Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mandato d'arresto da Mosca: Callas: Non abbiate paura della Russia

Mandato d'arresto da Mosca: Callas: Non abbiate paura della Russia

Mandato di arresto da Mosca
Callas: Non aver paura della Russia

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il primo ministro estone Kallas contesta il mandato d'arresto del Cremlino. Il 46enne ha confermato in un'intervista che il trasferimento non è una sorpresa. Mentre l’Unione Europea fatica a fornire le munizioni, sta rinnovando il suo impegno nei confronti dell’Ucraina.

Il primo ministro estone Kaja Kallas ritiene che il mandato d'arresto russo nei suoi confronti sia un tentativo del Cremlino di screditarla alla luce della possibilità che lei assuma una posizione di rilievo nell'Unione europea. “L'obiettivo è intimidirmi e impedirmi di prendere decisioni che altrimenti avrei preso”, ha detto Klass in un'intervista. “Ma questa è la sceneggiatura russa, e questo non sorprende, e non abbiamo paura”, ha sottolineato Putin, 46 anni, uno dei più convinti sostenitori dell’Ucraina e il più severo critico della Russia. La Russia ha inserito Kalas nella lista dei ricercati la scorsa settimana con l'accusa di aver commesso atti ostili e “profanazione della memoria storica”.

È accusata di “aver distrutto monumenti ai soldati sovietici”, un'accusa punibile con cinque anni di carcere secondo il diritto penale russo. Nell’ex repubblica sovietica, negli ultimi anni sono stati rimossi i memoriali che commemoravano i soldati sovietici che combatterono nella seconda guerra mondiale. A quel tempo l’Estonia fu annessa all’Unione Sovietica. La Callas rischia però l'arresto solo se mette piede sul suolo russo, altrimenti la mossa delle autorità russe non avrà conseguenze pratiche.

A Bruxelles si ipotizza che Callas possa diventare il nuovo rappresentante della politica estera dell'Unione Europea. Alla domanda sul post, la sua reazione è stata cauta. “Non siamo ancora arrivati”, ha detto Callas. “Sono il primo ministro dell'Estonia.” Ma le speculazioni sul suo futuro politico sembrano aver alimentato l’aggressione della Russia contro di lei. “È difficile essere popolari”, ha detto sarcasticamente. “Anche i russi se ne sono accorti, ed è per questo che hanno emesso un mandato di arresto nei miei confronti per sottolineare l’argomento più grande contro di me, ovvero che sto provocando la Russia”.

Le forze armate ucraine lamentano carenza di munizioni

L’anno scorso l’Estonia ha lanciato un’iniziativa per fornire all’Ucraina più munizioni. Tuttavia, i 27 paesi dell’UE non saranno in grado di raggiungere l’obiettivo di fornire 1 milione di proiettili di artiglieria entro marzo. Si prevede al massimo la metà dell'importo. Le forze armate ucraine lamentano sempre più spesso la carenza di munizioni. “Tutto ciò dimostra che non ne abbiamo abbastanza, che non produciamo abbastanza, che non siamo abbastanza veloci”, ha detto Kalas. Sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha lanciato un appello ai suoi partner alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco affinché forniscano di più. Alla luce della carenza, le forze armate russe stanno guadagnando sempre più sul fronte orientale.

Il presidente ceco Petr Pavel ha suggerito che l'UE acquisti munizioni da paesi terzi e poi le metta a disposizione dell'Ucraina. Callas l'ha descritta come una scelta. “Dobbiamo renderci conto che dobbiamo fare tutto il possibile per fermare l’aggressore”. Callas ha suggerito la possibilità di emettere obbligazioni dell’UE per finanziare tale approccio. Tuttavia, la Germania in particolare, così come i Paesi Bassi, sono molto scettici riguardo a tale debito collettivo. La Callas ha ammesso di esserne pienamente consapevole. Ma qual è l'alternativa?