Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le azioni BASF sono aumentate notevolmente: è prevista la separazione di due divisioni – BASF non vuole più fare previsioni sulle vendite future

Le azioni BASF sono aumentate notevolmente: è prevista la separazione di due divisioni – BASF non vuole più fare previsioni sulle vendite future

Dopo il recente calo degli utili, BASF vuole concentrare maggiormente la propria attività sui ricavi e dare più libertà ai settori che non sono saldamente radicati nel gruppo chimico.

Come la divisione Coatings (vernici e rivestimenti), anche la divisione materiali per batterie e la divisione soluzioni agricole verranno suddivise in società indipendenti, ha annunciato l’azienda chimica in un aggiornamento agli investitori a Ludwigshafen.

Con i materiali delle batterie per la mobilità elettrica, BASF punta a raggiungere un margine EBITDA rettificato di almeno il 30% entro il 2030 (esclusi i metalli). A medio termine il settore agricolo dovrebbe generare un margine rettificato di almeno il 23%, quello dei rivestimenti almeno il 15%. L’obiettivo di rendimento del 17% si applica all’intero ciclo chimico delle restanti attività del gruppo nei settori Chimica, Materiali, Soluzioni industriali, Nutrizione e Cura.

A partire dal 2024, l’EBIT rettificato quale precedente parametro di controllo centrale sarà sostituito dall’EBITDA rettificato. Inoltre, dovrebbero esserci previsioni annuali sul flusso di cassa libero, ha spiegato BASF. BASF intende inoltre fornire previsioni corrispondenti per tutti i singoli settori.

BASF fissa anche un obiettivo per le cosiddette emissioni di CO2 Scope 3.1 provenienti dalla catena di fornitura, che sono difficili da controllare. Poiché ora esistono dati preliminari sufficientemente affidabili sulle emissioni delle materie prime acquistate, esiste una base solida per un obiettivo concreto. Entro il 2030, BASF mira a ridurre le emissioni dell’intero portafoglio del 15% rispetto al 2022, da 1,57 a 1,34 chilogrammi di CO2 per chilogrammo di materie prime acquistate. Entro il 2050 BASF vuole essere neutrale dal punto di vista climatico anche nell’approvvigionamento di materie prime.

Niente più previsioni di vendita future

L’azienda chimica BASF sta separando due delle sue divisioni. Analogamente alle verniciature, anche i materiali delle batterie e le aree agricole saranno convertiti in unità indipendenti. Giovedì un portavoce dell’azienda ha confermato le corrispondenti informazioni del sindacato IGBCE. Tuttavia, non ci sono piani per vendere divisioni o licenziare dipendenti. Secondo il sindacato l’offerta riguarderà circa 2.500 posti di lavoro solo nella sede centrale dell’azienda a Ludwigshafen. Allo stesso tempo, BASF non vuole più fissare obiettivi di vendita futuri e fissa obiettivi di margine per le singole aree di business.

Separando i settori delle batterie, dell’agricoltura e dei rivestimenti, il consiglio afferma di voler dare alle regioni maggiore libertà in modo che possano adattarsi meglio ai propri clienti. Le aziende che si occupano di prodotti chimici di base (prodotti chimici), plastica (materiali), additivi (soluzioni industriali) e ingredienti per beni di consumo (nutrizione e cura) rimarranno altamente integrate.

Il sindacato ha fortemente criticato il progetto di scissione. “L’anno si conclude, come è iniziato, con cattive notizie per i dipendenti”, ha affermato il direttore di area dell’IGBCE Günter Kolmos. Nella sola Ludwigshafen l’outsourcing colpisce circa il 10% della forza lavoro. Kollmuß era ottimista riguardo al fatto che non dovrebbero esserci licenziamenti. Il sindacato e il comitato aziendale stanno ora spingendo per un “accordo sul sito 2030” per l’associazione e tutte le unità interessate dall’attuale sviluppo.

Nel frattempo, dopo il calo degli affari quest’anno, il consiglio non ha più voluto fornire previsioni di vendita dal 2024 in poi. A partire dalla presentazione del bilancio del 23 febbraio, ci saranno obiettivi solo per l’utile prima degli interessi, delle tasse, degli ammortamenti e delle voci straordinarie (EBITDA rettificato) nonché per il flusso di cassa, ha annunciato il gruppo DAX in un evento per gli investitori a Ludwigshafen. BASF sta inoltre modificando il dato centrale sugli utili operativi: in precedenza il focus era sull’EBIT e sugli special item (EBIT rettificato).

