democratico seguito alla caduta del presidente Hosni Mubarak è rimasto solo un esperimento. Un colpo di stato militare è seguito alla vittoria di Mohamed Morsi della Fratellanza nell’estate del 2013. Con il presidente Abdel Fattah el-Sisi, un capo di stato maggiore ha raggiunto la vetta, i suoi critici affermano che sta perseguitando il suo popolo in modi peggiori che sotto Mubarak. (Njek, dpa)

READ  U-Committee on Capitol Tower: l'ex dipendente di Trump si rifiuta di testimoniare