Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’esperto spiega se il digiuno aiuta

L’esperto spiega se il digiuno aiuta
  1. 24vita
  2. Vivi sano

L’obesità è una delle cause della steatosi epatica non alcolica. Se perdi peso, aiuti anche il fegato a guarire. Un esperto di digiuno spiega come raggiungere il successo.

La steatosi epatica non alcolica (NAFL) è una diagnosi comune. Chi ne soffre immagazzina troppo grasso nel fegato, danneggiando permanentemente l’organo. Com’è? Ospedale universitario di Zurigo Egli avverte che la steatosi epatica non trattata può portare a epatite, cirrosi o persino cancro al fegato.

Gli stili di vita moderni – troppo tempo davanti allo schermo, alimentazione sconsiderata e troppi prodotti già pronti, così come troppo poco relax – stanno causando sempre più persone a sviluppare la malattia del fegato grasso. Un cittadino tedesco su quattro di età superiore ai quaranta Fondazione tedesca per il fegato Già colpito. Inutile dire che a un bambino sovrappeso su tre viene diagnosticata una malattia del fegato grasso. I risultati di un attuale studio basato sulla popolazione inglese mostrano anche che un partecipante su cinque aveva la NAFL intorno ai 25 anni.

In questo contesto, è necessaria la responsabilità personale. Cambiare il proprio stile di vita verso una dieta sana senza alcol e fare molto esercizio fisico ferma la malattia del fegato grasso e aiuta il recupero dell’organo.

Solo sotto controllo medico: i trattamenti a digiuno hanno senso nel trattamento del fegato grasso

medico. Daniela Cobbold è esperta nel campo della fisioterapia e ricercatrice in nutrizione e digiuno presso la Charité di Berlino. Secondo lei, i trattamenti di digiuno possono anche essere utili nel trattamento del fegato grasso. “Le persone in sovrappeso soffrono spesso di steatosi epatica non alcolica. Il digiuno ha un potenziale straordinario a questo scopo. Uno studio ha dimostrato che l’indice del fegato grasso è stato significativamente ridotto a seguito del digiuno terapeutico”, ha detto Cobbold in un’intervista al portale specializzato. . tema. Nell’ambito dello studio, i pazienti hanno digiunato per un periodo compreso tra quattro e otto giorni, sotto controllo medico.

L’indice del fegato grasso spiegato brevemente

L’indice del fegato grasso ti consente di stimare il rischio effettivo che hai di soffrire di una malattia del fegato grasso. Viene calcolato utilizzando l’indice di massa corporea (BMI), la circonferenza della vita, i valori degli enzimi epatici y-GT e i trigliceridi.

Una dieta vegetariana è raccomandata per i pazienti con malattia del fegato grasso. © immagine

Non perdetevi nulla: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

“Il digiuno migliora il metabolismo. Allena il corpo a utilizzare altre vie metaboliche, soprattutto per quanto riguarda il fegato”, dice Cobbold, spiegando l’effetto positivo del digiuno sul fegato. Tuttavia, un regime di digiuno dovrebbe sempre essere accompagnato da un medico. per alcune persone anche restare senza cibo per diversi giorni comporta dei rischi. Discutere sempre con il medico se il digiuno è un’opzione.

Suggerimento: le sostanze amare migliorano la salute del fegato

La mirra può promuovere la salute del fegato stimolando la produzione di bile, migliorando la funzione di disintossicazione, aumentando l’appetito, regolando i livelli di zucchero nel sangue e favorendo la digestione. Se non ti piacciono i cibi amari come il tarassaco, puoi utilizzare rimedi naturali come questo Spray complesso per il fegato di BitterLiebe (link promozionale) Ritirarsi. Tuttavia, le persone con malattie del fegato dovrebbero consultare un medico.

Il digiuno intermittente riduce anche la pressione sul fegato

Questo è diverso dal digiuno intermittente: questa versione leggera del trattamento del digiuno è meno stressante per il corpo ed è un buon modo per perdere peso in modo sano. Tuttavia, non esistono studi sull’efficacia del digiuno intermittente contro la malattia del fegato grasso. “Di certo non puoi aspettarti che tre o quattro settimane di digiuno intermittente producano gli stessi risultati di una settimana di digiuno Buchenger. La stimolazione è molto inferiore con il digiuno intermittente, così come la reazione del corpo”, afferma Daniela Cobbold. digiuno per diversi mesi o anni. Suppongo che in questi periodi produca buoni effetti e forse risultati simili al digiuno di Buchenger. Si tratta di allenare quest’altra via metabolica, ed è quello che succede quando non consumi calorie per 14 o 16 ore .

Ma anche durante il digiuno intermittente, alcuni alimenti devono essere evitati per trattare la malattia del fegato grasso. L’esperto di digiuno Folletto consiglia di evitare i seguenti alimenti per il fegato:

  • Alimenti a cui viene aggiunto fruttosio, come bevande zuccherate
  • Prodotti animali come salsicce

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non può rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.