Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ruggisce contro la Francia – EURACTIV.com

L’Italia ruggisce contro la Francia – EURACTIV.com

Il vice primo ministro italiano Matteo Savini (Liga/IT) si è lamentato contro il governo francese dopo il fallimento della richiesta di estradizione dei terroristi italiani. Mentre questo impedirà agli immigrati di entrare nel Paese, Salvini afferma che manterrà i terroristi.

Martedì, la Corte di Cassazione francese ha rifiutato di estradare 10 ex membri italiani delle Brigate Rosse che si erano rifugiati in Francia dopo che i tribunali italiani avevano emesso varie condanne, tra cui l’ergastolo, per reati gravi.

Il gruppo terroristico di estrema sinistra, fondato negli anni ’70, è responsabile di numerosi omicidi e rapimenti.

“È brutto. Lei ci respinge da bambini al confine di Ventimiglia nel bosco e ha terroristi che dovrebbero essere in galera in Italia”, ha detto Salvini della polizia francese.Secondo Salvini, l’organizzazione cerca sistematicamente di attraversare il confine italiano per raggiungere parenti in Francia, spesso attraverso i boschi o in treno.

“Chiedo alla Francia: e se la stessa situazione accadesse al contrario alle vittime del Bataclan?” dice Roberto Della Rocca.

Tuttavia, il tribunale francese ha giustificato la sua decisione con il diritto alla vita privata e familiare e il diritto a un processo equo per gli ex terroristi.

Quando il tribunale si è pronunciato sulla questione nel giugno dello scorso anno, Macron ha commentato che “queste persone coinvolte in crimini di sangue meritano di essere assicurate alla giustizia in Italia”.

La Francia dovrebbe seguire la Danimarca

L’Italia è al centro di un’emergenza migratoria. Tuttavia, la maggior parte dei migranti che sbarcano nella penisola preferisce recarsi in altri paesi europei, in primis Francia e Germania.

Secondo l’eurodeputato Vincenzo Sofo (FDI/ECR), nonostante i respingimenti alla frontiera italiana, il fenomeno migratorio in Francia è così intenso da aver contribuito al collasso del sistema di welfare del Paese.

“Il sistema di welfare francese sta scoppiando perché eroso dagli effetti del fenomeno migratorio che, attraverso politiche senza frontiere, ius soli e ricongiungimenti familiari, ha aumentato a dismisura il numero delle persone a carico dello Stato. aiuti, che ammontano a 20 miliardi di euro all’anno solo per i migranti”, ha detto Sofo a EURACTIV Italia.

“La Francia è un buon esempio di come lo stato sociale di un paese possa esistere solo attraverso i controlli alle frontiere, come inteso in Danimarca, dove la questione è stata determinante per convincere il governo di sinistra a rafforzare i controlli sull’immigrazione”, ha aggiunto il conservatore. Aggiunti parlamentari.