L'Ucraina uccide dozzine di soldati russi, costretti a stare in campo aperto

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Decine di soldati russi sono stati uccisi in un attacco ucraino. Sembra che il motivo sia stata una decisione epocale da parte del loro leader.

Secondo i media, decine di soldati sono stati uccisi in un attacco missilistico ucraino contro un'area di addestramento militare controllata dalla Russia nella regione di Donetsk. La ragione dell'alto numero di morti sembra essere dovuta ad un ordine di un generale russo.

Secondo quanto riferito dalla BBC e dai blogger militari russi, l’esercito ucraino ha sparato contro i fucilieri di fanteria meccanizzata della Transbaikalia, una regione siberiana a est del lago Baikal. Si diceva che si trovassero in un campo aperto perché avrebbero dovuto aspettare il loro capo. Si dice che si tratti del generale Oleg Moiseev, comandante della 29a armata del distretto militare orientale.

Dalle foto e dai video dell'incidente si può dedurre un gran numero di morti, almeno 60, ha riferito l'agenzia di stampa tedesca (DPA). Inizialmente da Mosca non è arrivata alcuna informazione sull'incidente. Ma i blogger militari russi hanno confermato l’attacco.

I soldati si schierano in campo aperto

L'incidente sarebbe avvenuto martedì pomeriggio vicino al villaggio di Trudevskij nella regione di Volnovakha. Le forze russe avevano già invaso la regione poco dopo lo scoppio della guerra d’aggressione ordinata dal presidente del Cremlino Vladimir Putin. Si trova a circa 20 chilometri dall'attuale linea del fronte.

La BBC ha citato uno dei sopravvissuti che ha detto: “I comandanti ci hanno messo in un’area aperta”. Poi sarebbero caduti due missili di un lanciarazzi multiplo americano Himar.

Dell'attentato ha parlato anche il canale russo “Rebar” su Telegram, considerato vicino al Ministero della Difesa. Oltre alla negligenza degli agenti, il canale lamentava anche il fatto che i sopravvissuti avevano pubblicato le foto: il nemico otteneva così materiale propagandistico.

Blogger militare ucciso dopo il rapporto di Avdiivka

In precedenza era stato annunciato che un importante blogger militare russo si era suicidato. Andrei Morozov ha scritto domenica sulla piattaforma Telegram che l'esercito russo ha perso 16.000 soldati e 300 veicoli blindati quando ha catturato la città di Avdiivka, nell'Ucraina orientale. Anche in questo caso è stato criticato il fatto che il suo rapporto abbia fornito all’avversario ucraino un vantaggio propagandistico.

Morozov, considerato un ultraconservatore, ha commentato la guerra su Telegram con lo pseudonimo di Morz e combatte come soldato contro l'Ucraina dal 2014.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...