Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La più grande acciaieria d'Europa rischia la bancarotta: crisi dell'acciaio in Italia

La più grande acciaieria d'Europa rischia la bancarotta: crisi dell'acciaio in Italia

DL'impianto dispone di cinque altiforni e una capacità di produzione di acciaio di circa 11 milioni di tonnellate all'anno. Ma gran parte del sito sulla costa di Taranto, nel sud dell’Italia, è in fase di stallo. L'acciaieria più grande d'Italia e la più grande in termini di capacità Europa, quasi in bancarotta. Pertanto, questa settimana il governo italiano ha preso il controllo di Acciaierie d'Italia (AdI) ponendole sotto amministrazione straordinaria. Ora nelle prossime due settimane il tribunale di Milano dovrà dichiarare ufficialmente il fallimento, cosa che tutti si aspettano. Inizia un nuovo capitolo per l’azienda in crisi, ma l’esito è altamente incerto.

ATI essendo il proprietario principale, ArcelorMittal, salutando la società ex Ilva. Il più grande produttore di acciaio europeo ha annunciato che l’amministrazione speciale “porrà fine al nostro coinvolgimento in Aadi, iniziato nel 2018”. Ora si ritrova praticamente deportato perché non ha diritti secondo la legge italiana. Nel prossimo futuro, ArcelorMittal vuole decidere se intraprendere un’azione legale contro di essa – o porre fine alla storia delle scuse una volta per tutte. Nell'ultimo bilancio AdI ha registrato una svalutazione di 1,4 miliardi di euro. L'azienda sottolinea che dal suo ingresso in azienda ha investito più di 2 miliardi di euro, di cui più di 800 milioni di euro sono stati destinati a misure di protezione ambientale, che sono state più volte criticate come insufficienti. Inoltre, Arcelor ha fornito allo stabilimento di Taranto materie prime per diverse centinaia di milioni di euro.