Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La World Federation bandisce le donne transgender da tutte le competizioni

La World Federation bandisce le donne transgender da tutte le competizioni
annuncio

Monaco. In nome dell’integrità sportiva, “Integrity of Women’s Categories”, l’Associazione mondiale delle federazioni di atletica leggera Atletica Mondiale (WA) ha vietato alle donne transgender di competere. Questo è in vigore dal 31 marzo e colpisce gli atleti che hanno raggiunto la pubertà da giovani. Di recente, sempre più donne si sono lamentate delle distorsioni della concorrenza.

Il tuo attuale livello di testosterone non gioca più un ruolo decisivo. Il presidente dell’Australia occidentale Sebastian Coe ha spiegato dopo una riunione del Consiglio dell’Assemblea che l’unico fattore decisivo è quando un uomo cambia sesso. Lo scorso giugno, la FINA ha deciso di escludere le donne transgender dalle competizioni. La regola qui è che possono partecipare alle competizioni solo se hanno completato il cambio di genere entro i dodici anni.

Youtube

Caricando un video, accetti l’Informativa sulla privacy di YouTube.
saperne di più

scarica il filmato

La decisione ora presa a favore dell’atletica si basa sulla consultazione con le varie parti interessate. Oltre a localizzare, comprendeva anche 40 Società Nazionali e il Comitato Olimpico Internazionale. Coe: “La maggior parte degli intervistati ha affermato che gli atleti transgender non dovrebbero competere nella categoria femminile”. Molti hanno ritenuto che “non ci siano prove sufficienti che le donne trans non abbiano un vantaggio rispetto alle donne biologiche”.

Regole più severe per le donne trans e “bisessuali”.

La World Association ha anche inasprito le norme per l’ammissione a tutte le discipline per gli atleti che presentano varianti dello sviluppo di genere, le cosiddette intersessuali. Tra loro c’è la due volte medaglia d’oro olimpica degli 800 metri dal Sud Africa, Caster Semenya. Questi atleti sono ora tenuti a ridurre i livelli di testosterone nel sangue al di sotto di 2,5 nanomoli per litro. Fino ad ora, il limite era cinque, quindi sarà dimezzato. Inoltre, deve essere inferiore al valore per due anni, non più di un anno.

Almeno l’esclusione delle donne trans non era definitiva, ha sottolineato Ko. “Non diciamo di no per sempre”. Verrà istituito un gruppo di lavoro guidato da transgender per seguire gli sviluppi scientifici sull’argomento: “Non appena saranno disponibili ulteriori prove, rivedremo la nostra posizione. Ma crediamo che l’integrità della categoria femminile nell’atletica venga prima di tutto”. (fh/ds)