Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’eredità del Neanderthal dal volto di Giano

L’eredità del Neanderthal dal volto di Giano
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Grazie all’analisi genetica è stato dimostrato che i Neanderthal e gli esseri umani moderni avevano rapporti sessuali e avevano figli insieme. © Katerina Harvati/Università di Tubinga Gleifer Petrou

Le possibilità dell’analisi genetica hanno fatto passi da gigante nella paleoantropologia, ma non possono sostituire i metodi tradizionali.

FRANCOFORTE – Se si osserva l’albero genealogico umano, nel corso del tempo esso è diventato sempre più ramificato. Furono aggiunti uno o due rami, altri furono spostati e altri scomparvero. L’evoluzione della nostra specie non è mai stata lineare, con molti percorsi che conducono a vicoli ciechi. Il quadro è ora così complesso da assomigliare sempre di più a una rete; Un approccio in parte confuso, con grandi lacune.

La capacità di analizzare il materiale genetico dei fossili ha fornito un potente impulso alla conoscenza in questo campo. Il Premio Nobel per la medicina 2022 assegnato a Svante Pääbo, il fondatore di questa nuova scienza conosciuta come paleogenetica, tiene conto di questo: Pääbo, direttore dell’Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva di Lipsia, è riuscito a sequenziare il genoma dell’uomo di Neanderthal.

Le analisi genetiche sono importanti, ma non abbastanza significative da sole

È ragionevole supporre che attraverso l’analisi del DNA sia stato dimostrato che il processo, a differenza, ad esempio, dell’esame osseo, fornisce risultati “inequivocabili” e non lascia molto spazio all’interpretazione. Ma questo non è vero. Le analisi genetiche sono importanti, ma non sono sufficientemente significative di per sé, afferma la paleoantropologa Katerina Harvati del Centro Senckenberg per l’evoluzione umana e il paleoambiente dell’Università di Tubinga, che ha recentemente parlato dell’argomento alla conferenza Gustav Heinrich Ralph von Königswald al il Centro di ricerca Senckenberg. Presente all’Istituto e Museo di Storia Naturale di Francoforte.

Solo la raccolta, soprattutto con l’analisi delle ossa, soprattutto dei teschi, può produrre un quadro completo. Inoltre, molti fossili non contenevano materiale di DNA utilizzabile. Soprattutto dai reperti più antichi dell’epoca dell’uomo di Neanderthal e del primo Homo sapiens, di solito non è più possibile recuperare materiale genetico utilizzabile – non ancora. Fondamentalmente, le possibilità sono migliori nelle zone più fredde che in quelle più calde.

L’analisi genetica ha dato risultati sorprendenti

Tuttavia, l’analisi genetica ha prodotto risultati sorprendenti che ribaltano le vecchie costanti. Ora sappiamo che i Neanderthal hanno lasciato tracce nel genoma dell’Homo sapiens anche dopo la loro estinzione avvenuta 40.000 anni fa. Come afferma Katarina Harvati, il genoma degli esseri umani moderni in Europa contiene circa il 2-3% di geni di Neanderthal.

Tuttavia, lo scienziato fa un’osservazione interessante: “La proporzione dei geni di Neanderthal era più alta, ma è diventata più bassa”. Il fatto che l’Homo sapiens si sia sbarazzato dei resti genetici dei suoi parenti nel corso dell’evoluzione suggerisce che il corrispondente rapporto di geni non fosse un vantaggio. Harvati spiega che la quantità non è il fattore decisivo: “Non è il rapporto che conta, sono i geni ad essere colpiti”.

Chiaramente, il sistema immunitario dell’uomo di Neanderthal ci influenza ancora oggi, sia positivamente che negativamente.

Un importante fattore di rischio genetico per lo sviluppo di un coronavirus grave proviene dai Neanderthal

Un esempio di ciò viene dal recente passato. Svante Pääbo dell’Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva di Lipsia e il suo collega Hugo Zyberg del Karolinska Institute svedese hanno scoperto che un importante fattore di rischio genetico per il decorso grave del Covid-19 proviene dai Neanderthal. In questo contesto, il premio Nobel Papo ha parlato di “tardiva vendetta dei Neanderthal”.

Nel frattempo: in ulteriori ricerche, Baabo e Zeberg hanno scoperto che un’altra variante di un gene di Neanderthal sul cromosoma 12 riduce il rischio di grave malattia Covid del 20%. Circa la metà delle persone al di fuori dell’Africa porta questo tipo protettivo nel proprio genoma. “Chiaramente, il sistema immunitario dei Neanderthal ci influenza ancora oggi, sia positivamente che negativamente”, afferma Babu.

C’era un contatto sessuale tra i Neanderthal e gli esseri umani moderni

È stato dimostrato che esistevano contatti sessuali tra i Neanderthal e gli esseri umani moderni. Per molto tempo si è ipotizzato che l’incontro sia avvenuto circa 50.000 anni fa. Tuttavia, le nuove scoperte scuotono lo stato della ricerca di lunga data. Un team afro-americano-cinese guidato dall’Università della Pennsylvania ha dimostrato che l’Homo sapiens e i Neanderthal devono essersi incontrati per la prima volta 250.000 anni fa. Lo studio si basa su analisi genetiche degli esseri umani moderni e dei Neanderthal ed è stato recentemente pubblicato sulla rivista Current Biology.

È certo che l’Homo sapiens e i Neanderthal si sono evoluti indipendentemente l’uno dall’altro in Africa e in Europa dalla precedente specie umana Homo erectus. Dopo che gli esseri umani moderni lasciarono l’Africa, circa 70.000-50.000 anni fa, incontrarono i Neanderthal nel Medio Oriente e in quella che oggi è l’Europa.

Il team guidato da Alexander Platt della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania ha scoperto che un lignaggio molto più antico di quello degli esseri umani moderni deve essere migrato in Eurasia più di 250.000 anni fa e mescolarsi con i Neanderthal. Secondo i ricercatori, questi antichi esseri umani moderni in questa regione si estinsero nel tempo, lasciando rimasta solo la popolazione di Neanderthal, fino all’arrivo della successiva ondata di Homo sapiens, 100.000 anni dopo.

I geni umani moderni nei Neanderthal compromettevano la forma fisica

Tuttavia, alcuni ibridi dei primi esseri umani e dei Neanderthal devono essere tornati in Africa. Contrariamente alle ipotesi precedenti, i ricercatori hanno scoperto che in realtà c’erano parti dei geni di Neanderthal nei genomi africani; Anche se è inferiore a quello europeo. I livelli più alti sono stati rilevati nella regione di Amhara in Etiopia e tra i Fulani in Camerun.

Gli scienziati hanno anche notato che la maggior parte del DNA dell’Homo sapiens si trova in regioni non codificanti del genoma di Neanderthal, cioè in luoghi inattivi dove le proteine ​​non vengono lette. Secondo il leader dello studio Platt, ciò suggerisce che i geni degli esseri umani moderni nei Neanderthal danneggiano la loro forma fisica, in modo simile al modo in cui la selezione naturale ha rimosso la maggior parte dei geni dei Neanderthal dall’Homo sapiens. Ciò che ha funzionato per una persona può causare problemi ad un’altra e viceversa. (Pamela Dorhofer)