Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia aumenta le restrizioni negli aeroporti e nei porti

L’Italia aumenta le restrizioni negli aeroporti e nei porti
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Premere

L’emergenza dengue in Brasile preoccupa l’Europa. Questo virus si sta diffondendo in tutto il mondo. L’Italia sta inasprendo le restrizioni per prevenire la diffusione del virus.

ROMA – Cresce la paura della febbre dengue in Italia. Una televisione italiana ha riferito che il livello di allerta è stato alzato negli aeroporti e nei porti Roy. Il Ministero della Salute italiano ha invitato le autorità a essere particolarmente vigili nei confronti delle aziende di trasporto. Soprattutto se si proviene o si importano prodotti da paesi ad alto rischio. La febbre dengue dovrebbe essere prevenuta.

Allerta dengue: l’Italia rafforza le misure di sicurezza negli aeroporti e nei porti

Il virus della dengue si è diffuso sul Lago di Garda nell'estate del 2023. Le strade sono state spruzzate con insetticida. Ai residenti è stato chiesto di proteggersi dalle punture di zanzara e di respingere le zanzare in generale. La particolarità di questi casi è che la febbre dengue si è diffusa localmente. Pazienti infetti da virus tropicale in Italia. La notizia non spaventa solo i vacanzieri.

Allerta dengue in Italia: la destinazione turistica inasprisce le restrizioni nei porti qui a Genova e negli aeroporti. © Immagine/montaggio

Solo le piccole zanzare Aedes, conosciute anche come zanzare tigre, trasmettono il virus alle persone. La specie, con le sue caratteristiche strisce bianche, era originaria del sud-est asiatico. Ma le condizioni di vita delle zanzare in Italia sono pericolose. Gli esperti avvertono che gli animali importati possono diffondersi anche in inverno.

“Le zanzare fuggite dagli aerei hanno provocato epidemie intorno agli aeroporti”, ha detto Fabrizio Bregliasco dell'Università di Milano. Oggi quello. Lo scienziato insiste sul fatto che colpire gli aerei è importante tanto quanto la lotta contro la malaria. C'è anche il rischio di febbre dengue.

La febbre dengue dilaga in Brasile, aumentando il rischio per l’Europa e l’Italia

La situazione in Brasile è drammatica. Il virus della dengue si sta attualmente diffondendo rapidamente. Gli ospedali a volte sono al limite. All’inizio di febbraio a Rio de Janeiro è stata dichiarata l’emergenza sanitaria. I funzionari sanitari temono che il numero di casi aumenterà ulteriormente a causa delle festività natalizie e dei monsoni in corso, ha affermato il Ministero degli Esteri.

La febbre dengue è diffusa in Sud America. Tuttavia, quest’anno è stato particolarmente negativo. Alla fine di dicembre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l’allarme sulla diffusione della zanzara tigre e della zanzara della febbre gialla (Aedes albopictus e Aedes a Egypti). Epidemia di febbre dengue in Europa.

Nel 2023, l’Italia ha registrato 82 infezioni trasmesse localmente, la Francia 43 e la Spagna 3. I paesi europei hanno ancora la possibilità di prevenire un’ulteriore diffusione delle zanzare. I cambiamenti climatici e i viaggi hanno ampiamente contribuito alla diffusione della febbre dengue in Europa. Inoltre: le uova sopravvivono all'inverno in Europa e in Germania e le larve possono schiudersi quando fa caldo.

Febbre dengue nei viaggiatori
La zanzara della febbre gialla, conosciuta anche come zanzara dengue o zanzara tigre egiziana, è una zanzara del genere “Aedes a Egypti”. Trasmette varie malattie tra cui la febbre dengue. © Gustavo Amador/epa efe/dpa-tmn

Allarme dengue in Italia – Questi i sintomi dell'infezione da virus dengue

La febbre dengue si sviluppa da cinque a sette giorni dopo la puntura di zanzara. Oltre alla febbre alta (40°C) e al dolore intenso, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • Febbre alta con mal di testa
  • Dolore intorno e dietro gli occhi
  • Forte dolore ai muscoli e alle articolazioni
  • Nausea e vomito
  • Un'eruzione cutanea appare su tutto il corpo 4-4 giorni dopo la comparsa della febbre
  • In rari casi, complicazioni potenzialmente letali e sanguinamento

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Secondo l'Istituto Tropicale dell'Università Ludwig Maximilians di Monaco, dopo un'infezione da dengue sono possibili anche stanchezza e occasionale perdita di capelli. La maggior parte dei pazienti guarisce dopo pochi giorni.

Allerta Zanzare in Italia: Come Proteggersi dal Virus Dengue

Il virus della dengue viene trasmesso quotidianamente dalle zanzare. Quindi è importante evitare le punture di zanzara in generale. Mani e piedi dovrebbero essere completamente coperti. Per fare ciò, si consiglia di applicare repellenti per insetti sulla pelle o di impregnarli con i vestiti. Puoi tenere lontani gli animali mettendo le zanzariere alle finestre e alle porte.

Un vaccino contro la dengue è attualmente approvato in Italia e Germania. L’immunizzazione di base consiste in due vaccinazioni a distanza di tre mesi. La STICO (Standard Immunization Authority) raccomanda la vaccinazione solo per le persone che hanno già dimostrato di avere un'infezione da dengue (a novembre 2023). Oltre al virus della dengue, anche il virus della chikungunya è sotto sorveglianza come meta di vacanze in Italia. In estate a Trieste è stato segnalato il primo caso di virus chikungunya. (ml)