Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Macron non esclude l’impiego di forze di terra in Ucraina

Macron non esclude l’impiego di forze di terra in Ucraina
al di fuori Conferenza sulla Solidarietà Internazionale

Macron non esclude l’impiego di forze di terra in Ucraina

Emmanuel Macron in una conferenza stampa al termine della conferenza dei sostenitori internazionali dell'Ucraina Emmanuel Macron in una conferenza stampa al termine della conferenza dei sostenitori internazionali dell'Ucraina

Emmanuel Macron in una conferenza stampa al termine della conferenza dei sostenitori internazionali dell'Ucraina

Fonte: AFP/Gonzalo Fuentes

Secondo il presidente francese Emmanuel Macron, nulla può essere escluso per garantire che la Russia non vinca la guerra aggressiva contro l’Ucraina. Ciò include anche l’invio di soldati nel suo paese.

FIl presidente francese Emmanuel Macron non esclude l’uso di forze di terra in Ucraina da parte del suo Paese. Macron, dopo la conclusione della conferenza sugli aiuti all'Ucraina tenutasi lunedì sera a Parigi, ha affermato che nulla può essere escluso per impedire la vittoria della Russia in Ucraina. Macron ha affermato che nell’incontro di oltre 20 capi di Stato e di governo, compreso il cancelliere Olaf Scholz (Partito socialdemocratico), non c’è stato consenso sullo spiegamento di forze di terra, ma non si può escludere nulla sulle dinamiche future. Ogni paese può decidere in modo indipendente e sovrano sullo schieramento delle forze di terra.

Leggi anche

Il presidente russo Vladimir Putin (a sinistra) e Olaf Scholz durante il loro ultimo incontro il 15 febbraio 2022 al Cremlino

“La conclusione generale oggi è che è in gioco la sicurezza di tutti noi”, ha detto Macron all’inizio della conferenza, organizzata con breve preavviso. La posizione della Russia diventa sempre più severa sul piano politico e sul fronte ucraino, dove si teme nuovi attacchi russi. Sconfiggere la Russia è essenziale per la stabilità e la sicurezza in Europa. Ecco perché i sostenitori dell'Ucraina devono andare avanti. “Il nostro obiettivo è garantire la nostra sicurezza oggi e domani”, ha affermato Macron. Il presidente ha anche detto: “Non vogliamo entrare in guerra con il popolo russo”.

Il primo ministro populista slovacco Robert Fico aveva precedentemente affermato che i singoli paesi occidentali avrebbero preso in considerazione l’invio di soldati in Ucraina. “Non ho detto che la Francia non sia aperta a questo”, ha detto Macron. Piuttosto, è impegnato nell’“ambiguità strategica”.

Il presidente francese ha affermato che durante l'incontro è stato deciso di formare un'alleanza che fornirà all'Ucraina missili e bombe a medio e lungo raggio per dirigere attacchi lontano dalle linee russe. A breve termine dovranno essere mobilitate ulteriori munizioni per l’Ucraina dalle nostre scorte e da paesi terzi. Al momento non è stata presa alcuna decisione sulla consegna dei caccia Mirage francesi.

Ma non ha menzionato quali paesi dovrebbero partecipare e in quale forma. Prima dell'inizio della conferenza, il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha ribadito la sua posizione negativa sullo spiegamento dei missili da crociera Taurus a lungo raggio.

Leggi anche

Sostegno limitato: il cancelliere federale Olaf Scholz e il presidente ucraino Volodymyr Selensky

Difesa contro la Russia

Macron ha affermato che durante la conferenza è stato deciso di fornire più aiuti all’Ucraina in tempi più rapidi. La Francia sostiene anche l’ipotesi di utilizzare il debito comune per finanziare la spesa europea per la difesa alla luce della guerra in Ucraina. Analogamente alla crisi del Corona virus, tutti i paesi europei sono colpiti dall’aggressione russa, il che giustifica il percorso speciale del debito comune.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, che si è unito alla conferenza a breve con un videomessaggio, ha chiesto maggiore assistenza affinché la Russia non espanda la sua aggressione ad altri paesi.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.