Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Niente feste in Russia: Thomas Anders prende posizione dopo la cancellazione

Nessun concerto in Russia
Thomas Anders interviene dopo la cancellazione

Thomas Anders ha una vasta base di fan in Russia e molti fan club locali. Non vedevano l’ora di assistere ai concerti del loro cantante preferito. Ma ora annulla tutti gli appuntamenti a causa dell’attacco all’Ucraina ed è sconvolto dalla situazione.

Il cantante Thomas Anders, che ha avuto un grande seguito in Russia dai suoi tempi con Modern Talking, è sconvolto dalle immagini della zona di guerra ucraina. “È inimmaginabile per me e sono sbalordito”, ha detto Anders a dpa. Aveva posticipato un tour di concerti attraverso la Russia e l’Ucraina che era stato programmato per le prossime settimane.

Allo stesso tempo, il 59enne, che vive a Coblenza, mette in guardia contro la stigmatizzazione delle persone di origine russa in Germania. “Dobbiamo guardarci dentro. Non è il popolo russo che vuole la guerra. L’Ucraina è una nazione sorella. Quasi tutti i russi che conosco hanno parenti o amici in Ucraina e viceversa”. È anche sbagliato mettere gli artisti russi sotto sospetto pubblico e cancellare i loro spettacoli. Vuole anche esibirsi di nuovo in Russia in futuro.

Non cantare per la politica

“Canto per le persone che meritano intrattenimento, non per la politica. Penso anche che dovresti farlo. È uno scambio di culture”. Anders ha spiegato che questo allevierebbe l’ostilità che si stava accumulando in quel momento.

In un’intervista a RTL, ha anche spiegato un malinteso. Nessuna newsletter è stata inviata ai fan club russi per spiegare la situazione. E ha scambiato opinioni solo con uno dei leader del fan club russo, che si è rammaricato della cancellazione dei concerti a causa di un “piccolo conflitto”. “Poi le ho scritto: i missili stanno sorvolando città come Kiev e altre, e le persone stanno morendo lì, non è una piccola lotta”.

READ  Guerra di Hollywood contro l'Ucraina: stelle in blu e giallo