A partire dal prossimo anno, gli obiettivi delle singole divisioni ruoteranno anche attorno al nuovo dato principale relativo all’utile operativo (Ebitda rettificato) e al flusso di cassa. Il Consiglio di amministrazione mira a raggiungere per l’attività Verbund un margine operativo rettificato (margine EBITDA rettificato) del 17%, che sarà raggiunto attraverso l’intero ciclo chimico. Per i materiali delle batterie privi di metalli, il margine dovrebbe raggiungere almeno il 30% entro il 2030 e per i rivestimenti almeno il 15% a medio termine. Nel settore agricolo l’obiettivo del Consiglio d’amministrazione è di raggiungere a medio termine un margine di profitto pari ad almeno il 23%.

La guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina e le sue conseguenze sull’economia hanno gravemente scosso BASF. Nel 2022, il ritiro della controllata Wintershall Dea dalla Russia e la svalutazione della sua partecipazione nella società di gasdotti Nord Stream AG sono costati miliardi al colosso chimico BASF.

Nel 2023 la debole congiuntura ha avuto ripercussioni sull’azienda: a luglio il management ha ridotto le previsioni di fatturato da 84 a 87 miliardi di euro, precedentemente a soli 73-76 miliardi di euro. Il CEO uscente Martin Brudermüller prevede ora che le vendite si collocheranno solo nella fascia bassa di tale intervallo. L’anno precedente BASF aveva realizzato un fatturato di 87 miliardi di euro. Nei primi nove mesi di quest’anno il fatturato del gruppo è ammontato a 53 miliardi di euro, il 22% in meno rispetto all’anno precedente.

BASF aveva già lanciato un programma di risparmio a febbraio e aveva annunciato che avrebbe tagliato 2.600 posti di lavoro, circa due terzi dei quali in Germania. Nel mese di ottobre, il consiglio ha inoltre aumentato il suo obiettivo di risparmio. Nel complesso, entro la fine del 2026 si prevede che i costi annuali diminuiranno di circa 1,1 miliardi di euro, invece di circa 1 miliardo come previsto in precedenza.

Allo stesso tempo, l’amministrazione è diventata più ambiziosa per quanto riguarda le riduzioni previste delle emissioni di anidride carbonica. BASF è impegnata da tempo a ridurre le emissioni di CO2 derivanti dalle proprie attività e dall’energia acquistata (Scope 1 e Scope 2) del 25% entro il 2030 rispetto al 2018, e l’azienda con sede a Ludwigshafen vuole raggiungere lo zero netto entro il 2050. Il Board ora si occupa anche delle emissioni di CO2 derivanti dall’acquisto di materie prime (Scope 3.1). Rispetto al 2022, si prevede che tale valore diminuirà del 15% sull’intero portafoglio entro il 2030, per raggiungere lo zero entro il 2050.

L’Unione IG BCE critica queste misure

Il sindacato IG BCE ha dato una brutta notizia per i lavoratori poco prima di Natale. “Per i dipendenti l’anno finisce come è iniziato, con cattive notizie che preoccupano i colleghi”, spiega il direttore distrettuale Günter Kolmos. Il sindacato insiste su una rinuncia documentata alle vendite e le nuove unità devono rimanere parte del portafoglio BASF. “Quando qualcosa viene separato, sembra di vendere alla gente. L’esperienza lo dimostra”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters il presidente del Consiglio laburista Sinisa Horvat. “Ma il management ci ha assicurato che le misure miravano solo a rendere più efficaci diverse aree. BASF deve rimanere un’azienda integrata e per questo l’azienda deve creare fiducia.”

La IG BCE e il comitato aziendale hanno inoltre chiesto una proroga del contratto di sede presso lo stabilimento principale fino al 2030. Secondo l’attuale contratto di sede, sono esclusi licenziamenti per motivi operativi a Ludwigshafen fino alla fine del 2025. Il CEO Martin Brudermüller ha annunciato un nuovo programma di austerità di febbraio che porterebbe alla perdita di 2.600 posti di lavoro in tutto il mondo, quasi due terzi dei quali in Germania. È prevista la chiusura di diversi impianti ad alta intensità energetica presso lo stabilimento principale di Ludwigshafen.

>La notizia è stata accolta favorevolmente dal mercato azionario. Il titolo BASF è cresciuto significativamente dopo le notizie del primo pomeriggio e recentemente è stato uno dei titoli più forti del DAX con guadagni di circa il 2%.

Più recentemente, il prezzo delle azioni è aumentato del 2,13% a 45,38 € tramite XETRA. Tuttavia, viene ancora scambiato a un prezzo inferiore del 2% rispetto a quello di inizio anno.

Francoforte (Dow Jones/DPA – AFX/Reuters)