Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La prevalenza del cancro della pelle: nuovi fatti e cifre / La prevenzione attraverso il controllo…

Alleanza Solare

No sì

Le scottature solari e l’esposizione incontrollata al sole all’aperto, con una maggiore esposizione ai raggi UV, possono aumentare il rischio di cancro della pelle. I tipi di pelle chiara e le predisposizioni genetiche sono più a rischio. D’altra parte, un’esposizione al sole moderata ed equilibrata non solo contribuisce notevolmente a uno stile di vita sano, ma previene anche lo sviluppo di melanomi maligni con produzione di vitamina D.[1]E il[2] Se ti interessa la giusta dose di luce UV in base al tuo tipo di pelle, non c’è bisogno di evitare il sole o rinunciare alle vacanze estive e abbronzarsi in modo sano.

Il cancro si è diffuso. Una diagnosi che è probabilmente uno scenario terrificante per tutti. Ma il cancro non è solo cancro. Ad esempio, il melanoma è uno dei tumori che si dice abbia le migliori possibilità di cura: il Robert Koch Institute (RKI) ha deciso nel 2021 che i tassi di sopravvivenza relativi a 10 anni nel 2018 per le donne con melanoma maligno. La pelle in Germania è del 94% e il 93% è per gli uomini.[3] Secondo l’RKI, il cancro della pelle è responsabile solo dell’1,25% di tutti i decessi per cancro. Ogni anno vengono diagnosticate circa 328 persone su 100.000. Il melanoma bianco è stato riscontrato in 290 delle persone colpite, che si diffonde raramente ed è quindi relativamente innocuo. Nei restanti 38, un dermatologo ha riscontrato il melanoma maligno più grave. Poiché questo tumore della pelle viene spesso rilevato nelle prime fasi, il trattamento ha successo nella maggior parte dei casi.[4]

I fattori di rischio che, secondo l’RKI, aumentano il rischio di sviluppare il cancro della pelle sono, tra gli altri, congeniti o ereditari: i fattori di rischio congeniti più importanti includono nei pigmentati particolarmente grandi già presenti alla nascita e il tipo di pelle chiara. Se diversi parenti di primo grado hanno un melanoma maligno, ciò può indicare un aumento del rischio in famiglia a causa di mutazioni ereditarie. E l’uso irresponsabile della luce solare e dei raggi UV può avere anche degli svantaggi, perché le scottature a qualsiasi età aumentano il rischio: anche chi è stato esposto ai raggi UV incontrollati in qualche fase della vita, infanzia, adolescenza o età adulta, ha un aumento. Presunto rischio di cancro della pelle. Questo perché il melanoma maligno deriva principalmente da un’esposizione UV simile a un trauma in cui la pelle non è in grado di adattarsi a un’esposizione UV più intensa, ad esempio a causa delle frequenti vacanze estive con luce solare intensa. Prima di andare in vacanza al Sud, la pelle dovrebbe abituarsi pian piano agli indici UV più alti. Perché la consistenza e l’abbronzatura della pelle che ne derivano, nonché la vitamina D associata, forniscono una protezione immediata contro il melanoma maligno e le sue conseguenze.[5]E il[6]

READ  La vitamina D, gli Omega-3 e l'esercizio fisico possono proteggere efficacemente gli anziani - guarigione dall'esercizio

Se il sole, allora giusto. Il controllo è importante.

Dosare, abituarsi lentamente ed evitare le scottature solari sono i modi migliori per prevenire il cancro della pelle. Entrambi demonizzano i raggi ultravioletti del sole o del solarium, perché se usati correttamente proteggono dai tumori maligni della pelle.

