Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La soluzione del Barcellona: devono andare 17 giocatori – il calcio

Quando Joan Laporta, 59 anni, ha iniziato il suo primo mandato come presidente dell’FC Barcelona nel 2003, si è messo subito al lavoro.

I catalani non vincevano un campionato da quattro anni e la situazione nello sport era tesa e Laporta ha completamente ricostruito la squadra.

Sarebbero dovuti andare 14 giocatori e ne sono stati inseriti 11 nuovi. Il Barcellona è diventato campione nel 2005, poi nel 2006, 2009 e 2010. I titoli di Champions League sono seguiti nel 2006 e nel 2009. La svolta di Laporta ha avuto successo e ha gettato le basi per un’era di successo nella storia del club.

Rispetto al 2003, la situazione sportiva dei catalani attualmente è molto eccitante. Il Barcellona sta lottando per recuperare terreno a livello internazionale, è molto indietro rispetto ai leader sia a livello nazionale che internazionale ed è anche gravato da debiti.

Laporta sta pianificando un colpo di stato a Barcellona nel suo secondo mandato!

Secondo il quotidiano catalano “Sport”, dovrebbero andare fino a 17 stelle (!).

Cinque giocatori hanno terminato il loro contratto: Dani Alves (38), Luke de Jong (31), Ousmane Dembele (24), Sergi Roberto (30) e Adama Traore (26 / Wolverhampton) in prestito.

La lista comprende anche: Memphis Depay (28), Sergino Dest (21), Clement Lenglet (26), Oscar Mingusa (22), Neto (32), Samuel Umtiti (28), Ricky Puig (22) e Martin Braithwaite (30 ).

Quattro giocatori sono tornati in prestito e il loro futuro è incerto: Philippe Coutinho (29/Aston Villa), Miralem Pjanic (32/Besiktas), Francisco Trincao (22/Wolverhampton) e Alex Collado (23/Granada).

READ  Il Barcellona presta Coutinho all'Aston Villa

I catalani devono creare spazio nella squadra, togliere i giocatori dal libro paga e generare entrate da trasferimenti in modo che possano ingaggiare nuove stelle, senza violare il quadro del fair play finanziario.

Laporta spera anche di ottenere entrate da un prestito di 1 miliardo di dollari dall’investitore lussemburghese CVC. Il presidente sta anche valutando la vendita del 49% della società di produzione del club, Barça Studios, e una vendita parziale al Barça Licensing and Merchandising.

Solo con l’aiuto di tali accordi il club avrà risorse finanziarie sufficienti per poter ingaggiare nuove stelle, ad esempio Baviera Robert Lewandowski (33). L’attaccante polacco mondiale costerà circa 40 milioni di euro. È in cima alla lista dei desideri di Laporta. Alla squadra catalana interessa anche Ravenha, l’ala destra del Leeds United (25). Il brasiliano ha però un contratto fino al 2024 e dovrebbe essere (estremamente) costoso. Lo stesso vale probabilmente per il capitano del Valencia Jose Gaya (25), soprattutto perché il Barcellona sta cercando un sostituto per la testa di serie Jordi Alba (33) nella posizione di terzino sinistro.

Sono già confermate le integrazioni di Andreas Christensen (26 / svincolato dal Chelsea) e Frank Kessie (25 / svincolato dal Milan). Si dice che il terzino destro Cesar Azpilicueta (32) arrivi dal Chelsea.

Coach Xavi (42), secondo un report “Gli sport“, sottolineando che tutte le posizioni dovrebbero essere raddoppiate, con buoni giocatori. L’allenatore vuole anche continuare ad affidarsi al talento della sua giovinezza. Ansu Fati (19), Gavi (17), Pedri (19), Nico Gonzalez (20) ed Eric sono stati selezionati Garcia (21), Ronald Araujo (23) e Ferran Torres (22) come futuri giocatori chiave.

READ  Il primo giorno di test in Bahrain dal vivo!