Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ma solo una casa automobilistica?: Perché Tesla sta subendo così tanti colpi?

Ma solo una casa automobilistica?: Perché Tesla sta subendo così tanti colpi?

Ma solo una casa automobilistica?
Perché Tesla subisce così tanti colpi?

Scritto da Diana Dettmer

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Tesla è in difficoltà. Le azioni delle principali auto elettriche continuano a diminuire. La fantasia precedente sembra essere evaporata e sempre più analisti stanno diventando pessimisti riguardo al futuro dell'azienda. È tempo di scappare? L'elenco dei problemi è lungo.

Dal 2020, le azioni Tesla hanno conosciuto un solo trend: il forte rialzo. Ma la situazione è cambiata. Solo quest’anno i titoli hanno perso circa il 30% del loro valore. Sono stati spazzati via oltre 220 miliardi di dollari di valore di mercato. Pertanto, Tesla è stata esclusa dall'elenco delle dieci più grandi società dell'indice S&P 500. C'è una raffica di voci di analisti critici con brutali downgrade. La banca americana Wells Fargo ha causato una battuta d'arresto solo a metà settimana. Gli esperti hanno abbassato il loro rating da “hold” a “sell”. Hanno abbassato il loro obiettivo di prezzo da $ 200 a $ 125. Il prezzo attuale è $ 162,50. Cosa c'è che non va nel pioniere di successo delle auto elettriche dagli Stati Uniti?

Motori Tesla ($)Motori Tesla ($)
Motori Tesla ($) 163,54

Tesla “semplicemente non ha più un bell'aspetto”, ha detto Colin Langan, analista di Wells Fargo. Si prevedono 1,8 milioni di consegne nel 2024. Ciò significa che le vendite ristagneranno rispetto al 2023. L’utile per azione per l’anno è stimato a 2 dollari. Nel 2023, Tesla aveva un profitto rettificato per indirizzo di $ 3,12. Ciò non fa ben sperare per il futuro.

Soprattutto perché l'altezza di caduta di Tesla è elevata. A differenza di altre case automobilistiche, la società è quotata sul mercato azionario come titoli in crescita o titoli tecnologici. Al suo apice, la valutazione era quasi 60 volte superiore agli utili netti stimati per il 2024. Ciò funziona solo se gli investitori sono disposti a scontare gli utili attesi in un lontano futuro. Questa è quella che chiamiamo la “musica del futuro” nel mercato azionario. Voto ora “solo” 55 volte. Un confronto mostra che questo valore è ancora sorprendentemente elevato: tutte le società dell’S&P 500 insieme scambiano circa 20 volte di più. I produttori di automobili in genere ottengono valutazioni a una cifra.

Tesla sta invecchiando

Tesla è “un’azienda in crescita senza crescita”, ha detto Langan, riassumendo il problema. Anche altri sembrano averlo capito. L’inversione di tendenza è evidente dal fatto che la quota di recensioni positive per il titolo è scesa al livello più basso dall’aprile 2021. Il leader dei veicoli elettrici non può più eguagliare la qualità e la velocità di un tempo. Ci sono molte ragioni dietro questo.

Il pioniere della mobilità elettrica avanza soprattutto da anni. Il mondo delle auto è cambiato intorno a noi. L’euforia attorno alle auto elettriche è finita. Gli acquirenti sono più cauti del previsto. L’industria e la politica stanno provando il ruolo al contrario. Allo stesso tempo, la concorrenza è diventata notevolmente più dura. Alla fine di giugno 2010, quando Tesla venne quotata in borsa a 17 dollari per azione, la società divenne qualcosa di speciale. Oggi più di 100 case automobilistiche producono veicoli elettrici. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), un’auto su cinque venduta nel mondo sarà presto elettrica. La torta è troppo piccola per tutti.

