Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Melnyk su ‘Maybrit Illner’: ‘Vorrei ringraziare personalmente il cancelliere: la Germania ha rotto il ghiaccio’

DottIl viaggio del Cancelliere federale nella capitale ucraina è stato molto tempo fa, ma ora il segnale sperato per l’Ucraina potrebbe essere più forte. Insieme al presidente francese Emmanuel Macron e al primo ministro italiano Mario Draghi, Olaf Schultz è stato in grado di sostenere lo status immediato di candidato all’adesione all’UE a Kiev. Un primo passo storico, il lavoro dovrebbe davvero seguire.

Schulz ha voluto sfatare l’impressione consolidata di staller quando è apparso a Kiev insieme ai suoi omologhi europei. Maybrit Illner ha valutato il suo colloquio con ZDF con i suoi ospiti giovedì sera. Schulz ha davvero rinunciato al suo corso riluttante?

Il titolo dello spettacolo dichiarava: “A Trip to Kyiv – Warm Words or Real Help?” sui dubbi. Ralph Stegner (Partito socialdemocratico), Rodrich Kiswetter (CDU), l’ambasciatore ucraino Andrej Melnik e i giornalisti Katja Gloger e Anne Jelinek hanno discusso in studio.

“Le parole ci danno speranza”

Melnik era soddisfatto della visita del cancelliere a Illner. Il controverso ambasciatore, che negli ultimi mesi aveva urlato verbalmente ad alta voce contro l’obiettivo, era straordinariamente docile. È stata una visita importante in Ucraina. Forse anche per lo stesso Schultz, che ha saputo farsi un’idea di distruzione. Le parole che abbiamo sentito a Kiev ci danno sicuramente qualche speranza”.

L’ambasciatore ucraino Andrei Melnik è stato straordinariamente addomesticato

Fonte: ZDF/Svea Pietschmann

Leggi anche

Ha sottolineato che l’adesione all’Unione europea non è un regalo per l’Ucraina. Non si vuole apparire come firmatari, ma si ha anche molto da offrire. “Nessun paese ha beneficiato più della Germania dell’espansione a est dell’Unione europea”, ha affermato Melnik. Tuttavia, comprende anche che l’adesione del candidato all’UE richiede l’unanimità di tutti i paesi dell’UE.

E nonostante le rinnovate critiche alle armi riluttanti dalla Germania, Melnik Schultz si è rivolto direttamente allo spettacolo: “Vorrei ringraziare personalmente il Cancelliere. La Germania ha rotto il ghiaccio”, riferendosi principalmente alla consegna del moderno sistema antiaereo tedesco Iris -T. “È un’opportunità storica per la Germania di fare di più oggi al più tardi”.

Stegner era chiaramente sconvolto

Con questa visita hanno cercato di liberare. Non sono europei qualsiasi, ma i tre membri fondatori. Tre grandi e importanti paesi dell’Unione europea”, ha riassunto Anne Jelinek. Tuttavia, è probabile che passerà più di un decennio prima che l’Ucraina venga effettivamente accettata.

SP220616-2159_2278

Ospiti di “Maybrit Illner” (da sinistra): Katja Gloger, Ralf Stegner, Maybrit Illner, Andrij Melnyk, Roderich Kiesewetter Switch: Anne Gellinek

Fonte: ZDF/Svea Pietschmann

Ralph Stegner e Rodrich Keswetter hanno convenuto che la visita di Schultz e dei suoi omologhi fosse un “forte segnale europeo”. Tuttavia, gli impegni del cancelliere nei confronti dell’Ucraina non sono andati abbastanza lontano per il politico della CDU. “Dovrebbe spiegare le sue azioni in modo più chiaro”, ha chiesto Kiesewetter. “Vorrei parole più chiare sul supporto delle armi in modo più ampio”. La Germania può fare più velocemente e ha fatto così poco rispetto ad altri paesi europei.

Stegner era visibilmente sconvolto. Non ha voluto accettare le critiche persistenti dell’opposizione e ha chiesto che gli aiuti all’Ucraina non siano costantemente limitati alle spedizioni di armi. Il sostegno finanziario, umanitario e politico, così come gli sviluppi diplomatici, sono spesso trascurati. Dovrebbero esserci anche iniziative per cercare di porre fine a questa guerra”.

“è palese”

Si è difeso vigorosamente dall’accusa del sindacato secondo cui Schultz avrebbe potuto perseguire una seconda agenda russa. Stegner ha criticato: “Questo è palese, perché dietro c’è un’accusa di tradimento”. “Certo, non facciamo automaticamente tutto ciò che è richiesto. Ma non esitiamo. Intelligenza e prudenza sono essenziali”, continua Stegner.

Leggi anche

Storici militari dell’Ucraina

Anche l’esperta russa Katya Gloger ha elogiato il messaggio veicolato dalla visita di Schultz: “Oggi all’Ucraina è stata data una prospettiva europea e quindi una prospettiva economica e politica futura”. Putin in realtà può solo interpretare questa come una “grande sconfitta”, ma Gloger ha chiesto di mantenere aperti i canali di comunicazione con il Cremlino.

Per quanto riguarda il futuro corso della guerra, ho fatto una previsione spiacevole: “Se assumiamo che Putin stia conducendo una guerra contro l’Ucraina, ma allo stesso tempo anche una guerra contro l’Occidente sul suolo ucraino, allora a lungo termine dovremmo be.L’Ucraina dovrebbe essere messa in una buona posizione negoziale, anche se ora sta diventando sempre più difensiva.Per questo, l’unità è molto importante.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Gloger è sicuro che ulteriori esitazioni potrebbero avere gravi conseguenze per l’Occidente: “La Russia crea ogni giorno fatti, ed è questa la cosa spaventosa. È in corso la russificazione nei territori occupati. Putin farà di tutto per colpirci nei nostri punti più deboli Nel nostro benessere economico, nella nostra divisione, nelle nostre procedure democratiche.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  La guerra di Putin: "The Butcher" è garante della vittoria e ha una reputazione devastante