Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La staffetta tedesca di sci di fondo festeggia con un argento ai Mondiali di Planica

La staffetta tedesca di sci di fondo festeggia con un argento ai Mondiali di Planica

Stato: 02/03/2023 13:48

Poco prima del traguardo, c’erano già le prime lacrime di gioia: la staffetta tedesca di sci di fondo ha festeggiato la medaglia d’argento ai Mondiali di Planica e ha dovuto lasciare che la Norvegia andasse per prima.

Alla fine, Laura Gemmler, Katharina Hennig, Pia Fink e Victoria Karl erano a 20,3 secondi dalle campionesse del mondo in abbonamento, ma giovedì (2 marzo 2023) Svezia e Finlandia hanno mantenuto la distanza nella stellare festa 4x5km. L’atmosfera nella squadra nazionale tedesca.

  • Risultato: staffetta 4×5 km femminile
    Freccia destra

La migliore sciatrice Gimmler aveva messo da parte i suoi sci senza sciolina dietro la forte norvegese Tyrrell Odnes Wing e la svedese Emma Rebohm e ha tenuto duro. Poco prima dell’inizio del primo scambio, il divario si è leggermente allargato, ma con un deficit di 2,5 secondi al quarto posto, tutto era ancora possibile.

Radi Gemler

Anche Laura Gimmler è stata molto soddisfatta del microfono Sportschau: “È stato un giro duro, avevo molto rispetto. Era mio compito tenere il passo con l’anteriore e sono davvero sollevato che sia andata bene”.

Katharina Hennig ha preso il secondo posto e ha subito recuperato terreno. Dopo di che ha persino superato le grandi star scandinave, per poi tornare nel gruppo di quattro per ottenere abbastanza energia sulla via del ritorno in campo.

L’attacco è giusto

La tattica si è rivelata eccezionale e quando lo svedese Ebba Andersson è caduto sull’ultima salita, Hennig è balzato da solo in testa. La Finlandia con Kerttu Niskanen è riuscita a seguire il tedesco, cedendo alla fine Hennig di tre decimi di secondo su Niskanen, la norvegese Astrid Oyre Slind di 5,6 secondi e Andersson di 8,7 che aveva già una certa distanza.

Hennig ha commentato la sua migliore prestazione nel primo: “Sono molto soddisfatto, ho fatto un buon lavoro nell’organizzare la gara. Sono molto orgoglioso che alla fine sono riuscito ad attaccare esattamente come avevo programmato”.

Gli Stati Uniti senza una prima possibilità

Per le americane, che erano tra le favorite nella lotta per la medaglia, la gara a questo punto era già finita: dopo una pessima prestazione della velocista Hailey Swyerbull, Rosie Brennan ha aumentato il distacco. È caduta anche poco prima della salita finale e ha regalato al campione del mondo Jesse Diggins 48 secondi inosservabili durante la salita.

Come previsto, Pia Fink non è riuscita a tenere il comando contro la potente norvegese Ingeveld Flogstad Ostberg, ma come Gimmler e Hennig prima di lei, ha mostrato una gara molto coraggiosa.

Fink supera persino Carlson

La settima classificata a dieci chilometri era a 6,2 secondi dalla Norvegia al traguardo, ma ha difeso coraggiosamente il secondo posto alla Svezia con Frida Carlsson, che ha dovuto rendere omaggio alla fine della sua gara per recuperare il ritardo ed era a 14,2 secondi.

La stessa Pia Fink è rimasta stupita di poter regalare a Carlson un pacchetto come questo: “Non ci avrei mai creduto, mi sono semplicemente sorpreso. Avevo dei pattini davvero buoni e volevo fare del mio meglio perché sapevamo che questa era davvero una buona opportunità per noi”.

Calfa chiarisce rapidamente tutto

La finalista di misura uno Anne Kjersti-Kalva ha chiarito che solo la Norvegia si qualifica per l’oro. Ma il secondo posto è arrivato altrettanto rapidamente: Victoria Karl ha esteso il suo vantaggio sulle svedesi con Maja Dahlqvist e sulla Finlandia con Krista Parmakoski. Alla fine, la Svezia ha vinto la medaglia di bronzo.

Peter Schleckenrieder: “È stata una vera pietra miliare ottenere l’argento qui. I nostri atleti sono al loro meglio, è fantastico quello che hanno messo qui per la performance. La pressione e le aspettative erano alte, ma ora ovviamente lo stiamo facendo a pezzi – giusto ma non vogliamo lasciarlo strappare fino a dopodomani.” Gli uomini seguono.

Carl celebra l’avanzata tattica

L’ultimo corridore, Carl, ha celebrato i suoi colleghi: “Mi motiva davvero il fatto che abbiamo degli sci così buoni e che le altre ragazze pattinino così bene. Quella lentezza mi ha aiutato a non andare troppo veloce e a pattinare bene. Siamo rimaste calme e tattiche, abbiamo fatto tutte un grande passo avanti in testa”.