Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“L’Unione europea sta commettendo errori strategici”: l’avversario di Lukashenko teme un’imminente entrata in guerra

L’Unione europea sta commettendo errori strategici.
L’avversario di Lukashenko teme un’imminente entrata in guerra

Ci sono segnali crescenti a Minsk che la Bielorussia può aiutare il Cremlino in Ucraina. Un politico dell’opposizione ha riferito che la presenza militare russa è in costante aumento. I passaporti saranno confiscati e sono stati completati i preparativi per la mobilitazione.

Il politico dell’opposizione bielorussa Pavel Latoshka vede i preparativi per l’entrata in guerra del suo paese dalla parte della Russia. “Il censimento di tutti i coscritti in Bielorussia è praticamente completo”, ha detto al German Liberation Network (RND) Latushka, che vive in esilio a Varsavia. Il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko ha bisogno solo di un ordine del Cremlino per premere il pulsante. Quindi può iniziare a fare i bagagli. Latoshka era il ministro della cultura del suo paese ed è ora membro del gabinetto in esilio della leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tishanovskaya.

Come Latoshka informa RND, citando fonti di Minsk, quasi tutti i dipendenti che fanno capo al Ministero degli affari interni bielorusso dovevano consegnare i passaporti. Queste informazioni possono provenire da diverse città del paese. “Ciò significa che queste persone non possono più lasciare il territorio della Bielorussia se vengono mobilitate”, ha spiegato Latoshka.

Si può notare che la presenza militare russa in Bielorussia è in costante aumento. Ciò influisce sia sul numero di soldati che sull’equipaggiamento militare. “Le esercitazioni militari delle forze armate russe, comprese le esercitazioni sulla cooperazione tra le forze armate di Russia e Bielorussia, vengono condotte regolarmente”, ha affermato Latoshka. Le esercitazioni dell’aeronautica militare di entrambi i paesi sono previste per il prossimo futuro.

Un po’ di pressione dall’Occidente: “Lukashenko sta guadagnando tempo”

Secondo il rapporto, Latushka ha criticato un “errore strategico” dell’Occidente per non aver prestato attenzione a Lukashenko per sei mesi. “Non imporrà nuove sanzioni e non eserciterà pressioni”, ha lamentato il politico dell’opposizione. In questo modo Lukashenko guadagna tempo per prepararsi alla fase successiva della guerra, ovvero per partecipare all’offensiva militare russa da nord verso l’Ucraina.

Allo stesso tempo, ha detto Latoshka, Lukashenko ha ricevuto “enormi risorse finanziarie da Mosca per mantenere l’economia, migliorare l’efficacia del combattimento delle forze armate bielorusse e produrre armi militari”. Ancora una volta, l’Occidente commette un errore nel valutare il ruolo di Lukashenko nell’alleanza con il presidente del Cremlino Vladimir Putin.

READ  Vertice del G7: la partenza di Biden è pesantemente criticata - 'maleducazione'