Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nessun aumento del rischio di ictus dal vaccino COVID-19 – ZWP Online – Portale di notizie per l’industria dentale

Foto: Jelena Stanjekovic – stock.adobe.com

Nuovi studi mostrano: Nessun aumento del rischio di ictus dopo la vaccinazione SARS-CoV-2 [1, 2]. Entrambi i sondaggi hanno valutato gruppi molto ampi e sono giunti alla stessa conclusione. Inoltre, ci sono dati preliminari che suggeriscono addirittura che la vaccinazione protegge dagli ictus durante il COVID-19: quando infettate da SARS-CoV-2, le persone vaccinate avevano meno probabilità di avere un ictus rispetto alle persone non vaccinate. [4].

Alla fine di marzo dello scorso anno è stato osservato un effetto collaterale grave, anche se raro, dopo la vaccinazione contro il COVID-19 con vaccini a base di vettori: si sono verificate trombosi del seno e del cervello correlate al vaccino, soprattutto nelle donne più giovani, e si sono verificati decessi. Questo effetto collaterale indesiderato non è stato osservato durante l’immunizzazione con vaccini mRNA, almeno non con la frequenza che suggerisce un collegamento. Di conseguenza, il vaccino ChAdOx1 (AstraZeneca) a base di vettore non viene più somministrato alle giovani donne. Inoltre, i soggetti vaccinati sono stati sensibilizzati ai principali sintomi di cefalea dopo la vaccinazione e i medici sono stati informati del fenomeno della formazione di anticorpi anti-PF4. Il rilevamento di questi anticorpi può identificare le persone colpite prima che compaiano i sintomi clinici della trombosi venosa cerebrale e del seno, consentendo un trattamento precoce e la prevenzione di queste rare complicanze. Tuttavia, dopo la vaccinazione con un vaccino mRNA è stato descritto un leggero aumento del rischio di ictus emorragico (la cosiddetta emorragia cerebrale). Valutazione pubblicata su Nature Medicine nell’ottobre 2021 [3] ha mostrato un rischio aumentato nei giorni 1-7 e nei giorni 15-21 dopo la vaccinazione con BNT162b2 (IRR: 1,27 e 1,38). Da allora, tutti i vaccini contro SARS-CoV-2 hanno portato lo stigma che potrebbe causare ictus, una preoccupazione che comprensibilmente porta all’ansia e contribuisce alla frequenza dei vaccini. Tuttavia, due studi attuali ora mostrano che la vaccinazione contro SARS-CoV-2 non è associata ad un aumentato rischio di ictus.

READ  Questo è il modo migliore per monitorare le Perseidi

In una revisione sistematica pubblicata su Neurology [1] Sono stati valutati due studi randomizzati, tre studi di coorte e undici studi basati sull’arruolamento. Sono stati registrati un totale di 17.481 casi di ictus, con un totale di 782.989.363 vaccinazioni. Il tasso complessivo di ictus è stato di 4,7 casi ogni 100.000 vaccinazioni. La porpora trombotica trombocitopenica (TTP) è stata la causa principale solo del 3,1% degli ictus dovuti alla vaccinazione SARS-CoV-2. Come hanno concluso gli autori, la frequenza di ictus dopo la vaccinazione è paragonabile a quella della popolazione generale – e la TTP, che ha provocato trombosi venosa sinusale e cerebrale, è una complicanza molto rara, almeno secondo le precauzioni adottate. Hanno anche confermato che il tasso di ictus nelle persone infette da SARS-CoV-2 è molto più alto.

