Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La terapia ormonale sostitutiva può rallentare l’invecchiamento cellulare: una pratica di guarigione

La terapia ormonale sostitutiva rallenta l’invecchiamento delle cellule epiteliali

Con la terapia ormonale sostitutiva (TOS), il deficit ormonale che si verifica nelle donne durante la menopausa viene compensato artificialmente con i farmaci. La ricerca ha dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva può anche prevenire malattie come l’osteoporosi o il cancro del colon o ridurre i decessi per COVID-19. Può rallentare il processo di invecchiamento cellulare.

Scoprendo un “orologio” epigenetico, i ricercatori dell’Università di Innsbruck sono stati in grado di dimostrare che la terapia ormonale sostitutiva rallenta l’invecchiamento delle cellule epiteliali nelle donne in postmenopausa, ma solo se non hanno il cancro al seno. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla famosa rivista “biologia del genomaIl petto.

La terapia ormonale sostitutiva può anche prevenire l’osteoporosi o il cancro del colon

Le donne in postmenopausa possono manifestare sintomi come vampate di calore, sbalzi d’umore, difficoltà a dormire e perdita ossea a causa dei bassi livelli di estrogeni. La terapia ormonale sostitutiva (TOS) può alleviare questi sintomi e aiutare a ridurre il carico di salute a lungo termine della menopausa.

come in corrente Messaggio Dall’Università di Innsbruck, l’HET può, tra le altre cose, prevenire malattie come l’osteoporosi o il cancro del colon o – come dimostrano studi preliminari – ridurre il tasso di mortalità per COVID.

Gli scienziati intorno a Martin Widschwinter, professore di prevenzione e screening del cancro all’Università di Innsbruck, sono stati ora in grado di dimostrare che la terapia ormonale sostitutiva con progesterone ed estrogeni rallenta l’invecchiamento delle cellule epiteliali postmenopausali.

Secondo gli esperti, le cellule epiteliali coprono le superfici del corpo e le ghiandole interne ed esterne e sono necessarie per il funzionamento della maggior parte degli organi.

READ  Evento nelle contee e numeri RKI oggi (29 ottobre 2022)

Il vantaggio non è stato osservato nelle donne con cancro al seno

Tuttavia, questo beneficio non è stato osservato nelle donne con cancro al seno. Widschwendter spiega che le loro cellule invecchiano alla stessa velocità delle donne che non sono state sottoposte a terapia ormonale sostitutiva.

“Non è ancora chiaro perché la terapia ormonale sostitutiva non rallenti l’invecchiamento delle cellule nelle donne con cancro al seno”, afferma l’esperto.

“Con ulteriori ricerche, tuttavia, potremmo presto essere in grado di utilizzare gli orologi epigenetici per determinare quali donne traggono vantaggio da un invecchiamento cellulare più lento con la terapia ormonale sostitutiva e come possiamo adattarci individualmente alle misure di mantenimento della salute”.

Scoperta di un nuovo “orologio epigenetico”

I risultati dei ricercatori sono resi possibili dalla scoperta di un nuovo “orologio genetico”, chiamato orologio WID-REA, in grado di misurare il processo di invecchiamento delle cellule epiteliali utilizzando campioni di un test di screening del cancro cervicale o un tampone buccale.

Come descritto nel comunicato, l’orologio epigenetico è un test biologico molecolare che verifica la presenza di marcatori sul DNA. Questi cambiamenti chimici sono chiamati metilazione del DNA. Appaiono durante il processo di invecchiamento e sono anche modellati dall’ambiente e dallo stile di vita.

I cambiamenti hanno un impatto importante sul modo in cui viene letto il DNA e sulle funzioni che le cellule possono svolgere. Utilizzando orologi epigenetici, è possibile determinare l’invecchiamento cellulare e quindi stimare la durata della vita di una persona entro pochi anni.

Il tasso di invecchiamento cellulare è associato a maggiori rischi e decessi per alcune malattie, incluso il cancro.

READ  La pandemia di Corona sta riemergendo e nuovi vaccini vengono lasciati indietro - Notizie

“L’attuale studio dimostra l’enorme potenziale degli orologi epigenetici come fonte di informazioni per la nostra era biologica”, afferma la specialista in medicina molecolare Chiara Herzog, uno dei primi autori dello studio.

“Sarebbe particolarmente interessante studiare l’invecchiamento dei singoli tipi di cellule in altre malattie, nonché studiare come contrastare l’invecchiamento precoce”.

Sono stati valutati più di 2000 campioni

Gli scienziati hanno valutato più di 2.000 campioni per lo studio. Come le cellule del seno, le cellule cervicali dipendono dalle cellule epiteliali e ormonali, ma queste ultime sono più accessibili.

I pap test vengono effettuati regolarmente dai ginecologi per gli esami. Per l’applicazione clinica di questo test geriatrico, sono estremamente importanti ulteriori studi approfonditi in collaborazione tra donne, ginecologi e scienziati.

“Gli attuali studi dall’Inghilterra e dall’America dimostrano molto chiaramente che le strategie che rallentano il processo di invecchiamento sono molto più efficaci delle procedure volte a curare le malattie”, spiega Michael Hobalk, MD, un ginecologo di Schwaz.

“Come ginecologi, abbiamo quindi bisogno di test che ci consentano di misurare i processi di invecchiamento e adattare le strategie anti-età – come la terapia ormonale sostitutiva, così come l’esercizio e l’alimentazione – alle esigenze individuali di ogni donna. Questo test di nuova concezione può un contributo molto importante alla medicina preventiva. talk.” (Pubblicità)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.