Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'Italia sequestra 69 milioni di dollari all'unità Carrefour per presunta frode fiscale

L'Italia sequestra 69 milioni di dollari all'unità Carrefour per presunta frode fiscale

Secondo i documenti legali visionati lunedì da Reuters, la procura italiana ha sequestrato 64,7 milioni di euro all'unità italiana del gruppo di supermercati francese Carrefour in relazione a un'indagine su frode IVA e sfruttamento del lavoro.

GS Spa, la catena di supermercati di proprietà di Carrefour con oltre 1.500 negozi in Italia, e quattro dei suoi amministratori sono indagati per aver evaso 64,72 milioni di euro di Iva dal 2018 al 2022, secondo un decreto della Procura di Milano.

La società madre di GS Spa, Carrefour Italia, non è stata immediatamente raggiunta per un commento.

I pubblici ministeri hanno affermato che la presunta frode riguardava l'esternalizzazione e il subappalto di servizi di logistica, movimentazione delle merci, facchinaggio e trasporto a “false cooperative”. Si tratta di società fittizie costituite come cooperative e che non pagano tasse né contributi previdenziali.

Negli ultimi cinque anni la Procura di Milano è stata al centro di ulteriori indagini nei confronti di imprese dei settori della logistica, del commercio all'ingrosso e della difesa, con il fenomeno della contrattazione tramite cooperative fittizie.

L'ordinanza relativa a Carrefour menziona, tra le altre indagini, DHL Supply Chain, Uber, Ups, Fiera Milano ed Esselunga.

Nel documento si sostiene che la GS Spa avrebbe detratto illegalmente più di 64 milioni di euro di IVA attraverso fatture di “false cooperative”, mentre le cooperative avrebbero evaso versamenti tributari e previdenziali per un totale di 110 milioni di euro.

“La condotta fraudolenta di GS Spa va avanti da molti anni e ha portato non solo allo sfruttamento sistematico dei dipendenti ma anche a ingenti danni all'Erario”, si legge nell'ordinanza.

La settimana scorsa, un tribunale di Milano ha posto in amministrazione controllata una società di proprietà del gruppo di moda Armani nell'ambito di un'indagine separata sullo sfruttamento del lavoro.

($1 = 0,9386 euro)