Il secondo studio è una valutazione attuale del sistema nazionale di dati sanitari francese (Système National des Données de Santé). [SNDS]) [2]. Il numero di eventi cardiovascolari (infarto del miocardio, embolia polmonare o ictus) si sono verificati in soggetti di età compresa tra 18 e 75 anni dopo la somministrazione del primo e del secondo vaccino SARS-CoV-2. Un totale di 73.325 eventi sono stati documentati in 37 milioni di persone vaccinate. Di conseguenza, lo studio non ha mostrato alcuna associazione tra i vaccini mRNA e il verificarsi di questa grave complicanza cardiovascolare. La prima dose del vaccino a base di vettore ChAdOx1 è stata associata a un aumento del tasso di infarto miocardico ed embolia polmonare alla settimana 2 dopo la vaccinazione (RI: 1,29 e 1,41) e il vaccino Janssen-Cilag potrebbe anche essere associato al verificarsi di infarti del miocardio nella seconda settimana dopo la vaccinazione non poteva essere esclusa. . Per quanto riguarda la frequenza di ictus, tuttavia, la valutazione non ha mostrato un rischio più elevato per nessuno dei vaccini.

READ  La Russia vuole usare il telescopio a raggi X tedesco contro la volontà della Germania

Segretario Generale DGN Professore Dr. Peter Berlett conclude: “I dati disponibili non mostrano segnali di sicurezza per quanto riguarda un aumento del rischio di ictus, almeno per i vaccini mRNA. Il fatto che entrambi i sondaggi abbiano valutato coorti molto grandi ed entrambi siano giunti alla stessa conclusione ci dà ulteriore sicurezza: vaccini mRNA contro la SARS – Il CoV-2 non aumenta il rischio di ictus, quindi le preoccupazioni non dovrebbero impedire alle persone di vaccinarsi per consentirlo”.

Anzi: l’esperto conferma che l’infezione da SARS-CoV-2 è associata a un più alto tasso di ictus e quindi la vaccinazione previene gli ictus. Questo è stato recentemente dimostrato da uno studio coreano [4]: Dei 592.719 pazienti infetti da SARS-CoV-2 durante il periodo di studio (da luglio 2020 a dicembre 2021), 231.037 sono stati inclusi nello studio. 62727 non sono stati vaccinati, 168310 sono stati vaccinati completamente (due dosi di mRNA o un vaccino vettore), ma hanno comunque catturato la corona. I partecipanti allo studio vaccinato erano più anziani e avevano più comorbidità. Tuttavia, i decorsi gravi o critici di COVID-19 erano meno comuni in questo gruppo, così come il tasso di malattie secondarie. Il rischio aggiustato di ictus era 0,40 nelle persone vaccinate, il che significa che la vaccinazione ha ridotto il rischio di ictus di oltre la metà rispetto al gruppo non vaccinato.

letteratura

[1] Stefanou MI, Palaiodimou L, Aguiar de Sousa D, Theodorou A, Bakola E, Katsaros DE, Halvatsiotis P, Tzavellas E, Naska A, Coutinho JM, Sandset EC, Giamarellos-Bourboulis EJ, Tsivgoulis G. Vaccinazione arteriosa acuta COVID 19: a revisione Metodologia e meta-analisi. Neurologia. 24 agosto 2022: 10.1212 / WNL.0000000000200996. doi: 10.1212/WNL.0000000000200996. Editoria elettronica prima della stampa. PMID: 36002319.

[2] Botton J, Jabagi MJ, Bertrand M, Baricault B, Drouin J, Le Vu S, Weill A, Farrington P, Zureik M, Dray-Spira R. Meno di 75 anni in Francia. Ann Intern Med .2022 23 agosto. doi: 10.7326 / M22-0988. Editoria elettronica prima della stampa. PMID: 35994748.

[3] Patton M, Handunnetthi L, Satsi D et al. Complicazioni neurologiche dopo la prima dose di vaccini COVID-19 e infezione da SARS-CoV-2. NatMed 27, 2144-2153 (2021). https://doi.org/10.1038/s41591-021-01556-7

[4] Kim YE, Huh K, Park YJ et al. Relazione tra vaccinazione, infarto miocardico acuto e ictus dopo l’infezione da COVID-19. Gamma. 22 luglio 2022 https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2794753

Fonte: Società tedesca di neurologia (DGN)

READ  Wieder Sturmtief! Neue Warnung für Hamburg und den Norden