Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elke Heidenreich: Perché ha rinunciato alla casa dei suoi sogni in Italia

Berlino. Elke Heidenreich compie un viaggio nel tempo. In “Your Happy Eyes”, lo scrittore e presentatore 69enne riassume le esperienze di viaggio della sua vita. Lo fa in una prospettiva di dolcezza e calma, che ha riscontrato soprattutto negli ultimi anni. Con questo atteggiamento, può accettare che tutti i suoi desideri non siano realizzati e che lei gliela doni Casa dei sogni Ha dovuto rinunciare in Italia.

Come puoi vedere nel libro, ci sei stato un bel po’. Questi viaggi sono guidati dalla sete di avventura?

LK Heidenreich: No, i miei viaggi sono sempre legati alla musica. Non appena ho avuto i soldi, ho viaggiato nei teatri d’opera del mondo. Inoltre non sono così in salute, quindi non posso andare all’avventura. Ho sempre bisogno di un letto decente e di cibo decente. All’inizio ero ostacolato dal campeggio, e quando sono cresciuto i viaggi sono diventati un po’ più stravaganti. Ma in nessun momento stavo cercando l’avventura. Soprattutto, volevo vedere le città. A casa amo la natura, e stamattina sono stata un’ora nella foresta, ma non mi serve quando viaggio.

Nonostante questo continuo movimento, senti un certo radicamento in un luogo?



Heidenreich: Ho già notato che la colonia è troppo a casa. Si è evoluto negli ultimi 20, 30 anni. Ma ha meno a che fare con la città. Dove vivi, dove sono i tuoi libri, dove lavori, dove i ricordi ti guardano dagli scaffali, è dove ti senti a casa. Tuttavia, mi piace molto la città per la sua brutta bruttezza e la sua gente lunatica.

READ  Corona: Come l'Italia vuole prevenire le vaccinazioni obbligatorie - podcast

Ci sono stati o ci sono luoghi nostalgici a cui ti senti particolarmente legato?

Heidenreich: Italia mio paese Ovunque io sia in Italia, mi sento subito a mio agio. Mi piacciono gli italiani, mi piace il cibo, l’architettura, il cielo. So che il paese è in declino politico, ma è bellissimo lì. Ho spesso viaggiato avanti e indietro da nord a sud. Ho anche avuto una casa lì per molti anni. Se fossi giovane, mi piacerebbe vivere in Italia. Ma siccome non è successo, vivo a Colonia, nel nord Italia.

Maggiori informazioni sull’autore: “Orribile”: lo scrittore LK Heidenreich è anti-sesso

Se il paese dei tuoi sogni è l’Italia perché hai lasciato lì la tua casa?

Heidenreich: Mi dispiace molto oggi. Avrei dovuto tenerlo, ma all’epoca avevo un cane e cinque gatti e mi ero trasferito da Baden-Baden a Colonia. L’Italia è a tre ore da Baden-Baden e sei ore da Colonia. Lo fai con cinque gatti e un cane. È stato molto complicato per me.

leggi di più: Chiunque prenoti lounge in Italia dovrà ora affrontare questa sanzione

Nel tuo libro scrivi: “Voglio conservare per un po’ la tenerezza e l’amicizia veneziane. La crudeltà viene dopo”. Quest’ultimo si è stabilizzato o ci sono ancora segnali di morbidezza italiana?

Heidenreich: È come tutti gli esseri umani. Posso essere preso in giro e poi tiro fuori i miei artigli, ma in realtà mi piace essere gentile e gentile. Invecchiando, mi sento meno triste per certe cose. Se qualcuno non guida subito quando il semaforo diventa verde suono subito il clacson, credo che oggi avrà un po’ di sonno, quindi aspetto che si addormenti. Divento più calmo e amichevole, persino me stesso.

READ  Italia: "Super Green Pass" per default

È solo vecchiaia?

Heidenreich: Il mio lavoro ne è anche la ragione. In talk show Ho dovuto impazzire. È inutile se hai mai questi discorsi di bel tempo. Sono entrato nei talk show per arrivare in fondo ai politici. Questo è quello che ho fatto e mi ha dato la reputazione di essere sexy, cosa che non sono nella vita reale.


Non è triste interpretare il ruolo di piantagrane?

Heidenreich: Non mi ha mai infastidito quello che la gente pensava di me. Dovevo farlo per far andare qualcosa nei talk show. Se chiedo qualcosa a un politico e lui dice: “Prima spiego io”, dico: “No, prima rispondi alla mia domanda”. Sono sempre stato molto diretto e diretto.

Ma le continue conversazioni controverse devono aver teso anche i tuoi nervi.

Heidenreich: Ero così. Ti fa qualcosa. Ma devi affrontarlo, altrimenti non puoi fare una cosa del genere. Ora è finita. Oggi mi siedo bene alla mia scrivania, scrivo i miei libri e leggo felicemente. Viaggio ancora in giro per il mondo e non sono attivo come una volta. Ti impegni in modo diverso quando hai 40 anni rispetto a quando ne hai quasi 80.

Interessante anche: “Marcus Lance” – Il politico dell’Spd avverte del “caldo autunno”.

Il libro parla anche dell’amore. “Gli amori insoddisfatti sono spesso i più belli”, scrivi. È davvero così?

Heidenreich: Non necessario. È un desiderio eterno, ma è bello quando hai ancora dei sentimenti. Almeno sono ricordati più brillantemente delle sfortunate storie d’amore andate storte.

La voglia di viaggiare è stata davvero soddisfatta nel frattempo?

Heidenreich: La fame straniera non brucia in me. Ho visto abbastanza. Prenoto ancora tour o spettacoli nei paesi di lingua tedesca, ma non è necessario Cina O l’America. Ritornerei sicuramente a Venezia se non dovessi girovagare per il mondo.

Questo articolo è apparso originariamente su morgenpost.de.