Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lidl sta aumentando drasticamente i prezzi e rompendo le vecchie tradizioni

Lidl ha nuovamente alzato i prezzi.Foto: NurPhoto/NurPhoto

Supermercato

Carla Ermel

A causa dell’inflazione e della crisi energetica, molti ora stanno soffrendo persone Alla luce degli alti prezzi del cibo. Nella vendita al dettaglio, invece, il quadro è più complesso. Da un lato, a volte lotta anche con aumenti di prezzo significativi e, dall’altro, può anche trarne vantaggio.

I supermercati e i grandi magazzini tedeschi gestiscono questa situazione in modo diverso, ma spesso si orientano verso la concorrenza. Lidl Ora sta adottando un approccio diverso e sta andando avanti in termini di prezzi più alti.

Lidl rompe con le tradizioni delle tariffe precedenti

Lidl ha alzato i prezzi. Questo è comune nel settore, proprio così Aldi Di solito è il discount che dà il tono quando si tratta di aumenti dei prezzi. Ma ora Lidl osa fare il primo passo e rompere con la tradizione della moderazione.

secondo “Giornale alimentareMolti prodotti sono diventati più costosi nelle prime settimane dell’anno, l’acqua Volvic non costa più 99 centesimi, ma 1,15 euro, il che significa che il divario tra il proprio marchio è aumentato a ben 90 centesimi a bottiglia. adesso Viene offerto a 85 centesimi a bottiglia, mascherando così l’aumento del prezzo con uno sconto del 26%.

Acqua Minerale Volvic Naturalmente Biologica in Bottiglie di Plastica *** Acqua Minerale Volvic Naturalmente Biologica in Bottiglie di Plastica

Lidl nasconde l’aumento dei prezzi dell’acqua Volvic con una campagna di sconti.Foto: Imago Images/Manfred Segerer

Supermercato: Lidl alza i prezzi fino a 50 centesimi

Anche le bevande di Hohes C e Langnese Cremissimo sono aumentate di 50 centesimi. Inoltre, il discount, come molti supermercati, ha aumentato il prezzo dei latticini. Il popolare Pudding Monte di Zott ora costa € 2,69 da molti rivenditori, quindi costa 77 centesimi in più rispetto all’anno precedente.

READ  Classifica esclusiva: alle donne questi veicoli non piacciono affatto

I clienti devono anche scavare più a fondo nelle loro tasche per il Geramont, il Prinzenrolle o il formaggio Actimel di Danone: questi sono solo alcuni.

Grandi magazzini e rivenditori stanno discutendo con i produttori

D’altra parte, i rivenditori di altri produttori soffrono. Ad esempio, Lidl ha già a autunno Ho rimosso dalla collezione alcuni prodotti di marca “Müllermilch”, “Henkel” e “Beiersdorf”. Tuttavia, poiché alcuni marchi sono anche molto popolari, i supermercati e i discount non possono sempre permettersi questa misura.

Quindi sono in parte costretti a tenere il passo con i prezzi più alti dei produttori. Lionel Market, CEO di Rewe, si è lamentato con “Specchio“Infine, i produttori di marchi sul mercato tedesco sono particolarmente audaci.

I produttori di marchi devono fare richieste sfacciate

La Kellog Company, ad esempio, ha i propri cereali per la colazione in Germania Richiede un aumento del prezzo del 30 percento, a Francia Tuttavia, volevano solo aumentarlo del cinque percento. Secondo Market, la ragione di ciò erano i prezzi alimentari relativamente bassi in Germania. ripetere Successivamente ha rimosso i prodotti del marchio dalla sua gamma.

Secondo il direttore generale, Nestlé ha insistito affinché i prezzi dei prodotti Thomy rimangano più accessibili, sebbene i costi di produzione stiano nuovamente diminuendo.