Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Slovacchia vuole consegnare aerei da combattimento all’Ucraina

La Slovacchia vuole consegnare aerei da combattimento all’Ucraina

13:54: Mosca definisce i nuovi attacchi all’Ucraina “rappresaglia”.

La Russia ha giustificato i massicci attacchi missilistici contro l’Ucraina in risposta ai combattimenti nella regione di confine russa di Bryansk. “In risposta agli atti terroristici organizzati dal regime di Kiev il 2 marzo nella regione di Bryansk, le forze armate russe hanno lanciato una massiccia offensiva di rappresaglia”, ha detto giovedì a Mosca il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov. Durante la notte, la Russia ha lanciato attacchi missilistici e droni in tutta l’Ucraina in tutto il paese. Secondo le informazioni provenienti da Kiev, sono stati lanciati un totale di 81 missili, inclusi 6 missili ipersonici Kinzhal (Dagger). Konashenkov ha confermato l’uso di missili “Kinzal”. L’attacco ha preso di mira infrastrutture militari, industrie della difesa e sistemi energetici che forniscono elettricità alle aziende.

13:51: La Russia considera “complicato” l’estensione dell’accordo sul grano con l’Ucraina.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha definito “complicata” l’estensione dell’accordo sul grano con l’Ucraina. Come motivo, Lavrov ha citato le clausole dell’accordo che dovrebbero garantire le esportazioni russe di grano e fertilizzanti, ma che non saranno attuate. “Se viene soddisfatta solo la metà del pacchetto, la questione dell’estensione diventa molto complicata”, ha detto giovedì a Mosca. L’accordo, mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, è stato firmato a luglio per consentire l’esportazione sicura di grano ucraino attraverso il corridoio protettivo del Mar Nero. A novembre l’accordo è stato prorogato di quattro mesi. Sarà prorogato automaticamente il 18 marzo, a meno che Mosca o Kiev non si oppongano.

13:50: Parigi: la situazione nella centrale nucleare ucraina “un rischio inaccettabile per la sicurezza”

La Francia ha descritto la situazione nella centrale nucleare ucraina di Zaporizhia come un “rischio inaccettabile per la sicurezza”. La portavoce del ministero degli Esteri francese Anne-Claire Legendre ha detto giovedì a Parigi che il governo francese è “preoccupato” per la rinnovata disconnessione della centrale nucleare dalla rete elettrica dopo gli attacchi russi. Secondo l’operatore, la corrente è stata interrotta alla stazione dopo un attacco russo. Energoatom ha spiegato che Akw sta attualmente operando con l’ausilio di generatori diesel. Questa è la sesta volta dall’invasione russa del sito che i generatori di emergenza hanno dovuto funzionare.

13:18: i prezzi del gas in Europa sono al livello più basso da oltre un anno e mezzo

I prezzi all’ingrosso del gas in Europa hanno continuato a scendere, raggiungendo il minimo di 19 mesi. Il contratto futures TTF della borsa energetica olandese, che funge da riferimento, è sceso brevemente a 40,50 euro giovedì mattina ed è rimasto ben al di sotto di 45 euro per MWh complessivamente. Nonostante le attuali temperature inferiori alla media nella maggior parte dell’Europa occidentale e settentrionale, gli analisti di Energy Denmark hanno affermato che “i prezzi del gas sono relativamente stabili”. Ciò è in parte dovuto al fatto che gli impianti di stoccaggio sono ancora ben riforniti. Finora l’inverno è stato relativamente mite.

13:11: Il parlamento svizzero vota per consentire la resa delle armi

Il Consiglio nazionale svizzero ha votato con una risicata maggioranza per consentire consegne di armi dalla Svizzera all’Ucraina, ma a condizioni estremamente irrealistiche. La Grande Camera del Parlamento ha votato mercoledì 98 contro 96 con due astensioni per concedere al Consiglio federale un permesso eccezionale per la riesportazione di armi fabbricate in Svizzera, che è attualmente vietata dalla legge sulla neutralità svizzera. Tuttavia, questo passaggio presuppone la condanna della guerra di aggressione della Russia in Ucraina da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Poiché la Russia ha il potere di veto nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, questo scenario è fuori discussione. Nonostante le forti pressioni di Kiev e dei suoi alleati, la Svizzera ha finora rifiutato di consentire ai paesi che possiedono armi di fabbricazione svizzera di esportarle in Ucraina. Le richieste di Germania, Spagna e Danimarca sono state respinte in riferimento alla legge svizzera sui materiali bellici, che vieta la consegna di armi nelle zone di guerra.

13:03: Interruzioni di corrente in tutta l’Ucraina dopo gli attacchi russi

L’elettricità è stata interrotta in diverse regioni giovedì dopo i massicci nuovi attacchi missilistici russi contro l’Ucraina. “Non c’è elettricità in tutta la città. Pertanto, siamo passati ai generatori per le infrastrutture critiche e le strutture mediche”, ha detto in televisione il sindaco di Kharkiv, una grande città nell’est del Paese, Ihor Terekov. Non c’è acqua nemmeno a Kharkiv e il riscaldamento non funziona. La città è stata colpita da almeno 11 razzi nella notte di giovedì.

