Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La speranza in un punto di svolta sociale”: abbiamo ancora tempo per salvare la Terra?

Aumentano gli eventi meteorologici estremi: ondate di caldo e piogge torrenziali. Né la Germania è immune dai disastri che gli esperti attribuiscono al cambiamento climatico. Una conferenza sul clima segue la successiva, ma i risultati sono ancora scarsi, come critica il meteorologo Mujib Latif. Con ntv.de parla di come l’umanità può continuare a colpire la curva.

ntv.de: Mr. Latif, India e Pakistan hanno recentemente sperimentato una forte ondata di caldo con temperature pericolose per la vita. Questo è davvero uno sguardo al mondo che ci aspetta con il cambiamento climatico?

Mujib Latif conduce ricerche presso il GEOMAR Helmholtz Center for Ocean Research di Kiel.

(Foto: Photo Alliance / dpa)

Latif Mujib: Assolutamente. Nel mio libro “Heisszeit”, pubblicato nel 2020, avevo già avvertito che il cambiamento climatico incontrollato renderebbe inabitabili alcune regioni del mondo. Questo è già diventato evidente negli ultimi due anni. Alla fine di giugno 2021 si è verificata un’incredibile ondata di caldo nel Canada occidentale con temperature che hanno raggiunto i 50 gradi. Centinaia di persone sono morte per questo. Poco dopo, un’inondazione in Germania ha ucciso quasi 200 persone. In Germania abbiamo sempre avuto la sensazione che cose del genere accadano altrove. Nel frattempo, molte persone si rendono conto che qualcosa del genere può succedere anche in questo Paese. Abbiamo anche avuto estati calde nel 2018 e nel 2019 con un nuovo record di caldo di 41,2 gradi. E siamo solo all’inizio di questo sviluppo, non dobbiamo dimenticarlo.

Riuscirà l’umanità a fermare questo sviluppo?

Non lo so. Il mio libro attuale si chiama Countdown, il che significa che la catastrofe climatica si sta gradualmente avvicinando. Quindi non è più vero che ci sono decenni in cui abbiamo ancora tempo per lavorare. No, il tempo sta finendo. E l’abbiamo appena visto: dir Rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale, che è stato pubblicato pochi giorni fa, ha affermato esattamente questo, che non possiamo più effettivamente limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Ma questo mi era già chiaro nel 2015 con l’accordo di Parigi sul clima. Ciò che resta ora è l’obiettivo di limitare il riscaldamento al di sotto dei due gradi. Anche questa è una sfida formidabile.

Non pensi troppo alle conferenze sul clima, scrivi nel tuo libro – perché alla fine nessuno si attiene agli accordi presi comunque. Quest’anno c’è un’altra conferenza delle Nazioni Unite sul clima in Egitto, la COP 27. Le speranze di questa conferenza sono vane?

READ  Ci salveranno nella crisi degli antibiotici? I fagi uccidono i batteri infettivi

Le conferenze sul clima hanno un aspetto che amo, ed è che l’attenzione del pubblico torna continuamente sulla questione del cambiamento climatico. Ma manca semplicemente la volontà politica. Non necessariamente in Germania, ma a livello globale. Quindi penso che le conferenze sul clima non siano efficaci. Dopo oltre un quarto di secolo di conferenze sul clima, se le emissioni di gas serra continuano ad aumentare, a un certo punto dobbiamo essere onesti e dire: questo non è lo strumento con cui andremo oltre.

Annunci

Conto alla rovescia: il nostro tempo sta finendo: cosa possiamo fare per affrontare la catastrofe climatica

22,00 euro

in offerta amazon.de

Quale pensi sarebbe l’alternativa?

Ho sempre chiesto una coalizione di volenterosi. Sarebbe appropriato se ci fossero paesi che hanno fatto progressi nella protezione del clima. D’altra parte, questa coalizione di volenterosi deve anche essere così coraggiosa da punire altre nazioni che non vogliono partecipare in qualche modo. Altrimenti non funziona. Non puoi commerciare incondizionatamente con la Cina, che è di gran lunga il più grande emettitore di anidride carbonica, rappresentando oltre il 30 percento delle emissioni globali. Non dobbiamo permettere che i nostri mercati siano inondati da prodotti fabbricati insostenibili provenienti dalla Cina o da altri paesi.

Quindi quali prodotti hanno un’elevata impronta di carbonio perché sono realizzati principalmente con energia proveniente da combustibili fossili?

correttamente. I prodotti dalla Cina dovrebbero essere più costosi e dovrebbero esserci dazi doganali. Almeno, fintanto che non esiste uno scambio globale di emissioni o un prezzo globale per l’anidride carbonica. In Germania, abbiamo ridotto le emissioni di CO2 di quasi il 40% dal 1990. Tuttavia, la Cina è in continua crescita e costruisce sempre nuove centrali elettriche a carbone. Adesso è un problema globale. Anche se non esportiamo più CO2 in Germania, questo da solo non sarebbe di grande beneficio.

Le sanzioni sono spesso difficili da attuare, come si può vedere attualmente nella guerra in Ucraina. Il suo effetto direttivo è controverso. Potrebbero davvero essere lo strumento giusto per affrontare un problema globale come il cambiamento climatico che richiede a tutti di agire? Non approfondiranno le trincee?

