Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia dopo l’elezione di Giorgia Meloni: rabbia contro i partner Ue

Roma Il presidente italiano, 81 anni, che negli ultimi anni ha disinnescato diverse crisi di governo, è generalmente una figura di prudenza e moderazione. Ma ora Sergio Mattarella è anche molto colorato.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

“L’Italia può badare a se stessa, nel rispetto della sua costituzione e dei valori dell’Unione Europea”, ha affermato la scorsa settimana in risposta a una dichiarazione del ministro francese per gli Affari europei Laurence Boon. Sul quotidiano rumeno “La Repubblica”, Parigi ha spiegato che “i diritti e le libertà civili in Italia saranno rispettati”.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Gli italiani ascoltano e leggono tali opinioni Il 25 settembre si terranno le elezioni generali Praticamente tutti i giorni fino ad ora. In lunghi articoli sui principali media stranieri Agli occhi di un futuro governo populista di destra a Roma, il pericolo di un’Italia autoritaria, anche la fine dell’Unione Europea, è dipinto sul muro.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

“La Francia dovrebbe farsi gli affari suoi”

Era presente la Presidente della Commissione dell’Unione Europea, Ursula van der Leyen Con riferimento al caso dell’Ungheria Prima delle elezioni, è stata minacciata che la commissione avrebbe “strumenti” a sua disposizione se l’Italia avesse raschiato il governo costituzionale democratico. In Italia, le affermazioni di artisti del calibro di Boon e van der Leyen sono state viste non solo da Giorgia Meloni ma anche da molti dei suoi oppositori politici come un’ingerenza inaccettabile, un paternalismo o una mancanza di rispetto per le decisioni democratiche dell’elettorato.

“La Francia dovrebbe farsi gli affari suoi”, ha detto a Boone Carlo Calenda, leader del futuro partito di opposizione Azione. L’Italia, e quindi la cittadinanza romana, era una democrazia moderna e consolidata Con la costituzione scritta dopo la dittatura di Mussolini, Con tanti “contri e contrappesi” da escludere una cosa in particolare: il ritorno del fascismo.

L’Italia ha una separazione dei poteri con tribunali indipendenti e organi di controllo, e infine l’Italia ha un presidente che può nominare ministri e primo ministro, firmare leggi e, se necessario, sciogliere il parlamento e indire nuove elezioni.

Radar Capitale

Documenti personali e precedenti del distretto governativo di Berlino. Ogni Martedì, Giovedì e Sabato.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

La coalizione di governo ha ottenuto solo il 43 per cento dei voti

Inoltre, il mandato che Georgia Maloney ha ricevuto dagli elettori il 25 settembre è stato debole. I loro Fratelli d’Italia postfascisti sono aumentati dal 4 al 26% nelle elezioni parlamentari del 2018, ma il Fidesz di Viktor Orbán, spesso usato come ammonimento per l’andamento atteso di un governo Meloni, è più che raddoppiato. Diversi affluenze elettorali nelle scorse elezioni in Ungheria.

Anche se si includono i voti degli alleati di Meloni, della Lega di Matteo Salvini e di Forza Italia di Silvio Berlusconi, il nuovo governo ottiene solo il 43 per cento. Deve alla futura alleanza che la maggioranza parlamentare è stata sufficiente per il solo atto elettorale. Quindi l’Italia è ancora lontana dalle “condizioni ungheresi”.

READ  Sulla strada per l'Italia: motore Aeroflot che gira intorno al confine dell'UE

Anche Maloney sa fin troppo bene quanto poco sostegno abbia davvero nel paese – e sa che la maggioranza dei suoi elettori lo ha scelto non per il suo partito, ma come persona. Dopotutto, Maloney sa che enormi problemi attendono il suo governo con l’aumento dei prezzi dell’energia, l’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse.

Meloni sarà la “Madre Italia”?

Quando sceglierà i suoi ministri, farà in modo che i dipartimenti chiave siano pieni di persone considerate degne di fiducia a Bruxelles e che non sono note per essere ribelli. Meloni ha un grande obiettivo: come prima donna alla guida del governo italiano, vuole fare tutto bene e diventare la madre del Paese, “Mamma Italia”, come già ironicamente la chiama il “Corriere della Sera”.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Non sarà facile, ma ha un difensore rispettato: il premier uscente Mario Draghi. “È comprensibile che ci sia molto interesse in Europa per il nuovo governo, ma non preoccupatevi”, ha detto Draghi lo stesso giorno in cui il presidente Mattarella ha rimproverato il ministro francese.

La punizione di Draghi è anche un tentativo di demoralizzare Melony. Poiché i nuovi arrivati ​​a Bruxelles si trovano meno diffidenti, hanno meno motivi per far emergere i loro riflessi antieuropei.