Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La prevalenza delle proteine ​​tossiche: nuove scoperte sul decorso della malattia di Alzheimer

proliferazione di proteine ​​tossiche
Nuove scoperte sul decorso della malattia di Alzheimer

È la più comune malattia neurodegenerativa della vecchiaia e quindi della paura: l’Alzheimer. Tuttavia, non si sa molto al riguardo. Gli scienziati stanno ora acquisendo nuove conoscenze sulla riproduzione di proteine ​​dannose nel cervello delle persone infette.

Mondo università di Cambridge Hanno acquisito nuove conoscenze sul percorso cerebrale dell’Alzheimer. In un documento di ricerca pubblicato venerdì su Science Advances, i ricercatori spiegano che gli accumuli di proteine ​​​​tossiche nel cervello, che sono considerate responsabili del declino cognitivo, si diffondono presto e poi si accumulano nel corso di decenni. I risultati potrebbero portare a significativi progressi nella ricerca sui metodi di trattamento.

Due tipi di proteine ​​sono chiamate tau e beta-amiloide È stato a lungo collegato alla malattia di Alzheimer. Le due proteine ​​si diffondono nel cervello e formano le cosiddette aggregazioni, che portano alla morte delle cellule cerebrali e al restringimento del cervello. Questo, a sua volta, porta a perdita di memoria, cambiamenti di personalità e altri sintomi della malattia.

Piccoli aggregati si moltiplicano in tutto il cervello

Tuttavia, fino ad ora i ricercatori hanno ipotizzato che in un’area del cervello si formino grappoli di queste proteine ​​per poi diffondersi in altre aree in modo simile al cancro. Questo è particolarmente osservato nei topi. Il nuovo studio si basa su indagini sulla diffusione delle proteine ​​tau nell’uomo e suggerisce un percorso diverso, secondo il quale la diffusione avviene da regione cerebrale a regione cerebrale, ma non è conclusiva.

“Una volta che abbiamo cellule germinali, piccole aggregazioni in tutto il cervello, semplicemente si moltiplicano”, spiega George Maisel, uno scienziato coinvolto nello studio. Può essere paragonato al coronavirus: all’inizio della pandemia, il divieto di viaggio si è rivelato inefficace nel fermare la diffusione del virus perché si stava già diffondendo nei paesi che stavano cercando di tenerlo lontano.

Nelle loro indagini, i ricercatori hanno utilizzato quasi 400 campioni di cervello post mortem di pazienti con Alzheimer e 100 scansioni PET di persone che convivono con la malattia. È la prima volta che i ricercatori sono stati in grado di utilizzare i dati umani per determinare la velocità dei processi molecolari nella malattia di Alzheimer.

Fino a 35 anni di età fino allo stadio terminale della malattia

Gli studi hanno dimostrato che occorrono circa cinque anni perché il numero di aggregati tau nel cervello raddoppi. Maisel dice che questo è “incoraggiante” perché mostra che i neuroni nel cervello sono davvero bravi a resistere ai grumi. “Se possiamo fare un po’ meglio, potremmo essere in grado di ritardare in modo significativo l’insorgenza di una malattia grave”.

Secondo i ricercatori, dall’esordio dei primi sintomi lievi agli stadi finali della malattia occorrono circa 35 anni. Se la tau totale quasi raddoppia in cinque anni, il loro numero aumenta di 128 volte in 35 anni. Questa crescita esponenziale “spiega perché la malattia impiega così tanto tempo a svilupparsi e perché i malati peggiorano così rapidamente”, afferma Maisel.

I risultati potrebbero anche aiutare a sviluppare trattamenti per altri tipi di demenza o lesioni cerebrali traumatiche. “La tau è la proteina responsabile di numerosi casi di demenza”, spiega Sarah Emariccio di Alzheimer’s Research UK. “Speriamo che questi e studi simili per sviluppare future terapie mirate alla tau contribuiscano a rallentare i processi patologici stessi”.

READ  Grave carenza di vitamina B12: come riconoscere i sintomi