Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex moglie di Dutro è uscita di nuovo: ricordi di un incubo belga

Stato: 28/08/2022 12:39

Negli anni ’90, il caso dello stupratore Dutro sconvolse il Belgio. Ora la sua ex moglie – responsabile della morte di due ragazze – sta ritrovando la sua completa libertà. Questo apre vecchie ferite.

Scritto da Helga Schmidt, ARD Studio Bruxelles

Anche il nome della donna suscita ancora odio e disprezzo per molti belgi: Michel Martin non solo è stato informato dei crimini del marito Marc Dutro nei minimi dettagli, ma ha anche partecipato come complice. Almeno due delle due ragazze che sono state rapite e maltrattate da Dutro, Martin, sono state lasciate intenzionalmente a morire di fame nel seminterrato di una prigione.

Helga Schmidt
Studio ARD Bruxelles

Una donna del genere potrebbe anche essere rilasciata in completa libertà? Molti belgi si chiedono – e quando si è saputo che i termini finali contro l’ex moglie di Dutro sarebbero caduti nel fine settimana, si è acceso un acceso dibattito. “Il reinserimento sarà molto difficile per loro”, afferma Marc Neve, capo dell’autorità di vigilanza carceraria belga. Questo è difficile, proprio per l’intenso interesse dei media.

“Questo è un caso al di fuori di ogni regola.”

L’affare Dutros ha innescato una delle più grandi crisi nel Belgio del dopoguerra negli anni ’90. Le immagini appartengono alla memoria collettiva: due ragazze che vengono liberate da una cella nei sotterranei di Charleroi davanti alle telecamere, guidate da agenti di polizia, le ragazze sono completamente frastornate. Poi si è scoperto che i due erano gli unici sopravvissuti. Almeno due ragazze sono morte di fame nella prigione sotterranea. Nell’animazione seguente, viene rivelato che era la moglie di Dutro a essere a conoscenza dei crimini e che ha permesso alle ragazze di morire di fame.

READ  Guerra in Ucraina: Putin sta inviando il suo treno nucleare in Ucraina qui? | Politica

«È facile dimenticare», spiega il capo dell’autorità di vigilanza carceraria belga, «che, nonostante la gravità del reato, il reinserimento deve essere possibile». Martin è uscito di prigione dal 2012, ma permangono severi requisiti di sicurezza e questo sistema ha dimostrato il suo valore. Pertanto, è ora di aumentare le condizioni, afferma l’autorità. Tuttavia, è anche vero: “Il caso Dutroux è al di là di ogni regola e questo rende le cose molto difficili”.

Lavori di demolizione della casa di Dutro a Marcinelle nel giugno 2022. In questo sito sarà eretto un monumento.

Foto: AFP

La polizia e la magistratura hanno fallito

Ciò che rende le cose così difficili: il caso ha fatto precipitare il Belgio in una crisi di stato. Il fallimento della polizia e della magistratura si diffuse in precedenza inimmaginabile. Dutro ha rapito ragazze per anni, le ha violentate, quattro ragazze sono morte e ogni belga conosce i loro nomi. Julie e Melissa, entrambe di otto anni, quando Dutro le uccise e le seppellì nel suo giardino. Anne ed Evji, due amici, entrambi di 17 anni, sono morti di fame nella loro cella nel seminterrato e poi sepolti anche loro in giardino.

Guardando indietro, si scopre che alcuni reati erano possibili solo perché gli investigatori e le autorità non hanno preso provvedimenti nonostante le chiare indicazioni. Dal momento che Dutro è noto alla polizia come uno stupratore brutale sin dagli anni ’80, è stato condannato a 13 anni di carcere, ma è stato rilasciato solo tre anni dopo – per buona condotta.

Un agente di polizia non sospettava nulla

Mentre le autorità stavano guardando, è riuscito a rapire un totale di sei ragazze e a tenerle nelle cantine per diversi mesi. Lì la torturò e la violentò con inimmaginabile crudeltà. Successivamente è stato rivelato che si credeva che un agente di polizia fosse molto vicino ai bambini di otto anni Melissa e Julie – quando erano ancora vivi nel seminterrato di Dutro. L’ufficiale di polizia ha trovato catene e dispositivi di tortura e sapeva anche che il proprietario della casa era uno stupratore seriale condannato. In seguito ha dichiarato di aver sentito le urla dei bambini. Ma non sospettava: pensava che l’urlo provenisse dalla strada.

READ  ++ Conflitto in Ucraina: Russia e Stati Uniti si travolgono a vicenda con gravi accuse

Indifferenza o complicità? La questione sollevava il pubblico belga dell’epoca. Rimane aperta la domanda esplosiva se Dutroux sia l’unico colpevole e il sospetto di una rete di sfruttamento minorile in background non può essere motivato. “Secondo me, niente del genere sarebbe potuto accadere senza un’organizzazione in background”, spiega il politico liberale Mark Vervin dell’inchiesta parlamentare appositamente costituita. Nell’agosto del 2001, al termine di un difficile lavoro della commissione, diede una seria valutazione dei sostenitori: “Non lo escludo affatto, ma non si può provare”.

Non è un caso isolato

Lo stesso Dutro è ancora in prigione ed è stato condannato all’ergastolo. A causa delle sue azioni, l’intero sistema politico belga è caduto in discredito negli anni ’90, lontano dai confini nazionali. Gli abusi sessuali sui minori sono stati spesso collegati alle condizioni belghe. Non c’era internet, nessun dipinto con migliaia di volti di bambini scomparsi nel mondo, nessun mercato internazionale per i video di abusi sui minori.

Per questo il caso di Dutro è interessante anche dal punto di vista storico-mediale. La televisione ha monopolizzato la copertura della stampa e il caso di Dutro sembrava un incubo unico nel suo orrore. Il fatto che non si trattasse di un caso isolato, ma che l’abuso sessuale di bambini con violenza compreso l’omicidio fosse più diffuso di quanto si pensasse all’epoca – questo è evidente al più tardi con la scoperta di innumerevoli pedopornografia di violenza su Internet.

READ  Lapidazione di studenti: il gruppo Lynch uccide una donna cristiana nigeriana