Allora cosa fare se non si vuole rinunciare a un rilassante bagno di sole, una leggera abbronzatura e un equilibrato livello di vitamina D? Un’alternativa sicura e professionale all’abbronzatura all’aperto è quella di utilizzare i moderni solarium negli studi di abbronzatura con personale professionalmente preparato. Questi offrono tutti i benefici dell’abbronzatura ma con una consulenza cutanea qualificata e in un ambiente controllato. Negli studi di abbronzatura, l’intensità e la durata dell’esposizione ai raggi UV vengono adattate individualmente al tipo di pelle interessata da personale addestrato e dalla tecnologia del sistema intelligente. Un altro vantaggio è una visita controllata al solarium, ha affermato il professor D. Il medico Jörg Spitz, presidente del consiglio di amministrazione di SonnenAllianz – un progetto della Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione della salute – spiega: “Quando esposta ai raggi UV, la pelle produce vitamina D.[7] L ‘”ormone solare” nel nostro corpo svolge compiti importanti in molti luoghi. La vitamina D non è solo coinvolta nella formazione di ossa e muscoli, ma svolge anche un ruolo importante nel sistema cardiovascolare, nel sistema immunitario e respiratorio ed è necessaria per diverse funzioni cerebrali. Si raccomanda inoltre un livello adeguato di vitamina D per prevenire la maggior parte dei tipi di cancro. “L’ultimo punto, ma non meno importante, riguarda la praticità. Se alle nostre latitudini tempo libero e clima non si incontrano spesso, in studio c’è sempre il sole – ad esempio in parte nelle ore serali – che garantisce uno dei presupposti per una sana abbronzatura: regolarità.

READ  Virologo aggressore di Francoforte sull'aumento dei casi di virus: "Ci siamo rilassati quattro settimane prematuramente" | hessenschau.de

Maggiori informazioni su cancro e vitamina D possono essere trovate sul sito web https://ots.de/lEuskC

Informazioni sull’alleanza del sole:

A chiarire i problemi legati ai bassi livelli di vitamina D e all’incomprensione che circonda il sole, la Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione della salute guidata dallo specialista in medicina nucleare, medicina preventiva e medicina della nutrizione e fondatore dell'”Accademia umana di medicina”, il prof. . Dr. fondatore medico Jörg Spitz SonnenAllianz. Consapevole e positivo nei confronti del sole.Tra le altre cose, SonnenAllianz vuole rendere noti e trasparenti al grande pubblico gli aspetti che promuovono la salute del sole, sfatando allo stesso tempo miti in pubblico discussione con fatti scientifici.

[1] Newton Bishop JA, Beswick S, Randerson Moore G, Chang YM, Affleck B, Elliott F, … Bishop DT (2009). I livelli sierici di 25-idrossivitamina D3 sono correlati allo spessore di Breslow alla presentazione e alla sopravvivenza dal melanoma. Giornale di oncologia clinica, 27 (32), 5439-5444. doi: 10.1200/jco.2009.22.1135

[2] Berwick M, Armstrong B, Fine G, Krecker A, Eberle C, Barnhill R (2005). Risposta: Re: esposizione al sole e mortalità per cancro della pelle. JNCI: Journal of National Cancer Institute, 97 (23), 1791-1791. doi: 10.1093/jnci/dji411

[3] https://www.krebsdaten.de/Krebs/DE/Content/Krebarten/Melanom/melanom_inhalt.html

[4] https://ots.de/Q4mZE4

[5] Dixon K, Tongkao ON W, Sequeira V, Carter S, Song E, Repchen M, … Mason R (2013). Vitamina D e morte per luce solare. Giornale internazionale di scienze molecolari, 14(1), 1964-1977. doi: 10.3390/ijms14011964

[6] Muralidar S, Filia A, Nsengimana J, Pozniak J, Oshea SJ, Diaz JM, … Newton-Vescovo J (2019). La segnalazione della vitamina D-VDR inibisce lo sviluppo del melanoma mediato da Wntss-catenina e migliora l’immunità contro i tumori. Ricerca sul cancro, 79 (23), 5986-5998. doi: 10.1158/0008-5472.can-18-3927

READ  Questo è il motivo per cui il tasso di infezione da coronavirus di Berlino è la metà di quello nazionale - BZ Berlin

[7] Biersack MG: tesi del 2016, Charité – Universitätsmedizin Berlin: Effetto dell’esposizione ai raggi UV di eritema triplo sull’umore e sul livello di vitamina D in giovani volontari sani.

Contatto con i media:

The SonnenAllianz – A nome della Fondazione tedesca per
Informazione sanitaria e prevenzione
Sig. Dott. Jörg Spitz
Tel: +49 (0) 6129 488817
E-mail: [email protected]

InfoRelations ek,
Rudolf Jeschenko, Zehdenicker Str.12a, 10119 Berlino
Cellulare: +49 172 2509103
E-mail: [email protected]

Contenuto originale da: SonnenAllianz, trasmesso da aktuell news