L’economia italiana è in forte espansione: perché la Germania sta perdendo terreno?

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Mauro Congedo da 25 anni scopre e rinnova piccoli tesori architettonici insieme al fratello e al padre in Puglia, penisola nell'estremo sud-est dell'Italia, sulla scia dell'iniziazione italiana.

Gli appartamenti e le case restaurati da Cangeto in aree remote stanno ora trovando acquirenti in Germania e nel Regno Unito. “Le cose vanno di nuovo bene”, dice al telefono l'architetto cinquantenne.

Durante la pandemia di Corona gli affari si sono quasi fermati del tutto. Ma quello che accadde poi nel suo settore in Italia fu “folle”. Il tempo quasi si ferma mentre trascina la “a” così forte. Ma le apparenze ingannano: a Conghetto non interessa solo la ripresa economica in Italia.

Dal bambino problematico al motore della crescita

Il Paese sta ora diventando il motore della crescita dell’Europa, mentre i governi di Roma erano abituati ad annunciare previsioni di crescita disastrose negli anni pre-pandemici e a raggiungere posizioni elevate nelle classifiche di credito. Nell’ultimo trimestre l’economia italiana è cresciuta dello 0,6%, mentre quella tedesca si è contratta dello 0,3%.

I dati relativi alla terza economia europea vanno oltre la semplice istantanea. “Dal 2019 l'economia italiana è cresciuta del 3,8%”, ha dichiarato alla DW il capo economista della Commerzbank Jörg Cramer. Si tratta di “il doppio dell’economia francese e cinque volte l’economia tedesca”.

In Germania, tuttavia, le prospettive sono fosche. L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) aveva previsto una crescita dello 0,3%. I maggiori esperti tedeschi prevedono per quest’anno una crescita solo dello 0,1%. Secondo l'OCSE, quest'anno l'Italia dovrebbe invece crescere dello 0,7%.

Anche il mercato azionario beneficia del clima ottimista. Esiste anche un codice leader italiano FTSEMIB , che elenca le 40 maggiori società, è cresciuto di circa il 28% rispetto allo scorso anno, più di tutti gli altri indici del mercato azionario europeo. L'Italia sulla strada della crescita: una storia di successo.

La fiducia nel governo Maloney è nuovamente aumentata

Gli economisti inizialmente hanno reagito con maggiore cautela quando Georgia Maloney è entrata in carica nell’autunno del 2022. Durante la campagna elettorale, il capo del governo di estrema destra insieme al suo partito “Fratelli d'Italia” ha annunciato una tendenza economica nazionalista “Made in Italy”, si è scagliato contro gli immigrati e non si è distinto chiaramente dalla Russia. Dopo la sua elezione, il settimanale Stern l'ha definita “la donna più pericolosa d'Europa”. Ma in termini di politica economica, la Meloni è rimasta finora sulla stessa linea del suo predecessore Mario Draghi. Questo ripaga l’Italia, almeno sul mercato obbligazionario. I tassi di indebitamento in Italia sono tornati ai livelli precedenti all’insediamento della Meloni.

In una conferenza stampa all’inizio dell’anno, Maloney ha cercato di prendersi il merito dell’aumento. Dopotutto, la mancanza di stabilità politica ha rallentato l’economia in passato, dice Meloni, che ora è saldamente in sella in Italia.

Ma quanto è cresciuto il successo di Meloney? afferma Jörg Krämer della Commerzbank. “Non molto. “La forte crescita può essere facilmente spiegata dalla politica fiscale allentata dell'Italia.” In altre parole: la crescita dell'Italia si basa principalmente sul nuovo debito. Mentre il nuovo debito pubblico italiano pre-corona era pari all'1,5% del prodotto interno lordo (PIL). , è aumentato negli ultimi anni e dovrebbe raggiungere il 2023 nel 2023. Nel primo semestre era già pari all'8,3%.

Anche la montagna del debito statale sta crescendo: a gennaio, la Commissione europea aveva previsto che avrebbe continuato a crescere nel 2025, superando quest’anno il 140% del PIL. A titolo di confronto: il rapporto debito/PIL in Germania è del 66%, mentre in Francia è quasi del 100%.

Un massiccio progetto di costruzione spinge l’economia

Dalla fine del 2020 il governo italiano finanzia diversi progetti di ristrutturazione. Alcune misure sono al 50%, altre addirittura superiori. Ma il più gettonato è il cosiddetto Superbonus 110 per le ristrutturazioni energeticamente efficienti: chi ristruttura la propria casa o il proprio appartamento per renderlo più efficiente dal punto di vista energetico ottiene indietro il dieci per cento dell’intero costo – con un carico fiscale ridotto, che dura. per molti anni. Cramer, economista ed esperto italiano, afferma: “Si può immaginare che gli investimenti nell’edilizia siano aumentati. “Questo effetto spiega circa i due terzi della forte crescita che osserviamo.”

L'architetto Mauro Cangeto non ama molto i superbonus. Tutto è diventato costoso. L’inflazione ha fatto lievitare non solo i prezzi del carburante, ma anche i beni super-bonus e il costo del lavoro. “Se il governo paga tutto, alla gente non interessa a quanto ammonta il conto”, dice Conquedo. Inoltre, nessuno controlla il prezzo. Le imprese edili di Napoli, Bari e del capoluogo di provincia di Lesse gli hanno chiesto più volte di adeguare i costi al rialzo. “Volevano che facessi pagare il doppio. Non l'ho fatto. È come rubare”, dice Conquedo.

In generale ritiene che il bonus per la riqualificazione energetica degli edifici sia buono. Tuttavia, i proprietari devono contribuire ai costi e non riceverli interamente dallo Stato. Conghetto non aveva una grande stima del suo capo del governo, Giorgia Meloni. L'unica cosa positiva di lei è che ha completato il super bonus.

Pioggia di soldi da Bruxelles

Infatti, il leader di estrema destra del governo super-bonus introdotto dal Movimento Cinque Stelle di sinistra è evaporato. I costi di ristrutturazione saranno del 70% nel 2023 e del 65% quest’anno.

Tuttavia, i benefici fiscali dei superbonus ridurranno significativamente le entrate statali nei prossimi anni. Miliardi che arrivano soprattutto da Bruxelles convengono più al governo di Roma. Come altri Stati membri, l’Italia riceve denaro dal Fondo europeo per la ripresa dal coronavirus.

Entro il 2026, quasi 200 miliardi di euro saranno versati all’Italia sotto forma di sovvenzioni e prestiti. “Il governo italiano a questo punto deve ridurre il suo altissimo deficit di bilancio. Non appena inizierà a risparmiare, questo miracolo della crescita italiana finirà, perché per molti anni non sono state utilizzate riforme strutturali”, afferma Jörg Cramer in un'intervista a DW .

Anche Mauro Cangeto teme che il superbonus gli rimanga a lungo. “I prezzi sono troppo alti e abbiamo molti debiti.” Non resterà senza lavoro tanto presto: attualmente sta lavorando su otto progetti contemporaneamente.

Autore: Nicola Martin

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...