Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lionel Messi è coinvolto in un sistema esplosivo

Lionel Messi è coinvolto in un sistema esplosivo

Si parla di uno stipendio fino a 400 milioni di euro l’anno. 1,1 milioni al giorno. Al giorno.

Negli ultimi anni e decenni, i tifosi di calcio hanno spesso avuto l’impressione che le cifre sugli stipendi delle superstar non potessero essere più ridicole. Solo per essere confutato ancora e ancora, questa volta con forza speciale. Il trasferimento di Lionel Messi in Arabia Saudita dal suo già enorme contratto con il PSG dovrebbe essere un segno infallibile. Agence France-Presse Francia Agenzia di stampa lo riferisce, citando una fonte interna.

Si dice che l’obiettivo siano i campioni sauditi Al-Hilal nella capitale, Riyadh, Al-Nasr rivaleggia con l’eterno rivale di Messi, Cristiano Ronaldo, il cui stipendio annuo di 160 milioni di euro è già basso in confronto.

Lionel Messi e sua moglie Antonella Roccuzzo ai The Best Awards 2023

Come fanno i club a ottenere così tanti soldi? Qual è il valore equivalente che i collezionisti di piombo si aspettano dietro le offerte? E quali sono le conseguenze del fatto che le più grandi stelle del secolo del calcio sono passate all’insignificanza sportiva e si sono lasciate entrare nello stato autoritario?

Sport 1 Lo sfondo del terremoto si illumina.

L’Arabia Saudita si impegna a raggiungere “Vision 2030”

Quasi nessun appassionato di sport può sfuggire alla potenza del regno del Golfo che si spinge forte nell’arena sportiva internazionale da diversi anni: miliardi sono stati investiti in Formula 1, calcio, il nuovo tour di golf LIV, grandi eventi di boxe e il leader del mercato del wrestling WWE – il il fondo sovrano ha acquisito l’Arabia Saudita PIF è presente e influenza in molti settori.

Le radici di questo sviluppo risalgono al 2016, quando il principe ereditario Mohammed bin Salman (MBS) ha annunciato i primi dettagli di “Vision 2030”, un’offensiva di investimenti e immagine che trascende lo sport.

Il progetto è fortemente ispirato alle attività sportive del vicino Qatar (di cui il Paris Saint-Germain fa parte) e ha due obiettivi principali: modernizzare l’economia e la società saudita verso una maggiore indipendenza dal business petrolifero – e garantire la sicurezza della famiglia reale pretesa di potere.

Bin Salman voleva “aprirsi all’Occidente e presentarsi più come un riformatore”, ha scritto l’anno scorso lo studioso islamico Jacob Kreis. Funk tedesco Visione saudita. Ma, allo stesso tempo, si tratta anche di rendersi “impermeabili alle pressioni al cambiamento” con la nuova situazione mondiale – e poter continuare a governare internamente in modo “conservatore e autoritario”.

Il raccapricciante omicidio del critico del regime Jamal Khashoggi nel 2018 ha chiarito la natura del regime e, secondo bin Salman, ha reso più urgente dipingere e trasmettere un quadro diverso. “Sportswashing” è la parola di tendenza, che arriva al nocciolo dell’idea: ripulire le situazioni politiche con il glamour delle grandi star dello sport e dei giovani.

Lionel Messi è a bordo dal 2022

Messi non sta solo aiutando il suo imminente cambiamento: nel maggio 2022, il sette volte calciatore mondiale argentino è stato nominato dall’Arabia Saudita “Ambasciatore del turismo”.

Così il regime saudita ha acquisito anche allora un importante mezzo pubblicitario e un potente influencer, simile al modo in cui il Qatar ha vinto Pep Guardiola e Zinedine Zidane come ambasciatori del torneo molto prima della Coppa del Mondo del 2022.

L’accordo di fine anno di Ronaldo è stata la prossima mossa per l’Arabia Saudita, e ora sarà seguita da un’espansione dei contatti con Messi: si dice che anche i compagni di Barcellona di Messi, Sergio Busquets e Jordi Alba, siano in procinto di trasferirsi ad Al Hilal. Il viaggio non programmato di Messi in Arabia Saudita ha ora annunciato la fine del rapporto di Messi con il Paris Saint-Germain e i suoi sostenitori del Qatar (un paese con cui l’Arabia Saudita ha legami politici tesi) un ulteriore punto della storia.

Come si può intuire sullo sfondo delle dimensioni degli enormi affari, anche i club Al-Nasr e Al-Hilal sono soggetti all’influenza statale: nel febbraio 2022 i due club hanno concluso una “partnership strategica” di 20 anni con il progetto Qiddiya – un enorme complesso sportivo, culturale e di intrattenimento da realizzare nei pressi di Riyadh.

Ne faranno parte un nuovo stadio da 40.000 posti per entrambi i club, oltre a un campo da golf e una nuova pista di Formula 1. Sponsor del progetto: PIF Sovereign Wealth Fund.

Coppa del Mondo 2030 come obiettivo finale provvisorio

Non solo Ronaldo e Messi che vincono l’Arabia Saudita fanno parte del grande puzzle del piano generale, ma anche la maggior parte delle acquisizioni del club della Premier League Newcastle United e l’hosting delle finali di Coppa di Spagna e Italia fanno parte del piano generale.

Anche a livello di politica sportiva, il Paese ha recentemente aumentato significativamente il proprio peso all’interno della FIFA – con un accordo di sponsorizzazione per i Mondiali femminili del 2023, l’elezione di Yasser Al-Mishal come primo membro saudita del Consiglio FIFA e la scelta di ospitare la Coppa del mondo per club quest’anno.

Non è un segreto che l’obiettivo auspicato di “Vision 2030” sia quello di ospitare i Mondiali nello stesso anno – anche se ciò contraddirebbe di fatto le prassi della FIFA, che dopo i Mondiali del 2022 ha già un ciclo di 12 anni fino alla prossima Coppa del Mondo nello stesso continente. Tuttavia, nel 2021, lo stato ha assunto la società di consulenza gestionale statunitense Boston Consulting Group per esplorare una potenziale offerta.

Non sorprende che il presidente della Fifa Gianni Infantino non si distingua come uno scettico nei confronti della lobby saudita: gli svizzeri sono andati più volte da bin Salman e hanno salutato il suo Paese come un’entusiasmante meta di viaggio con cibo “eccellente”: “Il mondo dovrebbe vederlo e guardalo».