12:49: Polonia: altri dieci carri armati Leopard sono stati consegnati all’Ucraina

Come annunciato, la Polonia nel frattempo ha consegnato altri dieci carri armati Leopard all’Ucraina. Il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha dichiarato giovedì che i carri armati Leopard 2A4 di fabbricazione tedesca sono il contributo di Varsavia a un importante battaglione di carri armati. Di conseguenza, il battaglione dovrebbe essere integrato con carri armati provenienti da Canada, Norvegia e Spagna. La Polonia creerà anche un centro di manutenzione per i principali carri armati. Varsavia ha annunciato martedì che i carri armati sarebbero stati consegnati entro la fine della settimana. In totale, Varsavia ha annunciato la consegna di 14 carri armati Leopard 2 a Kiev.

12:41: la Slovacchia vuole consegnare aerei da combattimento all’Ucraina

La Slovacchia, insieme alla Polonia, vuole fornire all’Ucraina aerei da combattimento MiG-29 sovietici. Il ministro della Difesa Jaroslav Nad ha annunciato giovedì su Facebook. Nad ha fatto riferimento a un incontro con il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak mercoledì a Stoccolma. Ha aggiunto: “Confermo che la Polonia ha ufficialmente accettato di consegnare congiuntamente MiG all’Ucraina”. Nad non ha dato un orario specifico. Il presidente polacco Andrzej Duda aveva annunciato in precedenza la disponibilità del suo paese in linea di principio. Il ministro della Difesa slovacco ha messo in guardia contro la fretta di consegnare aerei da combattimento nel Paese attaccato dalla Russia: “Penso che sia ora di prendere una decisione. La gente in Ucraina sta morendo. Possiamo già aiutarla. Quindi non c’è più spazio per la politicizzazione. È disumano e irresponsabile”.

12:01: Il Cremlino non crede negli assassini privati ​​ucraini nel Nord Stream

Il Cremlino ha descritto come inaffidabili i rapporti di un presunto gruppo filo-ucraino dietro gli attacchi ai gasdotti Nord Stream. “Per quanto riguarda il malvagio medico filo-ucraino che si dice abbia organizzato tutto questo, è difficile credergli”, ha detto Peskov, portavoce del Cremlino, all’agenzia di stampa Interfax. Ha aggiunto che poche agenzie di intelligence possono svolgere un simile compito.

11:52: Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica critica il lavoro della sua agenzia

Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, ha criticato la gestione dell’interruzione di corrente alla centrale nucleare di Zaporizhia in Ucraina. “Cosa possiamo fare per evitare che ciò accada?”, si è chiesto Grossi in una riunione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica. “Noi, l’AIEA, dovremmo occuparci della sicurezza nucleare. Ogni volta che tiriamo i dadi. E se permettiamo che accada ancora e ancora, un giorno la nostra fortuna si esaurirà”.

11:43: l’Arabia Saudita si rende disponibile come mediatore

L’Arabia Saudita è pronta a svolgere il ruolo di mediatore tra Russia e Ucraina – ha confermato il ministro degli Esteri Faisal bin Farhan Al Saud in un incontro con il ministro russo Sergey Lavrov. Lavrov ha osservato in una conferenza stampa congiunta a Mosca che l’Arabia Saudita e altri paesi avevano già mediato lo scambio di prigionieri di guerra tra Russia e Ucraina.

11:13: Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica esorta Aku Zaporizhia ad sbrigarsi

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica è allarmata dalla rinnovata interruzione delle normali forniture di energia alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhia. Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, Rafael Grossi, ha affermato che questa è stata la sesta volta che la più grande centrale nucleare d’Europa ha dovuto passare ai generatori diesel di emergenza a causa della guerra. Grossi ha avvertito: “Tiriamo i dadi ogni volta. E se continuiamo a farlo, un giorno la nostra fortuna si esaurirà”. Non dovrebbe andare avanti così. È ora di creare una zona di sicurezza attorno alla centrale elettrica. Grossi ha detto che continuerà i suoi sforzi in questo senso. Le centrali nucleari dipendono da una fonte di energia affidabile per un funzionamento sicuro.

11:06: Un ministro slovacco vuole una decisione sugli aerei da combattimento

Il ministro della Difesa slovacco Jaroslav Nad ha chiesto al suo paese di prendere una decisione sulla consegna dei caccia MiG-29 all’Ucraina. “È ora di prendere una decisione”, ha scritto Nad su Facebook. “Le persone muoiono in Ucraina, possiamo davvero aiutarle, non c’è posto per la politica slovacca”. Mercoledì ha parlato con il suo omologo polacco. Ha detto che il suo paese accetterà un progetto congiunto per consegnare aerei da combattimento all’Ucraina.

10:58: la Russia riferisce di un tentativo di attacco nella regione separatista della Transnistria

Secondo l’agenzia di stampa russa RIA, nella regione della Transnistria, che si è separata dalla vicina Repubblica di Moldavia, è avvenuto un attentato a un leader separatista. La RIA ha riferito che i servizi di sicurezza locali nella regione separatista, con il sostegno di Mosca, hanno sventato il piano. L’agenzia ha citato funzionari della sicurezza che affermano che l’assassinio è stato ordinato dai servizi di intelligence ucraini.

Tensioni e timori che la Russia possa provocare un’escalation in Transnistria, dove sono di stanza anche soldati russi, imperversano da settimane nella candidata Moldavia. Il presidente moldavo Maia Sandu ha accusato la Russia di aver pianificato un colpo di stato.