Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia vuole aumentare le sue cospicue riserve di gas

R.Avenna è di Aberdeen, Italia. Dalla spiaggia vicino alla città portuale del nord-est italiano, puoi trovare foto di basi petrolifere e di gas sull’orizzonte adriatico. La cosiddetta miniera d’oro nero ha dominato l’economia di Ravenna, che ha una popolazione di 160.000 abitanti, poiché negli anni ’50 sono stati scoperti importanti giacimenti al largo della costa.

Ma poi petrolio e gas divennero famigerati; Tre anni fa il governo italiano ha imposto il congelamento delle perforazioni. Successivamente è stato nuovamente ammorbidito, ma c’era più incertezza legale. Ciò ha accelerato il ritorno del settore. “Le nostre società di appartenenza attualmente impiegano tra 4.000 e 5.000 persone. Vent’anni fa è raddoppiato. E la maggior parte delle aziende lavora per clienti all’estero”, ha affermato Franco Nanny, presidente della Roca Oil and Gas Association di Ravenna.

L’Italia importa gas da lontano

Ma ora l’industria sta attirando nuove speranze. In vista dell’aumento dei prezzi dell’energia, il governo italiano vuole raddoppiare la produzione nazionale di gas. Il petrolio dovrebbe essere a terra, ma non il gas naturale, in Italia ce n’è una quantità significativa. La produzione è in costante aumento dagli anni ’50, culminando nel 1994 a 21 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

La conoscenza non è mai stata preziosa

Leggi F+ gratuitamente per 30 giorni e accedi a tutti gli articoli su FAZ.NET.

Leggi F + ora


Poi è sceso drasticamente a 3,3 miliardi di metri cubi l’anno scorso, lo stesso importo del 1954. L’Italia è un grande consumatore di gas. Quasi la metà dell’elettricità viene prodotta dal gas e il gas rappresenta il 43% del consumo totale di energia. Di conseguenza, gli italiani ora devono importare oltre il 90 per cento del loro gas naturale da Russia, Norvegia, Libia, Algeria, Azerbaigian e Qatar.

READ  Vincent Pollore sostituisce Hervey Cutekno, leader del "Torneo di Parigi" e del "JDT".