NASDAQ Titoli azionari Apple più leggeri: Apple pone fine alla posizione di monopolio nelle app per iPhone nell'UE

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."

In futuro gli utenti iPhone nell'UE non solo potranno installare app dall'App Store di Apple, ma potranno anche utilizzare mercati di app alternativi.

In futuro Apple consentirà anche nell'UE di installare sugli iPhone app provenienti dai mercati di altri fornitori. Il gruppo consente inoltre metodi di pagamento concorrenti e tecnologie alternative ai browser Web che in precedenza non erano consentiti a causa di presunti rischi per la sicurezza. La società di videogiochi Epic vuole sfruttare le nuove funzionalità per riportare sui telefoni iPhone il suo gioco “Fortnite”, bandito più di tre anni fa.

Con queste modifiche, Apple risponde ai requisiti legali della nuova legge europea sui mercati digitali (DMA/Digital Markets Act). Quindi, i grandi fornitori dominanti, chiamati gatekeeper, devono consentire gli app store di altri fornitori. In precedenza, sugli iPhone era possibile scaricare app solo dalla piattaforma di download interna dell'azienda.

Tuttavia, Apple continuerà a mantenere un certo controllo sull’installazione delle app, anche se avviene al di fuori del suo App Store. A differenza di Android di Google, le app non possono essere semplicemente scaricate tramite il browser e installate a proprio rischio. I clienti devono invece utilizzare mercati “approvati” a questo scopo. Si tratta di app per iPhone a cui, con il benestare di Apple, è consentito installare altre app.

In un'intervista con l'agenzia di stampa tedesca, il CEO di Apple Phil Schiller ha sottolineato i rischi associati all'installazione diretta. “Se un sito web può scaricare app su un dispositivo, ciò rappresenta una grave minaccia per la sicurezza e la privacy dell'utente”, ha affermato Schiller. Il processo di certificazione soddisfa anche i requisiti del diritto dell’Unione Europea. Tuttavia, in generale, gli utenti in Europa sono esposti a rischi maggiori rispetto agli utenti al di fuori dell’UE a causa delle misure imposte dalla DMA.

Con l'implementazione annunciata, in futuro Apple sarà in grado di scansionare automaticamente tutte le app alla ricerca di malware e altre minacce alla sicurezza, anche in mercati alternativi. Tuttavia, le pratiche commerciali associate alle app o ai contenuti visualizzati non sono verificate.

Lo sviluppatore di giochi Epic, che è ai ferri corti con Apple, quest'anno ha annunciato il proprio app store per iPhone subito dopo l'annuncio delle nuove regole. “Fortnite” non può essere scaricato su iPhone da più di tre anni. Apple ha rimosso il gioco dal suo App Store nell'agosto 2020 dopo che Epic ha utilizzato un trucco per evitare una tassa del 30% sull'acquisto di contenuti digitali. Epic ha portato il caso di espulsione in tribunale ma ha perso. Al di fuori dell'Unione Europea, Apple non ha ancora l'obbligo di consentire l'accesso di “Fortnite” all'App Store.

Il presidente di Epic Tim Sweeney ha anche accusato Apple di indebolire la concorrenza con la prevista implementazione del DMA. Tra l'altro ha sottolineato che “autenticando” i marketplace Apple potrebbe bloccare, ad esempio, gli app store concorrenti di Epic o Microsoft. Tuttavia, nulla di tutto ciò ha impedito a Epic di annunciare il proprio App Store per iPhone.

Parallelamente agli adeguamenti degli App Store, Apple introduce anche ulteriori modifiche per contrastare le accuse di monopolio da parte dell'Unione Europea. In futuro gli utenti europei potranno impostare liberamente il browser predefinito dell'iPhone. Finora il browser Safari di Apple apriva automaticamente tutti i collegamenti web. In futuro questo compito potrà essere svolto anche da browser come Google Chrome, Volpe di fuocoOppure Microsoft Edge, Brave, Opera o DuckDuckGo. I concorrenti non devono più utilizzare la tecnologia “WebKit” preferita di Apple per visualizzare i siti Web nelle loro app, ma possono utilizzare i propri “motori web”.

Per poter utilizzare le nuove opzioni, il dispositivo deve avere la versione più recente del sistema operativo Dipartimento di controllo interno 17.4 deve essere installato.

Anche nell'Unione Europea il monopolio di Apple sui pagamenti senza contatto con l'iPhone diminuisce. Finora solo il servizio di pagamento interno Apple Pay poteva utilizzare la funzione NFC (“Near Field Communication”) dell'iPhone per effettuare un pagamento alla cassa di un supermercato o di un altro terminale di pagamento. In futuro gli utenti potranno scegliere quale app di pagamento dovrà essere avviata per impostazione predefinita.

Apple mostra poco accomodamento quando si tratta di controversa condivisione delle entrate per app a pagamento o acquisti in-app. Finora Apple ha chiesto ai piccoli sviluppatori e agli abbonati a lungo termine di spartirsi il 15% delle vendite. I fornitori con un fatturato superiore a 1 milione di dollari all’anno devono pagare il 30%. Queste commissioni saranno ora ridotte al 10% e al 17%. Se gli sviluppatori utilizzano la procedura di pagamento dell'App Store, sarà dovuto un ulteriore tre per cento. Come concessione dell’UE, Apple ora consente agli sviluppatori di utilizzare un processore di pagamento alternativo nelle loro app o connettere gli utenti a un sito Web per elaborare i pagamenti senza costi aggiuntivi da parte di Apple.

Per le app installate di frequente verrà addebitata una nuova “tassa per la tecnologia essenziale”. La tariffa viene pagata dopo che l'app ha ottenuto un milione di installazioni iniziali in un periodo di dodici mesi; gli aggiornamenti successivi non vengono conteggiati. Dopo aver raggiunto la soglia del milione, ti verranno addebitati 50 centesimi di euro per ogni ulteriore prima installazione dell'app durante questo periodo. Apple parte dal presupposto che meno dell'1% degli sviluppatori dovrà pagare questa tariffa per le proprie app nell'UE. Gli sviluppatori possono anche aderire ai termini esistenti dell'App Store.

Nelle negoziazioni del Nasdaq di giovedì, le azioni Apple alla fine sono scese dello 0,17% a 194,17 dollari.

Cupertino (dpa-AFX)

Sfrutta i prodotti selezionati su Alphabet A (ex Google)

Con un effetto a catena, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Seleziona semplicemente la leva che desideri e ti mostreremo i prodotti aperti appropriati sull'Alfabeto A (es. Google)

Pubblicità

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...