Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

New York sta affondando: i pesanti grattacieli ne sono la causa! | Politica

New York sta affondando: i pesanti grattacieli ne sono la causa!  |  Politica

Allerta a New York: la città che non dorme mai continua ad affondare!

Secondo uno studio dell’American Geophysical Union (AGU; disponibile su BILD), la colpa è dei famosi grattacieli della Grande Mela.

Nel rapporto AGU, i ricercatori concludono che l’innalzamento del livello del mare in tutto il mondo non è una buona combinazione con i pesanti grattacieli di New York.

Secondo l’AGU, il livello del mare dovrebbe aumentare di 200-600 mm entro il 2050.

Il problema: con l’innalzamento del livello del mare, i quasi 1 milione di edifici di New York, che pesano 771 milioni di tonnellate, vengono premuti contro un sottosuolo che non può sostenere il peso a lungo termine.

La città di oltre otto milioni di persone sta attualmente affondando a una velocità fino a 2 millimetri all’anno. Alcune aree di New York stanno affondando più velocemente. E: la città affonderà quattro volte più velocemente delle aree meno dense.

Mentre 1-2 millimetri all’anno non sembrano molti all’inizio, quel tasso rende la città estremamente vulnerabile ai disastri naturali, secondo il ricercatore e geologo leader Tom Parsons.

I disastri naturali minacciano New York

Natura del fattore di rischio: non è solo il peso a costituire un problema: i disastri naturali erodono il nucleo delle fondamenta di una casa.

La città si trova tra 1 e 2 metri sul livello del mare ed è stata più volte colpita da alluvioni negli ultimi anni.

► Le inondazioni sono in aumento a New York: la città è al terzo posto al mondo per esposizione futura alle inondazioni costiere.

Questo è molto pericoloso perché: le fondazioni degli edifici che sono frequentemente esposte all’acqua salata possono indebolirsi a causa dell’erosione e quindi affondare più di prima.

I ricercatori dell’AGU osservano che i principali rischi di disastri naturali nei nuovi edifici dopo il devastante uragano Sandy nel 2012 non sembrano essere stati presi in considerazione. “Il novanta per cento dei 67.400 edifici sulle estese pianure alluvionali post-uragano Sandy non sono stati costruiti secondo gli standard delle pianure alluvionali”.

►Un altro fattore di rischio: i gas serra nella Grande Mela “sembrano ridurre la barriera naturale di wind shear lungo la costa orientale degli Stati Uniti, che consentirà eventi di uragani ad alta intensità più frequenti nei prossimi decenni”, spiegano i ricercatori in il loro studio.