Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ungheria si attiene all’embargo: l’Unione Europea rinvia l’embargo petrolifero alla Russia

Stato: 16/05/2022 21:30

Anche dopo la riunione dei ministri degli Esteri dell’Ue, l’Ungheria continua a bloccare l’embargo sul petrolio russo. E il ministro degli Esteri ucraino Kuleba, che era presente come ospite, era furioso. Il ministro degli esteri federale è più diplomatico.

Scritto da Helga Schmidt, ARD Studio Bruxelles

La conferenza stampa ha dovuto essere rinviata più volte e dopo ore di trattative non si vedevano progressi. Quindi il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba è uscito dalla sala conferenze e si è diretto verso i giornalisti in attesa. Kuleba è stato effettivamente invitato come ospite solo da 27 ministri degli Esteri dell’UE, quindi non ha potuto avere voce in capitolo nelle decisioni. La sua conclusione è più aperta: c’è un solo responsabile del fatto che l’Unione Europea non abbia ancora deciso un embargo petrolifero contro la Russia:

Quello che ho sentito è stato un chiaro e schiacciante sostegno a un embargo petrolifero. Non è esagerato affermare che un solo paese sta ostacolando l’attuazione di questo embargo petrolifero.

Helga Schmidt
Studio ARD Bruxelles

La rabbia del ministro degli Esteri ucraino è diretta all’Ungheria. Il governo ungherese respinge la proposta della Commissione di Bruxelles di interrompere completamente l’utilizzo del petrolio russo al più tardi entro la fine del 2022.

“ostaggio” dell’Unione Europea

Il ministro degli Esteri ucraino ha detto con rabbia di voler ricordare alla gente che “l’Unione europea paga milioni di euro per gas e petrolio ogni giorno e che sono proprio questi soldi che fanno andare avanti la macchina da guerra russa, gli attacchi e le atrocità”.

READ  Elezioni 2022: l'indice del round di ballottaggio francese: risultato e reazione da leggere

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha affermato che l’intera Unione europea è tenuta in ostaggio da un membro. I toni ponderati, invece, sono di Annalena Baerbock. Ha spiegato che anche la Germania ha dovuto prepararsi a fondo per uscire dal petrolio alla fine dell’anno, e non è stato nemmeno facile, come afferma il ministro degli Esteri tedesco:

Fare un passo del genere, uscire completamente dal settore petrolifero come l’Unione Europea, non è facile. Ciò significa sfide diverse per paesi diversi, perché anche le dipendenze sono diverse.

L’Ungheria chiede miliardi di risarcimento

L’Ungheria è fortemente dipendente dal paese, poiché ottiene il 60% del suo petrolio dalla Russia. Inoltre, c’è il problema che l’Ungheria non ha porti marittimi, quindi il petrolio non può essere trasportato via nave da altri paesi fornitori.

Il ministro Barbock pensa che sia una cattiva idea portare avanti un embargo petrolifero senza l’Ungheria. L’Unione europea non deve lasciarsi dividere per un millimetro. È fiduciosa che nei prossimi giorni si arriverà a una conclusione comune.

Una proposta di compromesso darebbe all’Ungheria, come la Repubblica ceca e la Slovacchia, un periodo di transizione più lungo per abbandonare il petrolio russo. Tuttavia, secondo il governo ungherese, questo non è sufficiente. Richiede assistenza finanziaria di 15-18 miliardi di euro per l’indipendenza dal petrolio russo e, ad esempio, per la costruzione di un nuovo oleodotto. I soldi proverranno dal bilancio della comunità di Bruxelles. Nei prossimi giorni si negozierà se e in che misura i partner dell’UE assorbiranno l’Ungheria.