Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex calciatore professionista Tomiano Tomasi è il nuovo sindaco di Verona – commento

“Gol a Verona!” Mentre gli atleti perseguono una nuova funzione, i media tendono a recuperare immagini della vecchia vita. Lo stesso vale per l’ex calciatore italiano Tomiano Tomasi, che domenica è stato sorprendentemente eletto nuovo sindaco di Verona. Elenco dei suoi cittadini “Rette!” Called, che è un gioco di parole: rette è italiano per goal e rete.

Tomasi, 48 anni, 25 Caps, italiano, è stato il protagonista di questo piccolo turno di elezioni comunali. Tutti gli italiani lo conoscono. All’epoca giocava a centrocampo, un uomo che intuiva cosa stava succedendo sull’intero prato – con Vista, dicono i giocatori di football. Naturalmente ha creato una buona metafora. Vista non è un precursore della visione?

Tomasi ha sempre avuto una mentalità politica, per dirla ideologicamente: un cristiano-democratico di sinistra, un aderente alla religione cattolica con un’ideologia sociale. E padre di sei figli. Da giovane calciatore, si è rifiutato di prestare servizio militare perché non voleva portare una pistola. Questa è la prima volta nel Calcio. La Caritas lo ha mandato a fare servizio alla comunità nella radio cattolica Tele Base.

Quando non poteva giocare, ha ridotto volontariamente il suo stipendio

Alla Roma, dove giocò a lungo, lo chiamavano “Anima Candida”, l’anima fedele, perché nello spogliatoio dell’Associata Sportiva era sempre preoccupato per l’armonia. Quando Tomasi si ritirò dal gioco, divenne presidente della National Players Association. Anche se ha fatto una campagna per gli interessi dei super guadagni, anche questo si adattava bene. Era molto umile: una volta, dopo un infortunio alla caviglia, ridusse volontariamente lo stipendio a 1.470 euro al mese, il salario minimo. “Ho detto al club: ‘Se non gioco, perdi quasi soldi. Se gioco, vincite entrambi.’ “Di nuovo, nel complesso, questo è Vista.

READ  Pesca Sportiva - Emozionante vittoria ai Mondiali in Italia per i pescatori sportivi dei Grimes

Ecco perché nessuno si è sorpreso quando Tomasi sei mesi fa ha annunciato di voler essere sindaco di Verona. Viene da Negro in Valpolicella, appena fuori le porte della città. Ma non gli è stata data alcuna opportunità di essere particolarmente nuovo. Verona è stata tradizionalmente una roccaforte della destra e dell’estrema destra, e si sentono vicine ai simboli cattolici. Da vent’anni la sinistra veronese non riesce a vincere le elezioni. Il vescovo della città ha consigliato pubblicamente di non votare Tomasz, basta immaginarlo.

Durante la campagna elettorale, ha girato tutti i quartieri – sentito

Ha condotto una campagna elettorale mai vista prima in Italia: i giornali scrivono dopo la politica. Quest’ultima divulgazione potrebbe essere migliore. Nessuno dei manifesti con la sua unica testa di pergamena era appeso per le strade di Verona, sebbene quella fosse la sua capitale pubblicitaria. Tomasi non parlava mai in piazza, non dava mai alla Tribuna, non gridava mai. I partiti di sinistra hanno sostenuto la sua candidatura e si sono opposti al suo schierarsi di lato con i loro simboli. Invece, ha raccolto attorno a sé molte persone giovani e stimolanti, che puoi identificare dalle loro magliette gialle. E camminava per tutta la città, ogni giorno sceglieva qualcosa di diverso, faceva tardi, chiedeva alle persone, parlava di lavoro, ambiente, giovani, futuro, uno a uno. Nei quartieri popolari attorno al perimetro scelsero infine la Lega, che ricevette una buona accoglienza come voleva la vecchia sinistra.

D’altra parte, la destra si divide: i popolani contro Hawthorne. L’ex sindaco, l’ex fascista Federico Sorina, tentò più volte di provocare Tomasi. Ma ha lasciato tutto e ha riso. “Abbiamo anche vinto con stile”, ha detto dopo la vittoria elettorale. Quindi, certo, Damiano Tomasi è già considerato la migliore speranza di un nuovo tipo di sinistra – al di là delle province, determinata prima della Lega Nazionale di Serie A. È come il calcio vero: un gol in finale e una garanzia di orgoglio.

READ  Vittoria per determinazione: l'Italia dà segni di vita - Nazionali