Luglio 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La scoperta sotto il “Grand Canyon” di Marte stupisce gli esperti

  • A partire dalBandiera di Tanya

    Vicino

Sotto Valles Marineris, il “Grand Canyon di Marte”, i ricercatori hanno scoperto una grande quantità di acqua con l’aiuto del “Trace Gas Orbiter” europeo-russo.

Francoforte – C’è acqua su Marte, soprattutto ai poli, e questo è già noto. Ma ora i ricercatori hanno fatto una nuova scoperta rivoluzionaria sul Pianeta Rosso: enormi quantità di acqua in un’area chiamata Valles Marineris (Mariner Valleys). È un enorme sistema di faglie che si estende per 4.000 km di lunghezza e 700 km di larghezza e ha valli profonde fino a 7.000 m. Il sistema è anche chiamato il “Grand Canyon” di Marte ed è il fulcro della nuova scoperta.

Per trovare l’acqua nel Grand Canyon su Marte, i ricercatori hanno valutato i dati del Gas Orbiter Trace (TGO) europeo-russo, che orbita intorno al Pianeta Rosso dall’ottobre 2016. La sonda contiene lo strumento FREND (rilevatore di neutroni esterno). Precision Resolution) a bordo, che può guardare fino a un metro sotto la superficie di Marte e rilevare l’idrogeno, un componente dell’acqua.

Igor Mitrofanov, dell’Istituto di ricerca spaziale dell’Accademia russa delle scienze di Mosca è l’autore principale di un nuovo studio che descrive la scoperta dell’acqua su Marte e Pubblicato sulla rivista specializzata Icarus Sarà.

Hanno scoperto enormi quantità di acqua nel “Grand Canyon di Marte”

Con l’aiuto dello strumento FREND, i ricercatori sono stati in grado di rilevare un’area con “un contenuto di idrogeno insolitamente alto” nel sistema della Valles Marineris Valley, ha riferito Mitrofanov in una comunicazione dell’Organizzazione spaziale europea ESA.

JM Marineris su Marte. I ricercatori hanno scoperto grandi depositi di acqua lì.

© DLR / dpa

“Supponendo che l’idrogeno che vediamo sia legato alle molecole d’acqua, il quaranta percento del materiale vicino alla superficie in questa regione sembra essere acqua”, riassume il ricercatore la scoperta su Marte. Si dice che l’area in cui gli scienziati sospettano che l’acqua abbia le dimensioni dei Paesi Bassi e si estenda in profonde valli in un’area chiamata Candor Chaus.

READ  Google Pixel 6: il telefono Android 12 di Google può fare proprio questo

Per rilevare l’acqua su Marte, Mitrofanov e altri scienziati hanno valutato le osservazioni da maggio 2018 a febbraio 2021. Lo strumento FREND non ha rilevato luce, ma neutroni. “I neutroni vengono generati quando particelle ad alta energia note come raggi cosmici galattici colpiscono Marte”, spiega il coautore Alexei Malakhov. Il terreno asciutto emette più neutroni del terreno umido, quindi è stato possibile dedurre quanta acqua c’era nel terreno. Poiché FREND consente una migliore risoluzione spaziale rispetto ad altri strumenti, ora è possibile rilevare l’acqua che non è stata osservata prima.

I dati dell’orbiter Esa-Mars TGO mostrano l’acqua a Valles Marineris. La scala colorata mostra la quantità di “idrogeno equivalente in acqua” (WEH) in peso (wt%).

© I. Mitrofanov et al. (2021)

Acqua su Marte: i ricercatori valutano i dati di un rover europeo intorno a Marte

“Abbiamo scoperto che una parte centrale di Valles Marineris è piena d’acqua, molta più acqua di quanto ci aspettassimo”, conferma Malakhov, confrontando il ritrovamento con la terra: “Questo è simile alle regioni del permafrost sulla Terra dove il ghiaccio d’acqua è il risultato di un persistente basso temperature al di sotto del suolo asciutto”. L’acqua può esistere come ghiaccio o come acqua chimicamente legata ad altri minerali nel suolo. “In generale, pensiamo che quest’acqua sia più presente sotto forma di ghiaccio”, afferma Malakhov, riassumendo i risultati del team di ricerca.

JM Marineris Il sistema della Rift Valley su Marte
posizione all’equatore
Lungo 4000 km
largo Fino a 700 km
Profondità fino a 7000 metri

Nella regione di Marte dove i ricercatori hanno trovato l’acqua, il ghiaccio d’acqua di solito evapora a causa delle condizioni di temperatura e pressione; Lo stesso vale per l’acqua legata chimicamente: solo con la giusta combinazione di pressione, temperatura e acqua i minerali su Marte perdono acqua. Ciò indica che a Valles Marineris ci deve essere un mix speciale di condizioni per conservare l’acqua – o per ricostituirla, secondo un annuncio dell’Esa.

READ  Offerte tecnologiche di LG e Samsung

Mars Research: “Un primo passo incredibile”

Håkan Svedhem, coautore dello studio e dipendente Esa, sta già guardando al futuro: “Questa scoperta è un ottimo primo passo, ma abbiamo bisogno di ulteriori osservazioni per sapere con certezza che aspetto ha l’acqua”. , le capacità della strumentazione “Trace Gas Orbiter”, che mostra “un grande serbatoio d’acqua non molto profondo e facilmente accessibile in questa regione di Marte”.

Il “Trace Gas Orbiter”, che orbita attorno a Marte dal 2016, è la prima parte del programma ExoMars europeo-russo. La seconda parte è il lancio sul Pianeta Rosso nel 2022: il rover europeo Rosalind Franklin siede sulla piattaforma russa “Kazachok” e dovrebbe scoprire se c’è vita su Marte. Non è solo in questo compito: anche il rover Curiosity and Perseverance della NASA assume questo compito. La nuova sonda “Perseverance” su Marte ha recentemente suscitato molto scalpore: prima ha risolto “uno dei più grandi misteri” su Marte, poi ha risposto a una domanda su Marte di cui i ricercatori hanno finora disperato bisogno. (scheda)

Foto dell’elenco di base: © Nasa / JPL / USGS