Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mick Schumacher cade in Messico e ha problemi con Mazepin

Mick Schumacher si è ritirato al primo giro della sua diciottesima gara di Formula 1.Foto: www.imago-images.de/DPPI

Ho già corso un weekend di Formula 1 Messico Non male per Mick Schumacher. Almeno fino all’inizio della gara. In ogni sessione di allenamento è stato migliore del compagno di squadra Nikita Mazepin, in qualifica ha concluso 18° riuscendo a lasciarsi alle spalle sia Mazepin che Lance Stroll e sulla linea di partenza è addirittura risalito al 14° posto a causa delle penalità ai concorrenti.

Subito dopo l’inizio, è arrivata la delusione. Già alla prima curva si è scontrato con il pilota alpino Esteban Ocon, quindi doveva essere per me parcheggiato. Prima di allora, il pilota della Mercedes Valtteri Bottas si è girato, motivo per cui lo spazio per le prossime vetture era ristretto. Troppo stretto per Schumacher e Ocon. Poi il 22enne ha dovuto fermare la sua auto.

Schumacher nel futuro duello della squadra interna

Dopo il suo ritiro, Schumacher spiega: “La partenza è stata umile. Poi la curva era stretta e poi Bottas ha girato davanti. Poi tre vetture non sono riuscite a passare”. Quando gli è stato chiesto se avrebbe dovuto agire diversamente, è rimasto calmo: “C’è sempre la possibilità di rispondere in modo diverso. Ma ci sono millisecondi in cui devi decidere e reagire. Anche Fernando Alonso era davanti, poi siamo andati tutti in mezzo contemporaneamente. A volte questo accade al primo turno. È un peccato che stia succedendo qui perché non vedevo davvero l’ora di correre”.

A causa del fallimento di Schumacher, Mazepin è stato almeno in grado di migliorare leggermente le statistiche nel duello interno della squadra. Tuttavia, Schumacher è stato migliore di Mazepin in 14 delle 18 gare finora disputate. In qualifica fino a 15:3 per Schumacher.

READ  Leitl: Greuther Fürth è attualmente "non adatto per la Bundesliga" - 39 gol subiti in 13 partite.

E sebbene l’equilibrio di potere sia in realtà molto chiaro, appare sempre tra i due. E anche nelle qualifiche del sabato: Mazepin era dietro a Schumacher, voleva che le sue gomme si scaldassero prima del suo ultimo giro veloce e così ha passato Schumacher.

Ma poiché c’erano altre cinque auto prima che il figlio del campione del mondo record Michael Schumacher e Mazepin non avessero strada libera, l’ingegnere capo della Haas Ayao Komatsu gli ha fischiato alla radio, secondo “Sport1”: “Ci sono cinque macchine davanti a te, un buon distacco nella parte posteriore.” Dopo una breve discussione, Mazepin disse: “Stai scherzando?” Komatsu ha semplicemente risposto: “No, non voglio scherzare, Nikita. Se vuoi mantenere le distanze, fallo ora”.

“Nella foga del momento, a volte dici cose che non diresti se ci pensassi di nuovo.”

Il boss della Haas Günther Steiner sul problema della qualificazione di Nikita Mazepin

Il capo squadra Gunther Steiner in seguito ha minimizzato l’incidente: “Nella foga del momento a volte dici cose che non diresti se ci pensassi di nuovo. Ha seguito le istruzioni e basta”. Nel frattempo, Mazepin ha avuto difficoltà a calmarsi dopo le qualifiche: “Sentivo di dover guidare più veloce per scaldare le gomme. Ho anche fatto spazio a Zandvoort perché mi era stato detto che avremmo potuto sorpassare i nostri compagni di squadra se le gomme avessero avuto bisogno di essere scaldate in modo diverso”.

L’unica differenza: Schumacher ha avuto una corsia libera dopo il sorpasso ed è stato in grado di allontanarsi da Mazepin senza infastidirlo nel giro veloce.

Schumacher è ancora calmo

Schumacher ha parlato un po’ della caduta nelle qualifiche per il Messico, dicendo solo: “Di solito ci alterniamo, un pilota è in testa in una gara e l’altro nella successiva. In questo caso penso che non ci fosse bisogno di cambiare posizione e la squadra se ne è occupata. Ecco perché non c’è niente da dire da parte mia”.

READ  Il giocatore del Paris Saint-Germain aggredito con una spranga di ferro: il suo collega di club Diallo è sotto custodia della polizia

Ma c’è ancora tanto da dire dall’altra parte del campo, cioè davanti. Max Verstappen e Lewis Hamilton continuano un’entusiasmante battaglia per il campionato. Verstappen, che ha vinto davanti a Hamilton in Messico, ha ora 19 punti di vantaggio su quattro gare rimanenti.

Hamilton in particolare ora è sotto pressione. 36 anni: “Mancano ancora quattro gare. Dobbiamo continuare a dare tutto. Non so da dove abbiano preso velocità da questa volta, dobbiamo scoprirlo. Ma devo tirare fuori tutto dalla mia macchina ora, perché ovviamente hanno la macchina, la più veloce. Dobbiamo cercare di trasformare ogni pietra e sfruttarla”.

Lui e il team Mercedes ora hanno una settimana per questo. Domenica prossima, la gara in Brasile (18:00) proseguirà nella lotta per il Campionato del Mondo.

(stu / con materiale da dpa)