Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Alto Adige impone uno stop turistico: l’Italia è al confine

L’Alto Adige impone uno stop turistico: l’Italia è al confine

Al confine con l’Alto Adige. Sono ora fissati limiti rigorosi per grandi folle di visitatori.

Una vacanza in Italia è il sogno di molti. Seguire le orme degli antichi romani a Roma, vino in Toscana o nuotare in Sicilia? Ma una regione d’Italia ha la più grande folla di turisti e resiste all’assalto: l’Alto Adige.

“Siamo arrivati ​​al limite. Il limite delle risorse, il limite dei trasporti e la mancanza di alloggi”, ha detto Arnold Schuler, responsabile del turismo presso il consiglio provinciale altoatesino, ora Cnn.

L’Alto Adige, la porta delle Dolomiti, è meta di visitatori in inverno e in estate. L’anno scorso, nella regione di lingua tedesca sono stati ufficialmente contati 34 milioni di pernottamenti. “A volte era insopportabile”, afferma Schuler, il cui governo ha suscitato scalpore con una nuova legge draconiana nel settembre 2022.

Torna ai livelli del 2019

Di conseguenza, gli hotel, gli Airbnb e le pensioni non sono autorizzati ad aggiungere nuove proprietà o camere aggiuntive senza il permesso della loro comunità. Schuller e il suo governo vogliono tornare ai numeri del 2019. All’epoca nella regione erano registrati solo 230.000 posti letto.

Gli operatori delle strutture ricettive hanno tempo fino al 30 giugno 2023 per elencare quanti posti letto hanno affittato quattro anni fa. Secondo Schuler, ogni divano letto dovrebbe essere registrato per questo scopo. Al termine del processo, viene determinato il numero esatto di ospiti pernottanti consentiti per alloggio e per comunità.

I prezzi di affitto e acquisto sono alle stelle

Anche se l’Alto Adige fa molto affidamento sul turismo, la gente apprezza la riduzione. “In questo modo, i turisti staranno meglio, avranno un’offerta di qualità superiore e i residenti staranno meglio”, afferma Schuler. A causa dell’afflusso di visitatori, anche gli affitti in Alto Adige sono aumentati notevolmente. Gli alloggi a prezzi accessibili stanno diventando sempre più difficili per i residenti locali.

I numeri nudi: nella zona vivono circa 532.000 persone, il doppio dei letti d’albergo. “In alcune città, i turisti sono più numerosi dei locali”, afferma Schuler.

Questa relazione dovrebbe ora essere messa a tacere. L’Alto Adige vuole essere una zona turistica, ma anche un luogo dove la gente del posto possa vivere bene. Inoltre, secondo Schuler, i turisti troveranno più difficile, ma non impossibile, trovare un alloggio in futuro.