Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Musk, Bezos, Zuckerberg: i miliardari della tecnologia perdono più di 50 miliardi di dollari – Economia

I mercati azionari statunitensi tremano e preparano le persone più ricche del mondo a enormi perdite!

La borsa del Nasdaq ha subito la più grande carenza dall’inizio della pandemia di Corona la scorsa settimana. Da quando ha raggiunto il livello più alto il 19 novembre 2021, l’indice è sceso del 14,3% e ora è di oltre il 10% al di sotto del suo picco recente per quattro settimane consecutive.

Anche il benchmark S&P 500 è sceso per tre settimane consecutive all’inizio dell’anno. Questa settimana è sceso del 5,7%, il calo settimanale più grande da marzo 2020.

Ciò ha portato a una massiccia svendita nel settore tecnologico e ha colpito duramente i migliori miliardari tecnologici negli Stati Uniti. Allenatore Tesla Elon Musk, fondatore di Amazon, Jeff Bezos, Larry Page, fondatore di Google, Bill Gates, inventore di Microsoft e presidente di META Mark Zuckerberg La scorsa settimana le perdite sono state di 67 miliardi di dollari.

► Musk è stato il più colpito: secondo il Bloomberg Billionaires Index, il suo patrimonio netto è sceso di $ 25,1 miliardi (€ 22,1 miliardi) questa settimana, più del 9%.

► Il fondatore di Amazon Bezos ha perso $ 19,9 miliardi questa settimana e la sua fortuna è diminuita di oltre $ 24 miliardi dall’inizio dell’anno.

► Zuckerberg ha perso $ 10,4 miliardi questa settimana.

Anche Netflix sta navigando

Le previsioni sorprendentemente scarse per il numero di utenti di Netflix nel fine settimana hanno causato una grande delusione. Ciò ha portato le azioni Netflix al livello più basso da aprile 2020. Con un calo di quasi il 22%, i giornali sono stati di gran lunga i maggiori perdenti settimanali del Nasdaq 100.

READ  CEO di Amazon: Donare beni è ancora più costoso che distruggerli

Per il trimestre in corso, la società prevede solo 2,5 milioni di nuovi clienti. Mark Mahaney della società di analisi Evercore ISI ha affermato che le aspettative per i nuovi abbonati non sono nemmeno la metà dell’aumento previsto.

Per fare un confronto: nel quarto trimestre del 2021, il numero di abbonati nel mondo è aumentato di 8,3 milioni. Inoltre, un dollaro forte incide sui ricavi dell’azienda nei mercati al di fuori degli Stati Uniti.

Lo shock di Netflix è profondo e audace per coloro che pensano che i titoli tecnologici siano sopravvalutati. A causa di problemi di inflazione, i giornali del settore sono stati venduti per settimane.

“Tassi di interesse elevati, quindi aspettative di crescita inferiori”, ha commentato Yushin Stanzel, osservatore di mercato presso CMC Markets. A suo avviso, Netflix “potrebbe essere un sintomo di ciò che attende il mercato azionario nelle prossime settimane e mesi”.