Certo, ma non conosco alternative. I negoziati sul clima non vanno da nessuna parte. Lo abbiamo visto alla recente conferenza sul clima a Glasgow quando si è trattato di eliminare gradualmente il carbone. Chi ha vietato lì? Cina e India. Ciò dimostra che questi paesi non hanno assolutamente alcun interesse a prendere sul serio la protezione del clima. La Cina continua ad aumentare le emissioni di anidride carbonica. È anche un cattivo esempio per paesi come l’India, anch’essi banditi. E 1,3 miliardi di persone vivono in India, con le attuali emissioni pro capite di anidride carbonica al livello di un paese in via di sviluppo, solo due tonnellate all’anno. Per fare un confronto: in Germania circa nove tonnellate, in Cina più di sette tonnellate. E se l’India si stesse sviluppando allo stesso modo della Cina fossile, come appare in questo momento? Questo sarebbe il grande crollo.

READ  Mal di gola dopo un infortunio Indicatore di tiroidite - Pratica di guarigione

Allo stesso tempo, molte persone in Germania non capiscono perché questo Paese stia ulteriormente riducendo le emissioni, mentre altri Paesi come Cina e India stanno lavorando per aumentare sempre di più le proprie emissioni. Cosa dici loro?

Naturalmente esiste anche una cosa come la giustizia internazionale. Hai appena incluso le emissioni pro capite. Non si può dire a nessun indiano di attenersi a due tonnellate di CO2 all’anno e noi a nove. L’altro punto è la responsabilità storica. La temperatura della superficie terrestre, oggetto di negoziati internazionali e obiettivi climatici, interagisce con le emissioni emesse dall’inizio dell’industrializzazione. In questo senso, i vecchi paesi industriali sono ancora molto avanzati. Quindi penso che i paesi che hanno guidato l’auto nella sporcizia dovrebbero essere i primi a farcela. Tuttavia, allo stesso tempo, dobbiamo mettere i paesi emergenti nelle condizioni di uno sviluppo sostenibile, da un lato, attraverso il trasferimento tecnologico, ma ovviamente anche attraverso il sostegno finanziario. Ecco perché anche noi dobbiamo rinunciare a parte della nostra ricchezza. Non credo sia molto. Non dimentichiamo che abbiamo uno stile di vita sontuoso. Ad esempio, come possiamo buttare dentro così tanto cibo o guidare per le città su macchine enormi?

Se potessi dare consigli al governo federale, quale problema affronterebbe per primo in Germania per rafforzare la protezione del clima?

Se vuoi davvero ottenere qualcosa, la prima cosa che dovresti fare è annullare l’iscrizione alle energie tradizionali. Perché le energie rinnovabili non avranno rivali a buon mercato. I sussidi globali ai combustibili fossili ammontano a circa 500 miliardi di dollari all’anno. Si tratta di sussidi incredibili e sono da 10 a 20 volte superiori a quelli per le energie rinnovabili. Questo è illogico. Quindi vorrei annullare il supporto in Germania. E non intendo solo sussidi per il carbone, intendo concessioni per auto o sussidi per SUV ibridi. Ciò avrebbe consentito di risparmiare un sacco di soldi, circa 50-60 miliardi di euro all’anno in Germania. E quando questi fondi sono disponibili, possono essere utilizzati per espandere le energie rinnovabili.

READ  Un semplice esame del sangue predice in modo affidabile lo sviluppo del cancro al fegato: una pratica curativa

Cosa ti fa sperare che l’umanità continuerà a piegare la curva quando si tratta di cambiamenti climatici?

Molte cose sono successe negli ultimi anni. Prendi la penultima elezione federale. In campagna elettorale, la questione del cambiamento climatico non ha avuto alcun ruolo. D’altra parte, nell’ultima campagna elettorale federale, è stata una delle questioni più importanti, se non la più importante. Quindi puoi vedere che la pressione generale può fare la differenza. Ecco perché è così importante essere un paese libero. Non puoi farlo in Cina o in Russia. Entrambi sono regimi autoritari che sopprimono le opinioni. Pertanto, la democratizzazione del mondo intero è un punto molto importante. Un altro motivo di speranza è l’eliminazione. La sentenza della Corte costituzionale federale dell’anno scorso sulla legge sulla protezione del clima è stata un segnale incredibilmente forte per la popolazione, ma anche per l’economia. Ci sono anche altre sentenze importanti, come quella in Olanda contro Shell oil company. In qualità di presidente dell’Accademia delle scienze di Amburgo, ho notato che il diritto nelle università sta già emergendo. Vedo che il numero di azioni di protezione del clima nei tribunali è in forte aumento.

Vede un cambiamento nella società?

Bene, io sono un ottimista. E sto ancora aspettando una svolta sociale che possa essere possibile anche nella politica mondiale.

Si sente spesso parlare di punti critici nel sistema climatico in cui il superamento di una certa temperatura può portare a improvvisi cambiamenti climatici. Ma qual è la svolta sociale?

Un punto di svolta sociale porta anche a seri cambiamenti in un periodo di tempo relativamente breve, sebbene nella società. Questo accade quando viene soddisfatta una massa critica nella comunità, che può quindi innescare una dinamica massiccia nel movimento. Abbiamo superato una svolta sociale in Germania durante la riunificazione. Ora lo stesso deve accadere in tutto il mondo in termini di protezione del clima. In qualche modo il mondo deve rendersi conto che può essere felice solo se dice addio ai combustibili fossili.

Accadrà davvero?

Non so che. Vacillare tra l’apocalisse e la speranza. Temo che i danni causati dal cambiamento climatico continueranno ad aumentare. E ad un certo punto l’intuizione è così grande che l’umanità funziona.

Kai Stopel ha parlato con una bella risposta