I concorrenti corrono per recuperare il ritardo. L’esperto automobilistico Ferdinand Dudenhofer afferma sul sito ntv.de: “Tesla non sta perdendo solo il mercato americano, ma soprattutto l’importante mercato cinese”. La rivale cinese BYD ha sostituito Tesla come il più grande venditore di veicoli elettrici al mondo. Sfavorevole per la casa automobilistica statunitense: la Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, ha un’offerta eccessiva di auto elettriche e i cinesi amano i propri marchi. Perché acquistare una Tesla quando le case automobilistiche nazionali hanno copiato con successo l'aspetto di Tesla?

“Il preferito da tutti” è alla pari con i produttori di volumi

La brutale guerra dei prezzi scatenata dalla stessa Tesla in Cina, combinata con una linea di prodotti obsoleta in cui tutto ruota più o meno attorno a un modello, il modello Y più venduto, peggiora le cose. “La concorrenza in Cina produce e vende a prezzi più bassi”, afferma il blogger ed ex chief digital officer di Daimler Sascha Pallenberg su ntv.de. “Negli ultimi anni i concorrenti occidentali non solo hanno recuperato terreno, ma hanno anche parzialmente superato il leader tecnologico dei veicoli elettrici”. Poiché non ci sono nuovi modelli, l’unica opzione di Tesla è stimolare la domanda attraverso la riduzione dei prezzi.

Ma è proprio qui che i conti non quadrano. L'ex azienda “amata da tutti” si ritrova improvvisamente “quasi alla pari dei grandi produttori in termini di redditività”, dice Pallenberg. Uno sviluppo deludente se si considera che Elon Musk aveva precedentemente promesso agli investitori una crescita annua del 50%.

“La storia di crescita del gruppo ha subito una forte battuta d'arresto negli ultimi trimestri”, riassume Pallenberg. L'omissione più grande dal suo punto di vista è la politica modello fuorviante di Tesla. “Invece di concentrarsi su un modello economico per entrare nel marchio, sono state sprecate risorse significative sui cosiddetti Cybertruck e Tesla Semi”, spiega. Il successo del Semi nel mercato dei veicoli commerciali non può essere realmente misurato perché viene venduto raramente e il Cybertruck serve solo il mercato statunitense.

“L'influenza di Musk sul marchio è dannosa.”

L'aggressiva politica dei prezzi di Elon Musk ha anche portato fatalmente i fornitori di flotte Hertz e Sixt a cancellare i veicoli Tesla a causa degli scarsi valori di rivendita. Gli esperti concordano sul fatto che la casa automobilistica si è procurata gravi danni. “Nel mercato delle auto usate, Tesla sta recuperando terreno con la realtà del mercato”, afferma Dudenhofer. Pallenberg trova parole chiare nei confronti del capo di Tesla: “L’influenza di Musk sul marchio è dannosa”. “Calo di oltre il 50% nel prezzo di vendita medio dei veicoli Tesla usati in 18 mesi”, “Ciò non è mai accaduto prima nella storia dell'industria automobilistica.”

Dudenhofer indica un altro cantiere causato dallo stesso Tesla, forse involontariamente. L'azienda soffre di problemi di riparazione e di premi assicurativi elevati. Tra tutte le cose, il “Gigacasting”, un processo poco costoso mediante il quale grandi parti della carrozzeria di un'auto vengono fuse in un unico pezzo, si è rivelato improvvisamente un problema. “Ciò rende costosi i piccoli danni. Se di conseguenza i premi dell'assicurazione auto nuove aumentano, i veicoli diventano meno interessanti.” L’esperto del settore ritiene che presto arriverà un nuovo problema: con il presidente americano Donald Trump le cose potrebbero diventare più difficili per Tesla.

Alcuni analisti, come l'analista di Wedbush Dan Ives, considerano eccessivamente pessimistico il continuo calo dei prezzi di Tesla. La rivista americana “Fortune” ha citato le sue parole: “Non è il momento di arrendersi”. Pallenberg giunge a una conclusione diversa: “Sembra che sempre più analisti siano convinti che Tesla sia in definitiva solo un altro produttore di automobili, sopravvalutato molte volte rispetto al suo attuale valore di mercato. Penso che l'attuale correzione sia attesa da tempo. “